Archivi del mese: gennaio 2018

Altri esempi di sub umani

Levrieri spagnoli torturati e uccisi quando non servono più

L’infinita cattiveria e il sadismo dei sub umani non conosce confine nè razza nè paese nè religione: appartiene solamente a certi scarti degli umani, quelli con il cervello inferiore che non è in grado di provare sentimenti come empatia e pietà o amore.
Questa volta andiamo nell’assolata Spagna, tristemente già famosa per l’orribile “tradizione” della corrida, degli asini lanciati giù dai palazzi dopo essere stati seviziati, dei galli decapitati in squallidi tornei e altre mostruosità che hanno per protagoniste vite innocenti.
La caccia è un cancro anche lì come nel resto del mondo e i bastardi sadici usano i bellissimi e nobili cani delle antichissime razze galgos e podencos, i levrieri spagnoli, dalla grande agilità e l’impareggiabile fiuto, per il loro rivoltante divertimento ( uccidere animali indifesi).
I cani vengono selezionati in modo atroce fin dalla nascita: i cuccioli che sembrano più delicati, non adatti alla caccia oppure che hanno paura, come è normale che sia, degli spari o che, come natura vorrebbe, si mangiano le prede che catturano, vengono uccisi in modo crudele.
Gli altri, i prescelti, vivranno una vita di stenti, maltrattati e malnutriti, costretti a vivere in spazi angusti e bui per paura che qualche altro delinquente li rubi ( di tenerli in casa, ovviamente, con certi mostri non se ne parla).
maltrattamento galgo
Per testarne la velocità vengono perfino legati ad una macchina o a una moto e spesso, come si può facilmente immaginare, muoiono.

levrieri uccisi spagna2
La loro speranza di questa vita miserevole è di tre o cinque anni, sette o otto per quelli destinati alla riproduzione.
Considerati al pari delle cose, sicuramente meno di un fucile di merda, quando non servono più, quando non sono più ritenuti idonei e non rispettano al 100% le aspettative dei bastardi col fucile la loro fine è semplicemente atroce!
L’ignobile galghero, il cacciatore spagnolo,infatti, ritiene più sensato acquistare a dieci euro ciascuno altri galgos o podencos piuttosto che spendere soldi per nutrire e curare quelli che già possiede e che magari hanno un calo di prestazione ( facessero la stessa cosa quelle poverette che li hanno per marito!).
I poveri cani vengono portati nei campi convinti di fare, finalmente, un giretto, invece le merde sub umane li legano e tagliano loro le zampe per non farli più tornare a casa.
Ma non solo: i nostri migliori amici vengono lapidati, impiccati, affogati, bruciati con la benzina, sepolti vivi, gettati vivi in pozzi profondi a morire di stenti, di fame e di sete, torturati in ogni modo.
La morte arriva lenta e la sofferenza è inimmaginabile.

levrieri uccisi spagna1
Ogni anno in Spagna, dopo una vita di stenti e botte, 50 mila levrieri vengono uccisi in questo modo orribile.
Numeri approssimativi perchè quasi tutti i galgheri di merda non registrano i cani all’anagrafe, non si prende la briga di vaccinarli o di portarli dal veterinario quando stanno male.
Evito di mettere le immagini perchè sono davvero sconvolgenti e so che chi mi segue ama gli animali quanto me e non voglio turbarne la sensibilità.
Le autorità spagnole conoscono bene tutto questo ma evidentemente qualcuno ha i propri interessi nel fare in modo di non fermare l’olocausto dei levrieri!
Oltretutto le merdose leggi spagnole sono dalla parte dei mostri che “allevano” i cani: i galgos, infatti,  sono considerati cani da lavoro e sono quindi esclusi dalle normative in materia di crudeltà di cui godono gli animali domestici.
Per assurdità sono quindi considerati come delle macchine da lavoro da sfruttare fino allo stremo ed essere gettati nella spazzatura quando non servono più.
Solo che nessuno tortura, impicca, brucia le macchine.
Le associazioni spagnole per la protezione degli animali hanno denunciato il massacro dei galgos e hanno chiesto di proibire l’uso dei cani da corsa nella caccia con il sostegno di 50.000 firme.
Purtroppo esistono anche i sadici pervertiti che in nome delle “tradizioni” a cui ho accennato prima fanno gli interessi dei cacciatori e degli altri malati di mente.
Sempre avendo un eccellente ritorno economico, ovviamente!
Cosa volete che valga per degli esseri schifosi come questi la vita di un animale rispetto a degli inutili pezzi di carta chiamati soldoni?
Come aiutare questi poveri levrieri?
Oltre a firmare le varie petizioni, si può adottarne uno regalandogli finalmente una vita degna e  facendosi il regalo più bello del mondo: l’amore di un cane!
Tra le varie associazioni ci sono anche Enpa Progetto Spagna, qui ,

Progetto Galgo a Bergamo,qui,  Adozione Levrieri, il primo centro italiano che si è occupato di questo triste fenomeno,qui.

Cosa state aspettando? C’è un innocente che aspetta solo il vostro amore per ricominciare a vivere!
E poi guardate come sono belli:

Risultati immagini per levrieri spagnoli maltrattati

Risultati immagini per levrieri spagnoli maltrattati

Risultati immagini per levrieri spagnoli maltrattati

Risultati immagini per levrieri spagnoli maltrattati

Risultati immagini per levrieri spagnoli maltrattati

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

 

Annunci
Categorie: Senza categoria | 32 commenti

Nate per morire

Risultati immagini per scimmie clonate

Questo sguardo smarrito e terrorizzato, tipico di chi non ha vicino la sua mamma, appartiene a due scimmiette nate da poco.
Due neonate che si succhiano il dito esattamente come i nostri bambini.
In verità sono state fatte nascere, costrette a venire al mondo in modo innaturale da dei mostri senza scrupoli e senza anima.
Sono solo l’ultimo scempio dell’uomo contro Madre Natura: la clonazione dei primati.
Dopo l’orribile clonazione della famosa pecora Dolly, poi uccisa perchè presentava diversi problemi, ovviamente, i mostri che si definiscono “scienziati” e “ricercatori” hanno pensato bene di passare alle scimmie, le parenti più strette dell’uomo, quelle con cui condividiamo il 98% del nostro patrimonio genetico.
L’unica differenza è che le scimmie, come tutti gli altri animali, possiedono un’anima, mentre certi sub umani NO, e chi non possiede un’anima non è degno di stare su questo mondo a respirare lo stesso ossigeno degli animali.
DI TUTTI GLI ANIMALI!
Le piccole scimmiette sono state fatte nascere con lo stesso procedimento della pecora Dolly, clonando una cellula, circa 8 settimane fa in uno sciagurato laboratorio cinese.
Lo scopo? Ovvio: essere torturate nei laboratori di vivisezione, sfregiate, sezionate, riempite di malattie e sofferenze impensabili, immobilizzate durante gli esperimenti in balìa di sadici schifosi pervertiti incapaci di provare la minima pietà ed empatia!
Tutto per servire all’uomo, per curare le sue malattie, soprattutto quelle create ad hoc.
Così vogliono far credere.
Perchè ormai lo sappiamo tutti quanto sia, oltre che aberrante e crudele, inutile la vivisezione, dato che esistono fior di metodi alternativi senza utilizzare animali!
Quindi cosa stanno cercando di fare in realtà i mostri?
Rendere l’uomo immortale? Dopo il trapianto di testa, di cui ho già parlato, vogliono creare tanti cloni nel tempo su cui trapiantare le teste così uno non invecchia mai? Riserve di organi?
Dopo i maiali con DNA umano mi aspetto di tutto.
Ma poi chi ha detto che l’uomo ha il diritto di decidere della vita e della morte degli altri animali? Chi lo ha eletto giudice????
L’ultimo arrivato, l’unico ignorante tra gli animali, l’unico che si autodistrugge e distrugge anche tutto il pianeta!
L’uomo è nato sbagliato: esso non vuole condividere nulla con gli altri animali, è solo uno schifoso egoista che si crede superiore ( non ho mai capito il perchè) ai suoi fratelli e li tratta come cose al suo servizio riservando loro solo sofferenza e schiavitù, togliendogli ogni libertà, diritto, dignità.
Ma che razza di mostro è l’uomo???
Si crede figlio delle stelle quando è nato da una scimmia!
Ed è talmente stupido da non andarne fiero.
Intanto questi due poveri angeli, a cui i bastardi hanno anche dato il nome di Zhong Zhong e Hua Hua, su cui calo un velo pietoso, “vivono” rinchiuse in un’incubatrice, anzichè nella jungla dove dovrebbero stare, in mezzo a degli orribili peluches, senza l’amore e il caldo abbraccio di una mamma, in attesa di essere immobilizzate e torturate senza alcuna anestesia.
Giuliano Grignaschi, segretario generale di Research4life e responsabile del benessere animale ( sic!) presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, ha perfino dichiarato:

«Questa tecnica consente per la prima volta di ottenere numerosi esemplari di primati geneticamente omogenei. Ciò permetterà di ottenere risultati sperimentali più affidabili e facilmente riproducibili: riducendo la variabilità e l’errore statistico, si ridurrà anche il numero di campioni impiegati per fare le misure e, di conseguenza, il numero di animali sacrificati per ogni singolo esperimento».

Come se fossero cose, oggetti inanimati….
Animali sacrificati….Non dovrebbero esserci proprio, caro il mio segretario, gli animali negli esperimenti!!!
Perchè un animale deve essere sacrificato per l’uomo???
L’uomo distrugge, l’animale crea e mantiene l’equilibrio della Natura; l’animale segue il Cerchio, la Ruota della Vita, l’uomo ha rotto entrambi: chi merita di più la vita?
Nel frattempo il gruppo di bastardi ricercatori cinesi ha annunciato la nascita di altri cloni.
L’equipe dell’Istituto di neuroscienze dell’Accademia cinese delle scienze sostiene che l’obiettivo è la creazione di un esercitò di scimmie geneticamente identiche da usare in laboratorio per la ricerca su malattie diffuse come i tumori, ma anche il Parkinson e l’Alzheimer, malattie che le scimmie stranamente non hanno!
Infatti, sempre i cinesi di merda ( e mi riferisco ovviamente agli “scienziati”) hanno dovuto “creare” scimmie con DNA modificato con un gene umano per “studiare”  queste malattie e l’autismo, e topi con cellule staminali sempre per modelli di malattie neurologiche.
Nessuno si chiede perchè certe malattie vengano SOLO agli umani???
Non sarà per caso l’inquinamento, le schifezze avvelenate che ci fanno mangiare, i farmaci inutili…..
Non so voi ma io sperimenterei direttamente sui mostri che compiono queste nefandezze!
Io spero che un giorno sarà fatta giustizia e che questi esseri che si permettono di definirsi scienziati possano patire tutte le sofferenze che hanno inflitto agli animali innocenti.
Forse un giorno tutti arriveranno a capire che ogni essere vivente ha gli stessi diritti su questa Terra e che NESSUNO può permettersi di usarli a suo piacimento come fossero cose.
Specialmente l’ultimo essere arrivato, quello complessato perchè non ha pelo, non ha zanne,  non ha artigli, non corre veloce, non è potente come un gorilla, non è agile….E per questo, invece di amare e imparare dai propri fratelli, essendo stupido e invidioso si vendica contro di loro trattandoli come esseri inanimati e senza sentimenti!
Il che vuol dire che anche come cervello è di parecchio indietro…

Il destino che aspetta queste due cucciolotte e milioni di altri animali innocenti è questo:

Risultati immagini per no vivisezione

Risultati immagini per no vivisezione

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per no vivisezione

 

FERMIAMO LA VIVISEZIONE PER SEMPRE!

 

Risultati immagini per scimmie clonate

Risultati immagini per scimmie clonate

Risultati immagini per scimmie clonate

 

Risultati immagini per no vivisezione

Risultati immagini per no vivisezione

 

Risultati immagini per no vivisezione

 

Categorie: Senza categoria | 77 commenti

Comunisti stupratori bastardi

Paese che vai comunisti di merda che trovi:

Francia sotto choc: giovani comunisti stupravano ragazzine dopo i comizi

Mentre in Italia gli idioti comunisti e antifascisti vari, che poi sono sempre gli stessi quattro cretini, sono impegnati a rompere i coglioni ai banchetti di Casa Pound in nome della loro democrazia unilaterale, in Francia, come già accaduto anche a Parma in un centro sociale antifascista, i loro kompagni si rendono protagonisti di violenze sessuali su ragazzine.
La notizia è confermata: in Francia i comunistelli di merda non hanno perso il vizietto dei loro nonni, partigiani e non, e, dopo un’inchiesta che ha sconvolto la Francia sinistrosa intera ( si vede che non hanno studiato storia e non conoscono il vizietto dei comunisti) salta fuori la cruda verità: i comunisti francesi erano soliti stuprare e ricattare delle ragazzine dopo i loro squallidi comizi.
I crimini schifosi si sarebbero verificati tra il 2006 e il 2011 ma, come sempre quando si tratta di comunisti, saltano fuori dopo anni!
Secondo Repubblica sarebbero almeno cinque gli episodi di violenza sessuale avvenuti all’ interno dei movimenti giovanili della sinistra francese e svelati da Le Monde.
“Il quotidiano ha raccolto alcune testimonianze che riguardano il Movimento giovani comunisti di Francia e l’ Unione degli studenti comunisti. Le associazioni hanno annunciato  tolleranza zero per i responsabili e l’ avvio di indagini interne”- scrive Repubblica.
Già: le associazioni di sinistra non sanno mai niente e non si accorgono mai di niente fino a quando qualcuno non gli spiattella davanti fatti e testimonianze!
Chissà dov’erano e cosa facevano mentre i loro kompagni stupravano e ricattavano le ragazzine per farle stare zitte.
Il partito comunista francese, messo davanti ai fatti, non ha potuto fare altro che ammettere tutto e di voler far luce sugli orribili ricatti e violenze sessuali a cui i kompagnucci sottoponevano le ragazzine, ma anche donne più grandi, tra cui una signora molestatata a Aubervilliers, a margine di un evento politico, e un altro avvenuto in un campo estivo, secondo le testimonianze.
Dicono di aver cacciato alcuni responsabili dal partito criminale…..e gli altri? Cacciato??? Questi bastardi vigliacchi dovrebbero essere castrati e rinchiusi in galera!
Ma quanto fanno schifo i comunisti di merda??? Perchè esistono ancora con tutti i crimini che hanno commesso e gli oltre 500  milioni di morti accertati ????
E la Boldrini NON HA MAI NIENTE DA DIRE????
Beh, c’è sempre quella povera cretina di Asia Argento che dà del porco a Berlusconi….Peccato che Berlusconi non abbia MAI stuprato nessuno.
A differenza dei comunisti di tutto il mondo!
Questa è la giustizia e la difesa delle donne secondo le kompagne sfigate: se a violentare sono i comunisti allora si tace e si fa finta di niente….
Mi fate semplicemente SCHIFO!
Mi auguro che questi stupratori vigliacchi di merda finiscano rinchiusi in galera dopo essere stati castrati e che qualcuno di molto grosso faccia giustizia rendendo loro lo schifo commesso!

Risultati immagini per comunisti stupratori

Risultati immagini per comunisti di mera

Risultati immagini per comunisti di mera

Categorie: Senza categoria | 20 commenti

In principio fu la lavatrice….

Verso la fine dell’800 la vita dell’uomo è stata rivoluzionata, e in parte migliorata, dall’invenzione degli elettrodomestici. Si iniziò con oggetti che funzionavano grazie all’energia umana, come il frullatore a mano, la lavatrice a mano, la macchina per stendere la pasta  ecc., poi quelli a resistenza elettrica, come teiere e bollitori, per arrivare ai motori elettrici a induzione che sostituirono proprio le braccia umane apportando sia benefici, come nel caso dei frigoriferi e delle lavatrici, che enormi perdite di posti di lavoro nelle fabbriche, soprattutto tra il 1930 e il 1970, in tutta l’Europa.
Ma ora, secondo il mio  modesto parere, si sta veramente oltrepassando il limite!
Hanno cominciato con il sostituire gli animali domestici con quei cancheri dei tamagochi e animaletti di peluches interattivi, come se dei cosi parlanti potessero mai sostituire i nostri cani e gatti!
Adesso si  parla di intelligenze artificiali in grado di sostituire in tutto per tutto l’uomo.
Anche a letto….
Altro che sex toys, di cui, in tutta sincerità, non ho mai sentito la necessità ( non credo che potrei mai provare emozioni con della plastica).
Infatti se prima esistevano le bambole gonfiabili per maschi frustrati, divenute poi sempre più sofisticate fino a possedere un’intelligenza artificiale e una “personalità” programmabile, adesso sono arrivati anche i maschi robot per femmine insoddisfatte!
Anche loro dotati di un’intelligenza artificiale sofisticata collegata ad un’app del telefonino, sono forniti di un instancabile pene bionico le cui dimensioni e la forma sono scelte direttamente dalla cliente.
Ma mica finisce qui: il vostro principe di plastica, grazie alla famosa app collegata alla sua testa bionica, sarà in grado di parlare, muoversi e sarà anche totalmente personalizzabile.
Volete un uomo rude? Eccolo là. Lo preferite romantico? Basta programmargli il cervello…
Ogni donna potrà creare l’uomo dei suoi sogni: muscolosissimo o atletico, capellone o con i capelli corti, biondo, rosso o bruno, bianco, giallo, rosso, nero o meticcio, occhi di tutti i colori possibili; e potrà avere l’animo di un seduttore, di un poeta, di un rompicoglioni per le più masochiste.
Tra gli obiettivi delle aziende produttrici c’è proprio quello di creare un robot in grado di fare tutto che le donne vorrebbero dagli uomini: ascoltare, ricordare, parlare, fare sesso fino allo sfinimento….
Ma non solo: il suo corpo perfetto sarà dotato anche di sensori capaci di reagire al tatto ed emanerà calore!
Secondo i ricercatori entro il 2050 saranno molti gli uomini e le donne che faranno sesso con robot umanoidi.
Sarà….
Io continuo a preferire le imperfezioni fisiche e mentali degli umani!
Non sostituirei mai il mio uomo con una macchina!
Mica è un frigorifero!!!
Volete mettere l’intensità di un abbraccio umano con il calore artificiale di un robot?
E i sentimenti?
Per non parlare del sesso: non oso immaginare il sesso con un robot!
Magari per qualcuno, sia maschio che femmina, siamo tutti degli oggetti inanimati da usare e sottomettere, ma chi ha un’anima senziente sicuramente capisce le differenze.
In ogni caso se non ne potete più dei maschi in carne ed ossa e preferite avere accanto il robot perfetto sappiate che è già in commercio e vi costerà circa come una macchina: 12 mila euro.

 

Risultati immagini per robot sessuali maschili

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per robot sessuali maschili

Risultati immagini per arrivano i robot sessuali

Risultati immagini per robot sessuali maschili

Arrivano i robot sessuali sempre più realistici

 

Arrivano i robot sessuali sempre più realistici

 

Categorie: Senza categoria | 63 commenti

I deliri di un demente

Ero indecisa se parlarne o meno per non dare risalto alle patetiche esternazioni di un povero cretino, ma poi mi sono talmente schifata che ho scelto.
Sapete quanto odio i vigliacchi! Mi fanno proprio schifo!
Il vigliacco in questione è un ormai stagionato pseudo cabarettista fallito a cui nessuno dà più lavoro appunto perchè non ha mai fatto ridere nessuno: un certo Gene Gnocchi, purtroppo di Fidenza, in provincia di Parma ( gli scarti nascono anche qui da noi, ci mancherebbe!).
Costui, visto che nessuno se lo fila più da anni, pur di attirare su di sè l’attenzione e non cadere ulteriormente nel dimenticatoio non ha trovato niente di meglio da fare che insultare la memoria di una donna, oltretutto una donna morta da tempo e che quindi non si può difendere nè quererarlo: Claretta Petacci.
Il povero idiota con la erre moscia ( e non solo quella, si dice….), ospite di uno dei tanti programmi spazzatura di La 7 , di fronte alle ben note immagini del maiale che sta grufolando tra i rifiuti di Roma, ripreso da Giorgia Meloni per denunciare lo schifo della giunta Raggi ( 5 stelle), ha blaterato:

“Quella maiala ha un nome: si chiama Claretta Petacci”.

Invece di indignarsi, il conduttore, un altro demente di nome Floris, ha fatto un risolino ebete ed ha continuato come nulla fosse…..
Ora, per chi non lo ricordasse Claretta Petacci era una delle tante amanti di Benito Mussolini, forse l’ultima.
Non c’entrava niente, lei, con la politica e su di lei non pendeva NESSUNA condanna: solo scelse di non abbandonare fino all’ultimo l’uomo che tanto amava, ben sapendo quello che rischiava.
E la pagò molto cara: quando i partigiani andarono ad arrestare Mussolini, che in teoria doveva essere processato, Claretta venne picchiata mentre cercava di difenderlo, violentata più volte e poi uccisa da degli schifosi e vigliacchi partigiani.
E solo perchè fece di tutto per difendere il suo amato.
Secondo la testimonianza, anche, di un soldato inglese, disgustato quanto le persone civili da questo schifo, durante il trasporto verso Piazzale Loreto di Benito Mussolini e Claretta Petacci più di un partigiano abusò di lei.
Il Duce, con le mani legate, fece di tutto per difenderla, e per questo non giunse vivo al suo processo: il 28 Aprile 1945 pur di violentare con calma Claretta i partigiani preferirono fucilare Mussolini  a Giulino di Mezzegra, frazione del comune di Tremezzina, in provincia di Como.
E dopo averla violentata assassinarono anche lei che, ricordiamolo ancora, era INNOCENTE!
Un vero e proprio femminicidio e uno stupro di gruppo!
Claretta Petacci non ebbe mai nessuna responsabilità durante il Fascismo, non diede mai consigli al Duce, non s’impicciò mai: era solo una delle sue amanti che preferì morire al suo fianco che vivere senza di lui.
Per poi essere esposta in quello schifo di macello pubblico che fu Piazzale Loreto, dove anche il suo cadavere venne distrutto dalla furia degli antifascisti.
Picchiata, violentata, privata della biancheria intima dai partigiani stupratori, lo scempio del suo cadavere, appesa a testa in giù ( per fortuna qualcuno mise una spilla alla gonna) solo perchè aveva amato il Duce nella buona e nella cattiva sorte.
Nemmeno la moglie di Mussolini, Donna Rachele, ebbe mai parole d’odio verso di lei.
Ci voleva un povero cretino fallito come Gene Gnocchi!
E ottant’anni dopo.
Sicuramente un vigliacco come lui non avrebbe mai avuto il coraggio di insultarla da viva, guardandola in faccia. Anche perchè se poi fosse arrivato il Dux a difenderla il povero Gene se la sarebbe fatta nei pantaloni!
Intanto si sta beccando insulti a non finire dalla parte sana della popolazione italiana!
Ma, ci stiamo chiedendo un po’ tutti, dove sono le femministe?
Quelle boldrine sempre pronte a starnazzare quando si tocca una di loro ma sempre zitte quando a venire insultate sono le donne di Destra?
Quelle donnicciuole pronte a velarsi il capo a servizio del primo islamico che passa ma che si strappano le vesti alla prima infelice battuta di Berlusconi?
Tacciono le poverine?
Come mai, mi chiedo ancora, si indignarono quando Calderoli disse che la Kyenge gli ricordava un orango mentre tacciono se Gnocchi chiama maiala la Petacci che non lo può neanche denunciare?
Dovrebbero arrivarci anche loro che è molto peggio come insulto dare della maiala!
Si possono insultare solo le donne bianche di Destra? Siamo arrivati a questo razzismo?
Intanto mi unisco al pensiero di Simone Di Stefano, vicepresidente di Casa Pound Italia verso Gnocchi:
 “Claretta Petacci, donna innocente, innamorata, uccisa, stuprata, appesa e maciullata dai partigiani. Goditi il frutto del tuo odio. Ne sarai orgoglioso, vigliacco”.

E a quello di Roberto Fiore di Forza Nuova:
 “L’infelice battuta di Gene Gnocchi su Claretta Petacci non rappresenta altro che la triste retorica di chi, come i sinistroidi, non ha altre argomentazioni da proporre se non offese”.

E aggiungo che io non userò nessun povero animale per insultare uno come Gene Gnocchi: lui altro non è che una merda, lo scarto di cui ogni corpo si priva, un rifiuto puzzolente che nessuno sano di mente vorrebbe vicino.
Solo una merda insulta una donna che non si può difendere e la memoria di un’innocente assassinata da degli stupratori.
E che adesso vada a proporre il suo puzzolente patetico cabaret a quei dementi dei centri sociali o alle zitte sedi dell’anpi, che mai, e dico MAI, hanno mai dimostrato umanità verso i morti che non la pensavano come loro!
D’altronde c’è chi ha i versi di Ezra Pound e chi ha le “battutine” da centro sociale del Gnocchi fallito!
Ai tifosi laziali che fecero quei tristi manifesti di Anna Frank fu proposto di andare a visitare i campi di concentramento: io propongo a Gnocchi e a quei poveri sinistrati come lui di andare in visita al Campo X dove è sepolta Claretta Petacci e di scusarsi per così tanta idiozia!

Risultati immagini per clara petacci foto

Così i partigiani “eroi” hanno ridotto il cadavere di una donna INNOCENTE dopo averla picchiata e violentata:

Immagine correlata

Risultati immagini per foto cadavere clara petacci

Risultati immagini per foto cadavere clara petacci

Categorie: Senza categoria | 76 commenti

Ipocrisia cristiana

Questo non ve lo fanno studiare a scuola,a meno che non siate miei studenti, e non lo faranno mai!
Quindi, ogni tanto, è bene ricordare quello che i cristiani, gli stessi che tanto si riempiono la bocca con “accoglienza, fratellanza, amore” e ipocrisie varie, hanno fatto nei secoli a chi non era come loro, cioè ai non cristiani.
Parlo della civiltà che mi sta più a cuore di tutte insieme alla mia, quella che divide il mio cuore insieme a quella Celtica: i Nativi Americani.
Chi mi conosce ha già avuto modo di sapere e di leggerlo: i Nativi Americani sono il Popolo che ha subìto il più terribile genocidio della storia umana: dal nefasto 1492 alla fine del 1800 oltre il  97% della poplazione Nativa Americana è stata sterminata.
ESTINTA!
Pueblo Santo Domingo, Wintu, Yaqui e troppi altri non esisteranno mai più.
Al loro posto ci sono i discendenti degli invasori bianchi e/o quelli degli schiavi africani negri che, invece di tornarsene in Africa una volta liberati, hanno pensato bene di rimanere in una terra non loro ad aiutare gli invasori europei che li avevano schiavizzati ad eliminare i Nativi e a occupare le loro terre. Complimenti!
Se si fossero uniti agli Indiani magari qualcosa avrebbero risolto, invece hanno preferito unirsi a chi li frustava ( e adesso capite la mia antipatia e disistima verso certi popoli).
Potete guardare l’elenco completo delle popolazioni Native Americane estinte in questo bellissimo sito:  http://luckyjor.org/INDIANSITO/LE%20TRIBU%27/PAGTRIBU.htm.
Noterete quanti “estinta” compaiono a fianco delle quasi 500 tribù.
A me viene da piangere!
Sono sopravvissuti solamente circa 800.000 individui, di cui solo la metà è geneticamente “pura” . Ed è la razza che più subisce razzismo e discriminazione, sia dai bianchi che dai negri, nella tanto democratica e libera America!
Loro, una volta i padroni incontrastati di tutto il continente americano, gli unici veri Nativi, hanno come reddito medio settimanale 30 dollari contro i 130 dei bianchi e dei negri; la loro vita media è di 42 anni, contro gli oltre 70 delle altre razze, mortalità infantile di oltre 10 volte la media e il tasso di suicidi di oltre il 20.
Sono stati rinchiusi in squallide riserve dagli invasori europei e la maggiorparte di loro è disoccupata e analfabeta, spesso preda di alcool e droga perchè emarginata e senza più identità.
Gli hanno tolto tutto!
I bianchi sfruttano anche le loro risorse di uranio, petrolio e carbone, che sono in territori Indiani, lasciando ai Nativi ridicole provvigioni!
Dall’arrivo di quel bastardo di Colombo per loro non c’è più stata ascelta: o schiavi o morti.
E loro, i più grandi guerrieri della storia dell’uomo, hanno preferito combattere con arco e frecce fino alla morte contro cannoni, mitragliatrici e fucili pittosto che sottomettersi.
I sopravvissuti non si sono mai piegati e sono stati, e sono ancora, violentemente perseguitati.
Ma il bianco voleva le terre dei Nativi e per farlo doveva piegarli, ridurli all’impotenza, cancellarli dalla faccia della terra.
Come in questa terribile vicenda che riguarda i Nativi del Canada e su cui il papocchio Bergoglione, come tutti gli altri, da sempre tace.
Senza andare tanto il là nel tempo dal 1869, sotto la presidenza di Grant, fino al XX secolo inoltrato più di 100.000 bambini Nativi Americani vengono costretti dal governo americano a frequentare le scuole cristiane e quindi a convertirsi con la forza al cristianesimo.
Ma come? La religione non è qualcosa che dovrebbe scaturire dal cuore? Se si viene costretti che fede è??? Vallo a spiegare a certi mostri….
I  direttori, praticamente sempre ecclesiastici, vengono nominati congiuntamente dallo Stato e dalla chiesa e sono, per legge, i  tutori legali  dei bambini, quindi hanno gli stessi poteri dei genitori. Tutto quello che riguarda la cultura, la religione, i rituali e addirittura la lingua, viene proibito per legge.
I campi di sterminio riservati ai bambini, vengono istituiti con il Federal Indian Act del 1874 e sono installati nelle regioni in cui gli indigeni superstiti sono più numerosi (Alberta, British Columbia). In base a questa legge, inoltre, i Nativi potevano essere arrestati, imprigionati, spogliati dei loro beni e delle loro terre anche senza giustificazioni
I missionari, coadiuvati dalle autorità locali, andavano casa per casa a strappare i bambini dalle braccia dei genitori per rinchiuderli nelle loro schifose scuole, le Boarding School, di fatto rapendoli con la forza e imprigionandoli.
E qui ha inizio un inferno inaudito!
I bambini, considerati “selvaggi inferiori”, subiscono dei veri e propri abusi sia fisici che sessuali da parte di suore e preti, delle vere e proprie torture che a molti sono costati la vita stessa.
I dati parlano di decine di migliaia di bambini morti in questi vomitosi istituti (gestiti per ben tre quarti da cattolici, anglicani e chiesa unita del Canada), di cui 5000, di età compresa tra i 4 e i 19 anni, solamente in British Columbia fino al 1956.
Ma le scuole hanno continuato la loro orribile funzione fino al 1996, quindi i morti sono ancora di più e speriamo che abbiano finalmente almeno giustizia!
Oltretutto il numero dei decessi è stato dato dal governo canadese dopo la scoperta delle fosse comuni, quindi è quasi certamente falsata in difetto per tentare minimizzare il più possibile l’orrore.
Considerando che nel corso di 100 anni circa oltre 100.000 bambini erano stati imprigionati in quelle sottospecie di istituti e contando il numero dei sopravvissuti si arriverebbe a ben oltre 100.000 morti, caro il mio governo canadese!
Chi ne è uscito vivo è stato completamente emarginato dalla società, devastato nello spirito e nel corpo dalle atrocità subìte, caduto poi vittime di alcool e droghe per cercare di dimenticare.

Come riuscire a dimenticare?
I piccoli venivano torturati e subivano un vero e proprio lavaggio del cervello: capelli tagliati cortissimi per i maschi, che per cultura li hanno sempre portati lunghissimi come simbolo di forza, libertà e virilità, gli stessi capelli venivano violentemente strappati alle bambine, lavaggio della bocca col sapone ogniqualvolta osassero parlare nella propria lingua o nominare il Grande Spirito, bastonate gratuite soprattutto sui genitali, secchiate d’acqua gelata, isolamento, abusi e violenze sessuali.
E minacce: se avessero osato rivelare a qualcuno le inaudite violenze che erano costretti a subire sarebbero bruciati all’inferno per l’eternità.
Decine e decine di sopravvissuti provenienti da dieci diverse scuole residenziali della British Columbia e dell’Ontario hanno descritto, sotto giuramento, le seguenti torture, inflitte fra il 1922 e il 1984, a loro stessi e ad altri bambini, alcuni di soli cinque anni di età ( sappiate che per un Indiano un giuramento è sacro, mica come per certi altri):
Stringere fili e lenze da pesca attorno al pene dei bambini:

– Inserire aghi nelle loro mani, guance, lingue, orecchie e pene;
– Tenerli sospesi sopra tombe aperte minacciando di seppellirli vivi;
– Costringerli a mangiare cibo pieno di vermi o rigurgitato;
– Dire loro che i genitori erano morti o che stavano per essere uccisi;
– Denudarli di fronte alla scolaresca riunita e umiliarli verbalmente e sessualmente;
– Costringerli a stare eretti per oltre 12 ore di seguito sino a quando non crollavano;
– Immergerli nell’acqua ghiacciata;
– Costringerli a dormire all’aperto durante l’inverno;
– Strappare loro i capelli dalla testa;
– Sbattere ripetutamente le loro teste contro superfici in muratura o in legno;
– Colpirli quotidianamente senza preavviso tramite fruste, bastoni, finimenti da cavallo, cinghie metalliche, stecche da biliardo e tubi di ferro;
– Estrarre loro i denti senza analgesici;
– Rinchiuderli per giorni in stanzini non ventilati senza acqua né cibo;
– Somministrare loro regolarmente scosse elettriche alla testa, ai genitali e agli arti.

Non so se riuscite a immaginare tanta violenza, tanto odio, tanto sadismo, tanta perversione.

Ma gli orrori non bastavano ancora!
I bambini e i ragazzi venivano selezionati e dati in pasto a medici senza scrupoli che nei loro ospedali li sottoponevano a ogni sorta di esperimento, come infettarli con virus e batteri mortali, sterilizzarli, farli a pezzi per presunti esperimenti scientifici, violentarli, ucciderli nelle maniere più atroci, torturarli, venderli a pedofili schifosi che li violentavano fino alla morte e altre mostruosità simili che solo l’uomo, quello che si dice fatto a immagine e somiglianza del suo dio, è capace di inventare ( nessun altro animale compie certe nefandezze).

“Il problema rappresentato dagli indiani  è di natura morale e religiosa.  Essi mancano dei fondamenti di base del pensiero e dello spirito civile (…) ci sforziamo di trasformarli in cristiani maturi che imparino a comportarsi bene nel mondo ed  abbandonino il loro selvaggio stile di vita ed i loro diritti,  acquisiti col trattato,  che li tengono inchiodati alla loro terra  e ad una primitiva esistenza.  Soltanto allora  (cioè quando avremo preso noi la loro terra, ndr) il problema indiano nel nostro paese verrà risolto”.
Ecco un ottimo esempio di problema “morale e religioso”.
Disse uno degli insegnanti, un certo reverendo Caldwell, noto per avere assassinato personalmente almeno due bambini della sua “scuola”.
Direi che rende molto bene l’idea…..

Ecco alcune delle terribili testimonianze raccolte dai superstiti:

Steven H., St Paul’s Catholic day School, North Vancouver :
«Quando avevo sei anni, proprio davanti ai miei occhi vidi una suora ammazzare una bambina. Era suor Pierre, ma il suo vero nome era Ethel Lynn. La bambina che uccise si chiamava Elaine Dik e aveva cinque anni. La suora la colpì con violenza dietro il collo e io udii quell’orribile schiocco. Morì proprio dinanzi a noi. Poi la suora ci disse di scavalcarne il corpo e andare in classe. Era il 1966».

Steve John, Denè Nation, 7 giugno 2005:
«Nè io né nessuno dei miei fratelli potè avere figli dopo che fummo sottoposti ai raggi x nella scuola residenziale Carcross Angelican School, nello Yukon. Presero ognuno di noi e ci misero sotto la macchina a raggi x per 10-20 minuti. Proprio sulla zona pelvica. Avevo 10 anni. Io e i miei fratelli non avemmo mai figli».

Testimoni voluti rimanere anonimi perchè hanno ancora paura, Vancouver Island, 18 maggio 2005:
«Il primo a subire l’operazione fu il maggiore dei miei figli, quando aveva quattro anni. Era il 1975. Lo portarono via mentre io non ero in casa. Nel luglio del 1981 sterilizzarono il mio figlio più giovane, aveva nove anni. Lo portarono al Victoria General Hospital e lo tennero là per giorni. Nessuno dei due ragazzi può avere figli. Ci fecero questo perchè siamo discendenti dei capi originali, eredi di questi territori. Il governo sta ancora cercando di farci fuori».

Bill Steward, Duncan, BC, 13 agosto 1998:
«Il dott. James Goodbrand sterilizzò molte delle nostre donne. Ho sentito personalmente Goodbrand dire che il governo lo pagava 300 dollari per ogni donna che sterilizzava».

Sarah Modeste, Cowichan Nation, Vancouver Island, 12 agosto 2000:
«Mia sorella Maggie fu scaraventata da una suora dalla finestra del terzo piano della scuola di Kuper Island, e morì. Tutto venne insabbiato, né venne svolta alcuna indagine. All’epoca, essendo indiani, non potevamo assumere un avvocato e così non venne mai fatto alcunché». 

Rick La Vallee, Portage La Praire Residential School (Catholic Curch):
«Mio fratello morì a causa di una scossa elettrica data da un ago da bestiame. Aveva quattro anni, i pastori lo trascinarono e lo ferirono, gli tagliarono la pelle sotto la fronte con una frusta. Come la frusta dei cavalli. Era tagliente e aveva sopra delle lame. Io ero lì, lo sentivo gridare aiuto. Subito dopo c’era un mare di sangue sul pavimento, ma non lo portarono all’ospedale, in infermeria o altrove, e quello accadde allora, quando ero lì. Lo sento ancora che grida aiuto:  “Rick, aiuto, mi stanno torturando! Sto morendo!”. E poi morì. Era il mio unico.. Il mio unico… Il mio miglior amico e il mio unico fratello che ho sempre amato». 

Jasper Jospeh Port Hardy, British Columbia 10 novembre 2000:
«Avevo soltanto otto anni, e ci avevano mandato dalla scuola residenziale anglicana di Alert Bay al Nanaimo Indian Hospital, quello gestito dalla Chiesa Unitaria. Lì mi hanno tenuto in isolamento in una piccola stanza per più di tre anni, come se fossi un topo da laboratorio, somministrandomi pillole e facendomi iniezioni che mi facevano star male. Due miei cugini fecero un gran chiasso, urlando e ribellandosi ogni volta. Così le infermiere fecero loro delle iniezioni, ed entrambi morirono subito. Lo fecero per farli stare zitti».

La piccola Mary Anne Nakogee-Davis, di soli otto anni, di Thunder Bay, Ontario, nel 1963 viene più e più volte torturata dalle suore  su una sedia elettrica ( in certi istituti hanno trovato vere e proprie camere per le torture, attrezzatissime).

Un anno dopo Frank Martin, di nove anni, viene rapito dal suo villaggio e imprigionato per oltre un anno in una cella della Brannen Reform School: ogni mattina viene torturato con scariche elettriche alla testa, tipo elettroshock, fino allo svenimento. Nel pomeriggio veniva sottoposto per lungo tempo ai raggi x. A 18 anni gli venne il cancro ai polmoni.

Nel 1907 la stampa canadese riferisce che il tasso di mortalità nelle “scuole” supera il 50%……
Due anni dopo, nel 1909, il direttore dei funzionari medici dell’Agenzia governativa per gli affari indiani, il dr Peter Bryce, compie un’ispezione in tutti gli sitituti e nella sua relazione all’ Agenzia conferma che:
” In quei lager i bambini indiani vengono sistematicamente e deliberatamente uccisi; che il loro tasso di mortalità è  fra il 35% e il 60%;  che il personale ed i funzionari della chiesa nascondono, rifiutano di consegnare o falsificano regolarmente la documentazione e le altre prove relative alla morte dei bambini.”

Riferisce, fra l’altro, che uno dei metodi principali utilizzati per uccidere i bambini  è quello di esporli intenzionalmente al contagio di malattie infettive, come la tubercolosi, per poi lasciarli agonizzare per settimane senza la benchè minima cura e assistenza.
I bambini ancora sani vengono costretti a dormire nello stesso letto con quelli malati o già terminali.
Il rapporto Bryce venne stranamente tenuto segreto, Bryce fu licenziato, e in tutto il periodo seguente  il  tasso medio  rimase  superiore al 40%.
Nel 1920 si conosce molto bene la situazione di quelle “scuole” , ma il governo della British Columbia continua a rendere obbligatoria l’iscrizione: i bambini vengono prelevati direttamente dalla polizia, e i poveri genitori non possono farci niente, anzi, vengono obbligati a firmare una domanda d’iscrizione con la quale essi “delegano” tutti i loro poteri all’ecclesiastico direttore della scuola.
Chi osava rifiutarsi finiva dritto in galera.

Dal 1928 viene applicato il  “Sexual Sterilization Act”che, tra le altre cose,consentiva ai direttori delle scuole di fare sterilizzare i bambini.
Migliaia e migliaia di Nativi, preferibilmente leader, subiscono la sterilizzazione da parte dei medici missionari della chiesa cattolica e anglicana.
Invece le ragazzine violentate dai preti e rimaste per questo incinte venivano portate in ospedali appositi per Indiani, fatte partorire e i figli….sparivano nel nulla.
Spesso venivano uccise sia le ragazze ancora incinte sia le madri stuprate.
Più tardi, tra il 1933 ed il 1941, si scoprono le reti di pedofili organizzate nella British Columbia.
Nei primi anni ’50  nel West Coast General Hospital di Port Alberni si accolgono i corpi dei bambini provenienti dalla locale “scuola” della Chiesa Unita.
Lo stesso ospedale si premurava di fare abortire le ragazze violentate dai preti e dal resto del personale, visto che tutte e tutti subivano violenze continue da chiunque, e anche della sparizione dei neonati, quasi sicuramente uccisi per non lasciare prove scomode.
Infatti nel 1973, a Kuper Island, viene scoperto un cimitero, appena a sud della scuola, destinato ai bambini nati dai rapporti fra i preti e le ragazzine.
Il medico missionario George Darby confessa di essere pagato dall’Ufficio Affari Indiani di Ottawa per ogni indiano che sterilizza, in particolare per  quelli che non frequentano le chiese.  E andava avanti dal 1928.
Dal 1960 i Nativi Americani hanno finalmente diritto di voto, a casa loro….Perchè non ammazzarne ancora di più?
Dal 1996, un ex prelato, l’ex pastore della “Chiesa Unita” Kevin Annett, laureato in antropologia, scienze politiche e teologia, sta conducendo invano una campagna di denuncia per scuotere l’opinione pubblica internazionale ed ottenere che i colpevoli siano processati o almeno identificati.
Ovviamente una lotta contro i mulini a vento…..
Sottolineo che l’American Indian Movement, la più autorevole e attiva associazione per i Nativi Americani fatta da Nativi Americani ( e per questo odiatissima e contrastatissima da tutta l’America bianca) nel 2012 per bocca del mitico Dennis Banks ha accusato Annett di essere un imbroglione, un truffatore e gli ha categoricamente proibito di parlare ed operare a nome dei Nativi Americani.

Una volta scoperti gli orrori, messi davanti alla cruda e mostruosa realtà, qualcuno si è scusato, o fatto finta: nel 2008 il presidente del consiglio dei ministri, Stephen Harper, si scusa per i vari stermini e violenze subìte dai Nativi Americani, ma ha dichiarato subito dopo che il governo non intende svolgere ulteriori indagini ( tanto sono morti degli Indiani e non è stato condannato nessuno); nel 2010 l’ex papa Ratzinger, allora ancora papa, ha espresso davanti alcuni rappresentanti Nativi Americani, “il proprio dolore  per l’angoscia  causata dalla  deplorevole  condotta di alcuni membri della Chiesa, che ha causato  sofferenza  ad  “alcuni”   bimbi indigeni.”
Già, alcuni…..

Peccato che l’ex pastore Annett abbia dichiarato:
“…il papa è direttamente implicato nella copertura dei crimini contro quei bambini, sin da quando scrisse la lettera ai vescovo del Nordamerica ordinando di tenere segreti gli abusi sessuali degli ecclesiastici (…)”.

Lettera scritta nel 2001 proprio dal Ratzinger in cui imponeva a tutti i vescovi l’assoluta segretezza sugli abusi sessuali degli ecclesiastici e stabiliva le regole “processuali” per impedire che tali abusi venissero puniti.

Anche per questo 12 anziani del Consiglio, in rappresentanza delle tribù Cree, Haida, Metis, Squamish e Anishinabe hanno reso pubblico un documento con cui, fra l’altro, chiedono che il Santo padre e i vertici del Vaticano siano processati come responsabili del genocidio davanti al Tribunale internazionale per i crimini di guerra.

Secondo voi saranno mai ascoltati?

 

D’altronde è scritto sulla Bibbia (Deuteronomio):

“Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che vai a prendere in possesso e ne avrà scacciate davanti a te molte nazioni […] quando il Signore tuo Dio le avrà messe in tuo potere e tu le avrai sconfitte,  tu le voterai allo sterminio;  non farai con esse alleanza né farai loro grazia. Non ti imparenterai con loro, non darai le tue figlie ai loro figli e non prenderai le loro figlie per i tuoi figli (…) voi vi comporterete con loro così:  demolirete i loro altari, spezzerete le loro stele, taglierete i loro pali sacri, brucerete nel fuoco i loro idoli”. 

Sempre più fiera di essere Druida!!!!

Se volete approfondire vi rimando a questo mio articolo del 2015: https://phehinothatemiyeyelo.wordpress.com/2015/11/18/genocidio

Immagine correlata

Risultati immagini per genocidio nativi americani

image

image

Risultati immagini per genocidio nativi americani

Immagine correlata

Risultati immagini per genocidio nativi americani

Risultati immagini per genocidio nativi americani

Risultati immagini per genocidio nativi americani

 

 

Categorie: Senza categoria | 42 commenti

Qualcosa di cui vergognarsi

Come ormai tutti sapete per la mia Religione e cultura le persone anziane sono viste come enorme risorsa, soprattutto le donne: sono fonte di saggezza e di sapere, e sono loro a tenere in mano le redini, a guidare le famiglie, a gestire e custodire i beni ( siamo famiglie matriarcali).
Ogni anziano è come un grande libro di storia e di esperienza da cui ognuno di noi dovrebbe attingere per potersi migliorare ed evitare grandi errori.
E sono fonte d’amore!
Noi amiamo gli anziani, che siano nostri parenti oppure no, e vogliamo che i nostri bambini passino del tempo con loro perchè è così che fanno anche gli animali, è così che s’impara a vivere.
Ma in questa società consumistica e in perenne moto accelerato innaturale chi altri considera risorse gli anziani?
NESSUNO! Sicuramente non lo stato che li tratta come esseri inutili e non più produttivi, un peso da cui continuare a spremere soldi finchè ce n’è e per i quali non dimostra alcuna forma di rispetto.
Addirittura un idiota politico, ovviamente di sinistra, poco tempo fa ha detto che gli anziani vivono troppo ed è questo il problema della società!
Proprio lui che è anziano….Ma si vede che per gli anziani ricchi è diverso….Loro hanno più diritto alla vita?
Un vecchio come il papa o Berlusconi ha più diritto a vivere di uno qualsiasi dei vostri genitori o nonni??? E dove sta scritto?
Lo stato ci sfrutta fino all’usura, ormai fino ai 70 anni, succhiandoci oltre il 40% di tasse in busta paga ( più tutte le altre che paghiamo su cibo, trasporti, carburanti, tasse varie….), sottopagandoci senza dare servizi in cambio, o dandoli scadenti ( sappiamo tutti com’è ridotta, ad esempio, la sanità pubblica), lavoriamo per mantenere i privilegi dei politici per poi, quando andremo in pensione, se ci andremo e se ci arriveremo, ritrovarci con pensioni ridicole, dopo aver versato per anni ed anni ed anni contributi!
Secondo i dati Istat un anziano su due soffre di almeno una malattia grave, ma troppi rinunciano a curarsi, anche cure fondamentali, perchè non ne hanno la possibilità economiche!
Siamo lo stato europeo in cui si rinuncia di più alle cure dentistiche perchè troppo costose.
Oltretutto, sempre secondo i dati Istat, gli anziani vivono sempre più in condizioni di isolamento sociale e degrado nonchè in gravi condizioni economiche.
Perchè nessuno li aiuta.
Per non parlare di quelli che vediamo ogni giorno nei tg venire maltrattati nelle case di riposo e subire inaudite violenze e umiliazioni da pseudo umani schifosi e vigliacchi a cui auguro solo tutto il peggio di questo mondo!
Ovviamente nessuno mette in galera questi bastardi!
Ecco due casi di coronaca che dimostrano bene come sono ridotti i nostri anziani per colpa di chi li considera inutili anzichè patrimoni da cui attingere:

Roma: la polizia di Appio Latino riceve una segnalazione da alcune persone che riferiscono di aver udito strani rumori provenire da uno degli appartamenti del loro stabile.
La polizia interviene e scopre che a fare rumore era una coppia di anziani: Joe, di 84 anni, e Michele, di 94.
La coppia non riusciva a smettere di piangere perchè scioccata da tutte le violenza che vedeva trasmessa dai tg in telvisione.
Quelle a cui ormai noi giovani siamo abituati e a cui non facciamo, stupidamente, ormai più caso.
Mai abituarsi e assuefarsi alla violenza!!! E’ come diventarne complici.
Joe e Michele, sposati da più di 70 anni, hanno detto ai poliziotti di sentirsi molto soli  perché non ricevono mai visite da nessuno.
“A volte la solitudine è soffocante, e solo la televisione ci fa compagnia”, hanno detto.
E qui è venuto fuori il gran cuore delle nostre Forze dell’Ordine, troppo spesso bistrattate anche dallo stato stesso: notando che non c’era molto cibo nella casa della coppia, i poliziotti si sono adoperati per preparare un piatto di spaghetti con burro e parmigiano alla coppia di anziani ed hanno passato un po’ di tempo a parlare con loro.
Cosa che dovrebbe fare chiunque abbia un vicino anziano.
Credetemi: non è mai tempo perso!

A Padova, invece, come riporta il quotidiano Il Mattino di Padova, ogni giorno in pieno centro storico si ripete questa straziante storia: all’ora di pranzo gruppi di anziani si avvicendano tra i cassonetti cercando tra i rifiuti del cibo ancora commestibile.
Arrivano a piedi, in bicicletta o in autobus: cercano, trovano qualcosa e ripartono.
Stiamo parlando di anziani ITALIANI, gente che ha fatto la guerra, ha combattuto sia militarmente che civilmente, e che con la forza delle proprie braccia e la volontà del proprio spirito ha ricostruito l’intera Nazione distrutta dai bombardamenti e dalla crisi del dopo guerra.
Questo è il rispetto ed il riconoscimento che lo stato dà loro!
I negozianti della zona riferiscono che gli anziani non cercano tanto degli avanzi di bar e ristoranti, ma soprattutto frutta e verdura gettate ogni mattina dai dipendenti del vicino supermercato o anche qualche alimento appena scaduto ma ancora sigillato.
Raccontano i commessi:
“Ogni giorno prepariamo il banco di frutta e verdura e verso le 9.30 gettiamo la merce che è scaduta o è rovinata Siamo a conoscenza di quello che succede e ci dispiace da morire per questi anziani.”
“Non vengono mai a chiederci un pezzo di pizza o una focaccia. Preferiscono arrangiarsi da soli” –
spiega  un commerciante.
Mi chiedo: E LO STATO DOV’E’???? E IL COMUNE????
Possibile che a tutti questi interessino solo gli immigrati????

Come ultima vi lascio questa storia presa dal web: che sia vera oppure no non mi è dato saperlo, ma direi che in ogni caso fa riflettere!
Racconta una delle tantissime storie di un’anziana come tante che vive in una casa di riposo come tante.
Praticamente una delle migliaia di anziani che vengono abbandonati in squallidi ospizi, spesso legati e imprigionati nei letti, picchiati, umiliati, lasciati sporchi, sedati così non danno fastidio: bambole usurate e rotte che vivono nell’attesa di una visita, di una carezza, di un abbraccio che non arriveranno mai!
Finchè arriva la morte, quella che arriva per tutti, non manca mai il suo appuntamento, ma per chi muore da solo e in quelle condizioni è particolarmente triste.
Così come è successo all’anziana di questa storia.
Era arrivata ormai ai suoi ultimi respiri, abbandonata in un ospizio, e le infermiere, convinte che non fosse più in grado di capire ( ma tanto cosa importa?), parlottavano di fianco a lei.
Una volta spirata e liberata finalmente da questa prigionìa, le stesse infermiere trovarono questa lettera accanto al suo letto:

“Che cosa vedete, infermiere? Cosa state vedendo?Cosa pensate quando mi guardate?
Una vecchia donna col broncio, non molto intelligente.
Con strane abitudini e uno sguardo distante.
Quella a cui il cibo cade dagli angoli della bocca e non risponde mai.
Quella a cui dicono a voce alta: ‘Potresti almeno provarci.’
Quella che pensate sia ignara di tutte le cose che fate.
E che perde sempre qualcosa – un calzino o una scarpa.
Lei, quella che senza resistere o meno, vi fa fare tutto ciò che volete.
Quella che trascorre la maggior parte dei suoi giorni in bagno o mangiando.
È questo ciò che pensate? È questo ciò che vedete?
Be’ allora, infermiere, cercate di aprire gli occhi: Non mi vedete.
Vi dirò chi sono realmente, ora che sto seduta a fare quello che mi dite e a mangiare quello che mi date:
‘Sono una bambina di dieci anni con un papà ed una mamma, fratelli e sorelle, che si amano a vicenda.
Una ragazza di sedici anni con le ali sotto i piedi,
Sognando di trovare l’amore.
Una sposa di vent’anni con il cuore che esplode di gioia,
Ricordando i voti che ha appena preso.
All’età di venticinque anni ha già i suoi figli,
Che guiderà e a cui fornirà una casa sicura.
Una donna di trent’anni che vede i figli crescere velocemente,
Con dei legami che dureranno a lungo.
A quanrant’anni, i miei giovani bambini sono cresciuti e se ne sono andati.
Ma mio marito è con me, quindi non sono triste.
A 50 anni, ho nuovamente dei bambini sul mio grembo.
Io e il mio amore abbiamo incontrato di nuovo i bambini.
Giorni oscuri arrivano, mio marito è morto.
Guardo al futuro e tremo.
I miei bambini hanno i loro bambini.
E io penso agli anni e all’amore che ho vissuto.
Sono una donna anziana ora. La natura è terribile.
Derido la mia età come una pazza.
Il mio corpo è fragile. La grazia e la forza mi hanno detto addio.
Ora c’è solamente una pietra dove batte il cuore.
Ma dentro questa vecchia carcassa vive ancora una giovane donna.
E il mio cuore malandato si ingrossa.
Mi ricordo la gioia, ricordo i dolori.
E vivo e amo tutti i giorni.
Penso agli anni, così pochi e così veloci.
Accetto il fatto che nulla è per sempre.
Perciò aprite i vostri occhi. Aprite e vedete.
Non vecchi grugniti.
Guardate più vicino.
VEDETEMI!”

Amici, abbiate sempre amore e rispetto per le persone anziane, dei loro modi lenti, che sono quelli veramente giusti, della loro memoria ballerina: loro hanno ancora tantissimo da dare!
E quando non ne avranno proprio più ricordate di quando eravate piccoli e i vostri genitori e i vostri nonni vi cambiavano il pannolino, vi sostenevano per insegnarvi a camminare, a parlare, a leggere e scrivere, con la loro infinita pazienza, di quando hanno sopportato le vostre bizze da adolescenti…..Come vi hanno accompagnato per tutta la vita.
Da grandi tocca a voi ricambiare. E magari aiutare chi è rimasto da solo.

Muito Fixe

Risultati immagini per anziani abbandonati

Immagine correlata

Risultati immagini per anziani abbandonati

Immagine correlata

Risultati immagini per anziani abbandonati

Categorie: Senza categoria | 56 commenti

Le origini della Befana

Oggi si festeggia l’Epifania, festa, anche questa, copiata dai cristiani a noi pagani.
La festa della Befana, infatti, ha antichissime origini pagane: per noi Druidi è una delle rappresentazioni di nostra Madre Natura.
E della Dea Cailleach, Vecchia Donna, Divinità Creatrice, Regina dell’Inverno, nota anche con il nome di Beira.
E’ lei, secondo le leggende, che ha creato le montagne e le rocce, colline e vallate, che porta al pascolo i cervi per indicargli dove trovare il cibo sotto la neve.
Accompagna i suoi passi appoggiandosi ad un lungo bastone che gela tutta la terra quando lo batte sul suolo, dando inizio al lungo sonno invernale.
La stagione invernale arriva il 31 Ottobre con Samhain, il nostro capodanno, e dura fino a Beltane, il 1 Maggio. Da allora prenderà il suo posto la Dea Brìghde e inizierà la stagione estiva.
Come Befana arriva 12 giorni dopo Yule, la nascita del Sole Bambino, come 12 sono i mesi dell’anno: Madre Natura in questo periodo appare imbiancata  dalla neve e gelata dal ghiaccio.
Come gli alberi anche lei appare avvizzita, rinsecchita, priva di energie, stanca.
I suoi vestiti sono ormai logori, le sue scarpe tutte rotte, i suoi capelli bianchi come la neve e il viso raggrinzito come la terra arata.
Ma solo in apparenza!
Infatti nel ventre di Madre Natura stanno crescendo i nuovi semi che daranno vita al nuovo raccolto.
Per questo la Befana porta i doni: sono il suo ultimo regalo dell’anno e la promessa dei prossimi frutti e raccolti primaverili.
Il suo corpo secco è pronto a sacrificarsi e ad essere bruciato per rinascere dalle proprie fertili ceneri come Natura Nuova,m portatrice di nuova vita.
Se vi recate in un bosco e appoggiate l’orecchio per terra scoprirete tutto un mondo sotterraneo: potrete sentire i semi che crescono, le piante che lentamente succhiano il nutrimento dal profondo, allattate direttamente da Madre Terra, gli animali in letargo che russano beati e, ancora più giù, l’enorme cuore di fuoco di Madre Terra che batte incessantemente permettendo a tutti noi di vivere.
Bisognerebbe avere più cura e rispetto di quel cuore: è il cuore di una Madre a cui tutti dobbiamo la vita e la sopravvivenza! Se smettesse di battere non esisterebbe più vita sul nostro pianeta.
La Befana arriva a cavallo di una scopa di saggina ( il bastone lo usa per camminare e la scopa per volare).
Per noi la scopa ha un grande valore simbolico: spazza via le impurità, purifica gli ambienti, allontana le forze negative.
Inoltre è un simbolo fallico e la Befana ponendosi sopra di esso assume una posizione di controllo sull’uomo e sui suoi brutti istinti che, come sappiamo bene tutti e come vediamo ogni giorno, portano solo alla rovina.
E’ un dato storico e di fatto che da quando le società patriarcali, con le loro divinità maschili, spazzarono via quasi tutte le società matriarcali cominicarono guerre, distruzioni, discriminazioni, differenzazione tra uomo e animale ( per noi non esistono differenze),e la rovina e il declino degli umani.
Ma questo controllo femminile non piacque affatto alla chiesa cattolica che, non contenta di avere sterminato noi Druidi e altri pagani e di aver messo le proprie feste al posto delle nostre, ben più antiche, trasformò la nostra Madre Natura Invernale in una presenza demoniaca, una brutta strega dall’aspetto terrificante.
Anche la recente usanza del carbone ricorda tristemente le ceneri di tutte quelle donne accusate di stregoneria durante l’orribile inquisizione medioevale e arse vive sui roghi.
Infatti verrebbe portata come monito a chi non si è comportato bene….
Le Sacre Ceneri di Madre Natura una punizione per i bambini cattivi!
E poi s’incazzano con chi bestemmia il loro dio, mentre loro bestemmiano continuamente la nostra Religione!
Per noi rimarranno sempre le ceneri della Vecchia Madre Natura che arde per rinascere a nuova vita.
Nel 1928 Benito Mussolini introdsse la festa della Befana Fascista in cui venivano distribuiti doni, soprattutto alimentari e di vestiario, ma anche giocattoli, ai bambini più poveri.
Oggi invece l’attuale democratico governo regala a grandi e piccini aumenti di ogni tipo, dal gas alla luce, assicurazioni e bolli auto, fino al pagamento dei sacchettini per la frutta!
Che dire? Speriamo che la Dea  Cailleach li congeli tutti per l’eternità!
Felice Epifania a tutti!!!

 

Se vi interessa sapere di più sulla Dea Cailleach vi rimando ad un mio vecchio articolo:
https://phehinothatemiyeyelo.wordpress.com/2015/10/23/la-leggenda-di-cailleach/

Risultati immagini per cailleach

Risultati immagini per befana significato

Risultati immagini per befana significato

Risultati immagini per cailleach

Risultati immagini per befana significato

 

 

 

 

 

 

 

Categorie: Senza categoria | 26 commenti

Schifosi!

Turchia,Erdogan e il patto con gli imam: sì alle spose bambine dai 9 anni

Quando noi di Destra ci eravamo detti, e lo diciamo ancora adesso più che mai, assolutamente contrari all’ingresso della Turchia in Europa l’esercito dei trinariciuti imbecilli ci accusò di razzismo, fascismo ( che non si sa bene cosa centri) e islamofobia, termine da loro inventato per poter zittire chi si permette di criticare l’islam ( peccato che non ci sia per le altre religioni, però).
Adesso tacciono! Come vergognosamente sta tacendo la stampa e i media!
Tacciono davanti alla più grande delle infamie: la pedofilia!
Adesso per la Diyanet turca è lecita la pedofilia, il matrimonio ( forzato) con le bambine dai nove anni, e la sharia diventa legge anche dello stato.
La terribile notizia, comparsa sui quotidiani di opposizione ieri, trova conferma sul sito della stessa Diyanet, l’Autorità per gli Affari religiosi, massima autorità dell’Islam in Turchia e che ha una sede anche a Milano ( grazie al pd).
Ma si tratta della legalizzazione di una legge già esistente: tutti ricordiamo come, nel 2016, la Diyanet con una fatwa permetteva i rapporti incestuosi tra padri e figlie, a patto, come disse Maometto, che ella abbia compiuto 9 anni ( come la sua ultima moglie)!
La legge sul matrimonio proposta è conosciuta come la legge Jaafari, dal nome di una scuola sciita di giurisprudenza islamica.
L’infezione della pedofilia sta dilagando in tutto il mondo islamico: anche in Iraq una legge simile a quella turca permetterà ai pedofili di sposare, e quindi violentare legalmente, le bambine.
Eppure nel 2016, dopo le innumerevoli proteste di tutto il mondo, la stessa legge, con l’aggiunta del matrimonio riparatore in caso di stupro ( così la vittima resterebbe vittima a vita)   presentata dal partito Akp del presidente Erdogan, e che avrebbe tirato fuori di galera tutti gli stupratori di minori, venne fatta saltare. Perchè adesso no??? Perchè tutti adesso tacciono???
Sono più preoccupati se fa un rutto Trump che dello stupro di milioni di bambine!
E’ passato poco più di un anno da quella proposta che ora viene vergognosamente approvata da Erdogan!
Di fatto il partito islamico Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan ha sdoganato l’orribile crimine della pedofilia condonando gli atti sessuali con minori, che nei paesi civili si chiamano violenze carnali, stupri, se avvenuti in  modo consensuale e l’autore, ovvero lo schifoso pedofilo criminale e sturpatore, accetta di sposare la vittima della violenza. Che così verrebbe violentata ancora per tutta la vita o fino a quando va allo “sposo”.
Nel 2005 esisteva una legge contro la pedofilia in Turchia che avrebbe voluto avvicinare la Turchia all’Europa. Cosa che, per fortuna, non è accaduta e che mi auguro non accada MAI!
Mi chiedo: ma che razza di cervello serve per capire che un bambino non sarà mai consenziente ad un rapporto sessuale, che la pedofilia è il peggiore dei crimini commessi dall’uomo e che un bambino violentato e abusato non avrà mai una vita normale perchè con il corpo gli viene stuprata anche l’anima?
Cosa dobbiamo pensare di chi giustifica e anche approva tali crimini???
E soprattutto di chi tace di fatto acconsentendo?
Tutti i media e i politici che stanno facendo finta di niente sono complici di tutti questi orribili stupri a danno di bambine che non avranno mai un futuro se non di violenza e sopraffazione.
In tanto dati ufficiali indicano che dal 2010 al 2015 ci sono state oltre 230 mila spose bambine. Cifra enorme e purtroppo, come confermano gli esperti, sottostimata perché, proprio per le attuali limitazioni di legge, molte nozze con minori vengono celebrate solo davanti a un imam, e non registrate ufficialmente.
Parecchie si sono svolte anche in Italia, pare, nelle varie moschee ( come a Padova in Novembre e a Palermo), ma ovviamente nessuno ne parla….
Ma qualcuno di voi ha notato quanta poca attenzione abbia avuto questa terribile notizia??? Quanti media stanno difendendo il futuro di quelle bambine? NESSUNO!
E l’uncief cosa esiste a fare???? Solo a intascare soldi con le donazioni???
E la Boldrini non ha MAI niente da dire??? Sta ancora pensando ai saluti romani al campo X, povera?
E il papa??? Ah già, lui è impegnato a coprire i pedofili che ci sono in vaticano….
Praticamente c’è stata condanna solo da parte della Destra, soprattutto da Giorgia Meloni, e non certo per “islamofobia” ma perchè ci fanno schifo i pedofili, consideriamo la pedofilia il peggiore dei crimini e amiamo e vogliamo tutelare i bambini di tutto il mondo.

SALVIAMOLE!

Risultati immagini per spose bambine

Immagine correlata

Risultati immagini per spose bambine

Risultati immagini per spose bambine

Categorie: Senza categoria | 45 commenti

Il regalo più bello

Bimba di 8 anni rinuncia ai regali di compleanno per salvare i cavalli maltrattati

Ecco la notizia più bella per iniziare il nuovo anno del calendario:
Ryder Perryman è una bellissima bambina che vive a Chino Hills, in California, ed è pazzamente  innamorata dei cavalli.
Questa sua passione è nata grazie al film Emma’s Chance in cui viene descritto il grande lavoro fatto con il cuore del rifugio Red Bucket Equine Rescue per salvare i cavalli maltrattati o destinati al macello ( servono più programmi così anche in Italia!!! Conto sulla Brambilla).
L’amore di Ryder per i cavalli è diventato così grande che per il suo ottavo compleanno non ha chiesto ai genitori regali per sè, ma una donazione per i cavalli vittime di maltrattamenti ( ovviamente da parte dell’uomo).
Con la sua famiglia è andata al rifugio, fondato da Susan Peirce, portando beni utili all’associazione e spendendo oltre 700 dollari.

«I nostri cavalli hanno sofferto per abusi e maltrattamenti – racconta Susan Peirce – alcuni sono arrivati qui affamati e disidratati, altri erano destinati al macello».
Ognuno degli ospiti di Susan porta con sè storie drammatiche e tragiche che ben rendono l’idea di quanta schifosa cattiveria ci sia nell’uomo, in colui che si crede l’essere creato a immagine e somiglianza del Creatore!
Per fortuna per ogni umano marcio ce ne sono altrettanti con un cuore grande!
Il Red Bucket Equine Rescue  fino a oggi ha aiutato più di 350 cavalli e ha trovato una casa a 241 di loro.

«Il nostro lavoro non sarebbe possibile senza le donazioni – prosegue Susan- e vedere bambini come Ryder Perryman ci riempie il cuore di speranza per il futuro».

Riempie il cuore di tutti noi che amiamo gli animali alla pari delle persone!
E ci rende speranzosi per un futuro migliore.
Grazie piccola Ryder! Anche da parte delle mie due fantastiche cavalle ( anche loro salvate dal macello in cui sarebbero dovute finire da puledrine).
Che tu possa un giorno godere dell’amore di un cavallo tutto tuo, magari salvato dai maltrattamenti di qualche bestia sub umana.

Categorie: Senza categoria | 25 commenti

Blog su WordPress.com.