Norma Cossetto: la ragazza che disse di NO

«Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata
dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata
dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba.
Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio.»

Questa onorificenza, medaglia d’oro al merito civile alla memoria, appartiene a Norma Cossetto, studentessa italiana istriana torturata e uccisa dai partigiani titini nel 1943 nei pressi della foiba di Villa Surani.
Perchè aveva rifiutato di tradire i fascisti e piegarsi alla dittatura dei partigiani comunisti.
Da quando si studiano gli orrori della seconda guerra mondiale per lungo tempo si è sempre e solo raccontato degli orrori nazisti e dell’Olocausto, tralasciando il ricordo di migliaia e migliaia  di altre vittime, tanto che in troppi tutt’ora non  conoscono nemmeno cosa significhi il termine foiba.
Le foibe, lo ricordo ancora anche oggi, sono enormi cavità, tipo caverne verticali o profondi pozzi, tipiche delle zone carsiche e dell’ Istria.
Nel 1945 oltre 10 mila persone furono gettate vive nelle foibe,  o uccise dopo processi sommari, dai partigiani comunisti di Tito, in nome di una pulizia etnica, esattamente come quella di  Hitler, che voleva annientare gli italiani nei territori di Istria e Dalmazia.
L’orrenda morte di queste vittime fu avvolta per lungo tempo dal più totale silenzio, perchè si sa: la storia è raccontata da chi vince la guerra!
Ma prima o poi la verità viene a galla…….Fra il 1943 e il 1947 oltre 10 mila persone furono gettate vive o morte in queste gole, un genocidio che non teneva conto di età, sesso e religione, riconosciuto ufficialmente nel 2004, con la legge numero 94 che istituì la «Giornata del ricordo», in memoria dei martiri delle Foibe.

Ma chi era Norma Cossetto? Questa ragazza così coraggiosa e valorosa dal preferire la tortura e la morte pur di non rinnegare i suoi ideali e di non sottomettersi ai prepotenti?
Norma Cossetto nacque a Visinada il 17 Maggio 1920  e fu uccisa ad Antignana nell’Ottobre del 1943.
Il padre era segretario del Partito Nazionale Fascista, poi ufficiale delle Milizia Volontaria della Sicurezza Nazionale.
Fu accoltellato, ovviamente alle spalle, da un partigiano il 7 Ottobre 1943 mentre cercava notizie sulla figlia a Costellier Santa Domenica e gettato in una foiba.
Norma si diplomò presso il Regio Liceo Vittorio Emanuele III di Gorizia e in seguito si iscrisse al corso di lettere e filosofia all’università di Padova. Sognava di diventare insegnante.
In questo periodo aderì ai Gruppi Universitari Fascisti di Pola.
Dopo l’armistizio dell’8 Settembre 1943 che sancì la fine dell’allenaza italiana con la Germania di Hitler, la famiglia di Norma cominciò a  ricevere minacce e furti da parte dei partigiani ( si, i partigiani erano anche dei grandissimi LADRI!).
Norma venne convocata presso il comando partigiano composto sia da italiani che da jugoslavi, in cui venne invitata ad aderire al movimento partigiano e a tradire la sua famiglia e i suoi ideali.
Norma oppose un netto rifiuto, e quel giorno venne rilasciata.
Ma il giorno dopo lei e alcuni suoi parenti furono arrestati e condotti all’ex caserma della Guardia di Finanza di Parenzo.
La successiva occupazione dei tedeschi costrinse i partigiani a spostare i prigionieri di notte presso la scuola di Antignana divenuta un carcere ( una scuola! Ma si sa che i kompagni sono ignoranti e vedono qualsiasi forma di cultura come una prigione).
In questo luogo, sottolineo una scuola,  Norma venne tenuta legata ad
un tavolo, provabilmente un banco su cui alunni avrebbero dovuto imparare,
e ripetutamente orrendamente torturata e violentata dai partigiani.
Nella notte tra il 4 e il 5 Ottobre 1943 i prigionieri, legati mani e piedi
con del fil di ferro, furono costretti con la forza a recarsi a Villa Surani.
Le donne presenti, tre, subirono ancora ripetute violenza sessuali.
Poi tutti furono gettati, ancora vivi, in una foiba.  

Testimonia la sorella di Norma, Lidia Cossetto, in seguito anche lei
arrestata dai partigiani, quando ritrovarono il suo corpo martoriato
in fondo ad una foiba:

« Ancora adesso la notte ho gli incubi, al ricordo di come l’abbiamo
trovata: mani legate dietro alla schiena, tutto aperto sul seno
il golfino di lana tirolese comperatoci da papà la volta che ci aveva
portate sulle Dolomiti, tutti i vestiti tirati sopra all’addome…
Solo il viso mi sembrava abbastanza sereno. Ho cercato di guardare
se aveva dei colpi di arma da fuoco, ma non aveva niente; sono convinta
che l’abbiano gettata giù ancora viva. Mentre stavo lì, cercando
di ricomporla, una signora si è avvicinata e mi ha detto: “Signorina non
le dico il mio nome, ma io quel pomeriggio, dalla mia casa che era vicina
alla scuola, dalle imposte socchiuse, ho visto sua sorella legata ad un
tavolo e delle belve abusare di lei; alla sera poi ho sentito anche
i suoi lamenti: invocava la mamma e chiedeva acqua, ma non ho potuto
fare niente, perché avevo paura anch’io” »

In seguto soldati tedeschi catturarono una quindicina di questi
partigiani e li costrinsero a vegliare per una notte intera il cadavere
di Norma.
Tre di loro impazzirono.
Furono fucilati il giorno successivo. 


In memoria di Norma Cossetto nacque nel 1944 a Trieste il Gruppo
d’Azione Femminile che porta il suo nome, unico reparto paramilitare
fascista femminile della RSI.Nel 1949 le fu conferita la laurea ad
honorem dall’Università di Padova.
Nel 2011 la medesima univeristà le conferì una targa alla memoria.
Dal 2012 una biblioteca di Limena (Padova)porta il suo nome.
A Trento e Bolzano ci sono due vie dedicate a lei.
Da Gennaio 2013 il comune di Calalzo di Cadore (BL) le ha intitolato la sala consiliare.
Il suo corpo riposa in Croazia, nel cimitero di Santa Domenica di
Visinada.

Onore alla coraggiosisisma Norma!

 

Risultati immagini per norma cossetto

Risultati immagini per norma cossetto

Risultati immagini per norma cossetto

Risultati immagini per norma cossetto

Annunci
Categorie: Senza categoria | 9 commenti

Navigazione articolo

9 pensieri su “Norma Cossetto: la ragazza che disse di NO

  1. Indegne certe persone dovrebbero morire soffrendoooo a lungo x quello che fanno altro che paradiso purgatorio e inferno….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: