Ma veramente….

Siccome, come dico sempre, non mai limite al peggio, per non farci mancare proprio ma proprio nulla al movimento zeroneuronale delle sardine si è aggiunto quello altrettanto zeroneuronale delle sardine nere!
Cioè, invece dei bianchi ci sono dei negri, degli immigrati, ovviamente in maglietta ROSSA per far capire chi li comanda, che vengono a pretendere diritti A CASA NOSTRA! Mai una volta che manifestino in Africa…
Ebbene, questo ennesimo triste teatrino si è svolto a Napoli ad opera del movimento migranti e rifugiati che afferma: ” Le sardine nere sono tutte quelle sardine che non sono potute scendere nelle piazze italiane di queste ultime settimane, perché considerate diverse dalle altre Sardine”.
Quindi le sardine, quegli idioti che dicono di essere contro l’odio ma che sono i primi a odiare solo Salvini, con tanto di cartello dove è impiccato, sono razzisti??? Non hanno permesso agli immigrati di sfilare con loro???
O sono gli immigrati a volersi sempre distinguere per fare del patetico vittimismo?
Ma il delirio prosegue:
“Le sardine nere sono quelle sardine che hanno attraversato il deserto, sono fuggite ai campi libici e adesso nuotano nel Mare della Burocrazia e del Razzismo Istituzionale. Le sardine nere aspettano di avviare da mesi la procedura per il riconoscimento della protezione internazionale, aspettano il loro permesso ancora bloccato negli Uffici Immigrazione”.

Eh no! Le sardine nere sono coloro che hanno abbandonato il proprio Paese invece di rimanere e lottare per una vita migliore e sono arrivati ILLEGALMENTE in Italia per farsi mantenere dagli italiani e trovarsi la pappa bella e pronta!
Perchè darsi da fare e lottare nel proprio Paese quando ne esiste uno in cui degli accoglioni ti danno tutto quello che vuoi?
Ma per questi non è mai abbastanza, infatti subito si permettono di accusare il ministro più amato dagli italiani sani di mente:
“Da quando è entrato in vigore il Decreto Sicurezza di Matteo Salvini non riescono a convertire la protezione umanitaria in permesso di soggiorno per lavoro.
Così facendo sono condannate a nuotare silenziosamente dentro a un mare di odio, invisibilità, razzismo e sfruttamento”.

Infatti è giusto così, miei cari immigrati/sardine: qui il lavoro scarseggia e quindi andrebbe dato prima agli italiani! Il permesso umanitario è altra cosa e lo si dà solo ai rifugiati VERI, che sono una scarsissima minoranza di voi.
Poi ci sono i vostri amichetti rossi delle coop che vi sfruttano con paghe da fame e voi ve la prendete con noi….
Ora, io sono sempre stata contro i movimenti di suprematisti bianchi perchè ritengo che le razze sì esistono, perchè siamo tutti diversi, ma che ogni razza è bella e speciale e che siamo tutti fratelli, tra persone oneste, però una domanda mi sorge spontanea: come mai voi africani siete sempre quelli che venite in casa degli altri a rompere i coglioni e a pretendere diritti che non avete qui ma che dovreste pretendere nel vostro Paese? Perchè non vedo mai cinesi, ecuadoregni, peruviani, russi, romeni ecc. fare questi teatrini e pretendere? Forse perchè loro sono abituati a darsi da fare, lavorare e guadagnarsi il pane? Forse perchè loro vogliono veramente integrarsi e hanno capito che ci si integra lavorando, comportandosi bene e vivere come gli italiani?
Non vi stanno bene le nostre leggi? TORNATE IN AFRICA!  Andate lì, a casa vostra, a protestare e a pretendere!
In Italia generazioni di italiani hanno lottato, versato sangue e sudore per avere diritti e una vita migliore! La sinistra ci ha tolto tutto e noi rilotteremo!
Fate altrettanto a casa vostra, grazie.
L’Italia è degli ITALIANI, non degli africani

Categorie: Senza categoria | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “Ma veramente….

  1. Ciao!! Sei tornata.
    Che piacere rileggerti!

    Piace a 1 persona

  2. Cara Indy, parole sante le tue, come sempre. Ma le sardine e i loro compari fanno come le tre scimmiette (oddio che ho detto!) “non vedo, non sento…..ma parlo eccome se parlo (anche se non so la lingua ci sono tanti maestrine dalla penna rossa che mi preparano il canevaccio del discorso, anzi della lagna)”

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: