Qualcosa su cui pensare

In questi giorni è stato versato parecchio sangue italiano, dei nostri fratelli compatrioti italiani. Perchè, anche se a sinistra non piace perchè sono esterofili di merda e traditori della Patria, l’Italia è una grande famiglia, un grande Paese e gli italiani sono tutti fratelli. Quando muore un italiano è come se morisse una parte di tutti noi, perchè ci è stato tolto un fratello, un compatriota.
Quindi l’uccisione di nostri fratelli innocenti come(riporto solo quelli degli ultimi giorni):

Niccolò Ciatti, un giovane ragazzo di Scandicci ucciso a calci e pugni da tre merde sub umane RICHIEDENTI ASILO ceceni, musulmani, in una discoteca spagnola a LLoret de Mar, sotto gli occhi di beoti vigliacchi che, invece di intervenire, hanno filmato la sua agonia col telefonino. La famiglia deve anche pagare di sua tasca il rientro in Italia della salma e il funerale! Mentre lo stato italiano ha speso milioni per i funerali di sconosciuti immigrati annegati in mare e per “salvare” gente come Giuliana Sgrena e quelle altre due cretine che hanno fatto finta di essere state rapite in Siria! Soldi nostri, s’intende. Ma per un italiano ucciso da richiedenti asilo musulmani no, non tira fuori neanche un cent!

Luca Russo, giovane ingegnere padovano di 25 anni, volontario nella raccolta fondi per i bambini malati di cancro, ucciso da TERRORISTI ISLAMICI sulla Rambla a Barcellona;
Bruno Gullotta, responsabile marketing, 35 anni, sposato e padre di due bambini, anche lui ucciso dai TERRORISTI ISLAMICI sulla Rambla dando la vita per salvare i propri figli.

Una ragazza italiana, una ricercatrice di circa trent’anni residente in Finlandia, è rimasta ferita nell’attentato a Turku da un marocchino musulmano di 18 anni RICHIEDENTE ASILO.

A Reggio Emilia un ragazzino di 12 anni è stato brutalmente violentato da un IMMIGRATO RICHIEDENTE ASILO di 21 anni pakistano. Il giudice gli ha dato solo l’obbligo di firma….

Nel ricco Qatar l’italiana Samuela B., trentenne torinese che lavora per una multinazionale italiana proprio in quel paese per costruire la metropolitana in vista dei mondiali di calcio 2022, è stata arrestata perchè ha osato passeggiare sulla spiaggia di Doha con suo collega maschio, che non è suo marito, ed ha pure permesso a costui di aiutarla a salire su una giostra! Sia mai! Il gesto sacrilego ha scandalizzato un riccone egiziano che ha subito chiamato la polizia.
Le leggi musulmane di quel paese parlano chiaro:una donna può girare SOLO accompagnata dal marito o da un familiare maschio, non può essere toccata da nessuno che non sia un uomo della sua famiglia e così via col sessismo più bieco. Inoltre uno straniero che va in Qatar deve lasciare il proprio passaporto presso le unità locali, così non può lasciare il paese senza permesso. Mica come qui con i clandestini!
Così Samuela è finita in carcere, senza spiegazioni, per un intero week end senza nemmeno avere il diritto di fare una telefonata.
E’ stata spogliata, vestita di bianco e rinchiusa in cella con altre povere disgraziate che, scoprirà in seguito, erano tutte detenute perchè ripudiate dai mariti con accuse di presunti tradimenti ( se accade il contrario, però, l’uomo non finisce mica in galera).
Questa una sua dichiarazione, riporto da Il Giornale:

«Sapevo che in Qatar la parola di un uomo vale infinitamente più di quella di una donna ma ascoltare la testimonianza di quella ragazza sposata con un qatariota mi ha fatto cadere in un profondo stato di panico e paura». Nella giornata di sabato, l’incontro con altre carcerate, rinchiuse nel braccio femminile, e tutte avevano la stessa storia da raccontare: straniere, sposate a cittadini qatarioti, denunciate per tradimento o atti omosessuali, quindi, imprigionate ed abbandonate da tutti. Nel frattempo, a Samuela che aveva avvisato tutti di essere dipendente di una importante azienda locale, venivano negati i più basilari diritti civili.
«Gli sguardi dei carcerieri sul mio corpo erano oppressivi, le perquisizioni, i commenti  mi facevano pensare il peggio, e mi preoccupava il fatto che, essendo sabato, nessuno mi avrebbe cercata almeno fino a lunedì».

Finalmente, domenica mattina, una guardia si decide, preleva Samuela e la porta in un ufficio dove viene ascoltata. Le spiegano che un egiziano la aveva denunciata per atti osceni.
«Ho spiegato a quelle persone che conosco benissimo le leggi locali – continua la ragazza – e che il mio amico mi aveva solo aiutata a salire su uno scivolo, ma che nulla era successo e che però volevo parlare con questo egiziano tanto scandalizzato».
A questa richiesta, il poliziotto incaricato dell’interrogatorio spiega a Samuela, letteralmente che «la parola di un arabo non ha bisogno di essere messa a confronto con quella di una italiana», e che quindi non poteva essere messa in discussione. «Nella disperazione totale ho pregato di potere chiamare la famiglia – racconta Samuela – o almeno il mio datore di lavoro, ma sembrava che nessuno volesse ascoltarmi».
Alla fine, dopo un’altra notte insonne, passata ad ascoltare le esperienze di ragazze, tutte straniere, schiavizzate dai propri mariti qatarioti; rinnegate e messe a tacere con accuse inesistenti, domenica mattina per Samuela si aprono le porte del carcere, senza spiegazioni e senza scuse.
«Tornata al lavoro lunedì mattina – spiega la ingegnera – ho raccontato tutto al mio capo italiano, lui ha chiamato le autorità di Doha, ma queste sorprendentemente hanno negato categoricamente di avere registrato l’arresto di una italiana».

Capito?


Poi ci sono vigili, capotreni, Forze dell’Ordine quotidianamente aggrediti da stranieri!
Da ultimissima quella di un marocchino a Genova che ha puntato dei grossi coltelli contro diverse persone, dando calci e pugni danneggiando saracinesche, ombrelloni, tavolini di bar ( chi paga? La Boldrini? I centri sociali? Gino Strada? Soros?).
Poi ha minacciato di morte i poliziotti intervenuti.
Scappa da qualche guerra che mi sfugge anche questo qui????
Ora, non vi sorge spontanea qualche domanda o almeno qualche riflessione?
TUTTI i TERRORIST ISLAMICI che hanno compiuto attentati erano residenti in Europa, molti nati qui, quindi di seconda o terza generazione,gli altri richiedenti asilo…..
Qualche beota fa marce e marcette, manifestazioni pro immigrati, le ong comunicano con gli scafisti, li portano qui gli danno casa, lavoro, sussidi e contratti con cui li sfruttano per bene, gli costruiscono moschee su moschee, gli permettono di mandare in giro le loro donne velate ( qui esiste la parità tra i sessi GARANTITA dalla costituzione), gli permettono macellazioni crudeli vietate dalle nostre leggi a tutela degli animali, cancellano le nostre feste per non dare fastidio a loro che invece celebrano tranquillamente il loro ramadan e pregano le loro 5 volte al giorno interrompendo le attività lavorative, cambiano i menù scolastici per loro ( per me che sono vegetariana e Druida non l’hanno mai fatto, mi sono sempre arrangiata da sola), ci passano davanti per qualsiasi cosa: asili, case popolari, lavoro…..
Provate a fare un esperimento, se non ci credete: fingetevi disoccupati e recatevi in un’agenzia interinale o una cooperativa sociale a chiedere lavoro: vi diranno che prima vengono loro perchè hanno tanti figli.
Idem per la case popolari e i sussidi vari.
Provate: io l’ho fatto ed è effettivamente così come mi hanno sempre raccontato.
E volete la verità? Praticamente nessuno di questi immigrati scappa dalle guerre!
Sono immigrati economici, spesso gente che i loro stessi governanti hanno raccomandato di non accogliere perchè sono dei delinquenti già nei loro paesi, vedere le dichiarazioni del presidente della Nigeria.
Eppure….Attentati, stupri, aggressioni, violenze, odio dichiarato contro di noi.
A voi le conclusioni!
Non ho ancora visto le lacrime della Boldrini…..

 

italiani

Luca Russo e Bruno Gullotta

Risultati immagini per niccolò ciatti

Niccolò Ciatti

 

Schermata 2017-08-18 alle 17.38.57

Il piccolo Aylan, morto sulla spiaggia perchè i suopi genitori lo hanno costretto alla traversata rischiosa. Foto più che usata dai trinariciuti per cercare di commuovere la gente e far entrare ancora più immigrati, che di solito sono giovani maschi spesso ciccioni. Nella foto accanto un altro bambino morto accanto al cadavere della sua mamma. Un bambino di tre anni la cui foto non sarà mai pubblicizzata e messa ovunque come quella di prima perchè questo innocente è stato ucciso dai terroristi islamici! E questo non fa comodo alle sinistre

 

 

Annunci
Categorie: Senza categoria | 48 commenti

Navigazione articolo

48 pensieri su “Qualcosa su cui pensare

  1. Al supermercato un mesetto fa mi è passato un arabo davanti in cassa, appena mi sono lamentata mi ha detto zitta Troia tu donna.
    Il cassiere ha sentito ha chiamato la guardia e lo hanno portato fuori e lui per tutto il tempo mi ha chiamata Troia. Mi hanno cresciuta aperta ecc. Ecc. Ma ci sono delle volte che li prenderei a calci per la loro mentalità.

    Piace a 4 people

  2. Silvia

    C’è un limite a tutto…..e ormai l’abbiamo superato da un pezzo!

    Piace a 2 people

  3. Continuo a pensarla come te. Nessun rispetto x chi non rispetta.

    Piace a 3 people

  4. Siamo circondati,odiano le donne e noi odiamo loro. Se ne devono andare, via questa immondizia. Allucinante l’ esperienza di Ale, mi dispiace tantissimo per lei. Ciao.

    Piace a 1 persona

    • Non hanno niente a che fare con noi,con la nostra cultura e tradizioni:cosa vengono a fare qui se non sperare di sottometterci e dominarci come fecero in Spagna? Loro non possono vivere in terra “infedele” se non per conquistarla.Oltretutto odiano musica e arte,meraviglie che caratterizzano il nostro magnifico Paese,e pretendono di non frequentare le lezioni a scuola! Ma che se ne tornassero a casa loro! I veri profughi da ospitare sarebbero i tibetani,perseguitati dai cinesi:con loro non ci sarebbe nessun problema!

      Mi piace

  5. Una mia amica qualche anno fa, in vacanza in Egitto e stata malmenato ed insultata pesantemente all’uscita di un locale per turisti perché era sola..

    Piace a 1 persona

    • Questo dimostra come certe “culture” non centrino un fico secco con la nostra e per questo non dovrebbero mai averci a che fare! Guarda caso praticamente tutti i terroristi sono di quelli nati qui,quelli che avrebbero dovuto integrarsi…..Questa é la loro voglia di integrarsi! Crescono odiandoci e disprezzandoci,ma vivono grazie alla nostra accoglienza e ai diritti concessi. Cosa che nei loro paesi non avviene per chi non è musulmano! Loro non possono vivere con noi anche semplicemente perché riconoscono solo la loro legge religiosa e non quella dello stato. E poi,visto come considerano le donne,io proprio non li voglio e li accetterò mai. Mi stupisco di quelle sinistrine sceme e ignoranti che fanno tanto le donne libere e femministe e poi difendono questi! Mah

      Piace a 1 persona

  6. nel corso degli anni ho modificato il mio modo di vedere (purtroppo) , NON mi sento proprio fratello di dem-enti che hanno distrutto il paese , una volta giravo in moto per l’europa con la bandierina italiana bene in vista, ora mi vergogno !!

    Piace a 1 persona

    • Ti capisco! Io infatti quelli non li considero affatto italiani. Il fatto che esistano quelle schifose zecche rosse non mi rende meno fiera del mio Paese. Quelle merde non riusciranno mai a togliermi l’amore per la mia Patria! Sono loro a fare schifo,i nemici,gli anti italiani,non l’Italia 😊

      Mi piace

  7. Non ho parole… anche perché, l’ho scritto, non riesco a sopportare più.
    Non voglio aggiungere nulla a quello che è stato scritto; chiedo però una sola cosa: “Perché l’Italia va in Qatar per il Campionato del Mondo? E gli altri?”
    BUON GIORNO.
    Quarc

    P.S.: Non ricevo i tuoi articoli. Ho dovuto venirti a cercare.

    Piace a 1 persona

  8. Ci penso arrivando alle tue stesse conclusioni. Un saluto caro

    Piace a 1 persona

  9. Io non ne posso più, ho le lacrime agli occhi al pensiero di quanto sta accadendo. Tra l’altro i padovani morti all’estero stanno diventando numerosi, la nostra città è molto colpita da tutto ciò.

    Piace a 1 persona

    • Immagino! Se penso che c’è ancora gente disgustosa che li difende! Non ho visto esseri come la Boldrini disperarsi e dire che dobbiamo reagire! Gentiloni continua con lo ius soli…..Ci rendiamo conto? Intanto questi bastardi,mantenuti da noi,continuano a programmare altri nostri morti. Assordante anche il silenzio della comunità musulmana,sempre pronta a chiocciare quando si sentono offesi o hanno da pretendere qualcosa. Certo,se li buttassimo fuori tutti non correremmo più nessun pericolo! Perché dobbiamo rischiare la vita noi e i nostri figli? Chi non li condanna e li combatte con ogni mezzo vuol dire che è colluso con i terroristi

      Piace a 1 persona

      • Ius Soli: che enorme cazzata. Proprio adesso ne parlano, con tutti questi problemi. Ma non si vergognano?
        Dovesse passare la legge, sarebbe autometico la richiesta di referendum abrogativo, stanne certa.

        Piace a 1 persona

      • I trinariciuti hanno la faccia come il cù,non sanno cosa sia la dignità. Un governo ABUSIVO non ha diritto ad approvare un bel niente!

        Piace a 1 persona

  10. ciao, sempre splendidi i tuoi post, me ne sono persi alcuni perchè non avevo possibilità di leggerli, ma piano piano recupero.

    Piace a 1 persona

  11. ROSARIO ZAPPALA'

    Bisogna smetterla di tenere in Europa questi infami

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: