Archivi del mese: dicembre 2016

Un raro amuleto di Odino scoperto in Danimarca

Che meraviglia!!!

Il Fatto Storico

(Museo Lolland-Falster) (Museo Lolland-Falster)

Un cercatore d’oro amatoriale di nome Carsten Helm, in compagnia dei suoi due figli di 10 e 12 anni, ha scoperto una serie di oggetti d’oro del VI secolo d.C. sull’isola di Lolland, in Danimarca. Tra essi vi è un cosiddetto bratteato, un sottile medaglione d’oro portato come un gioiello durante l’Età del Ferro germanica.

Gli archeologi del Museo di Lolland-Falster credono che l’immagine sull’amuleto dipinga il dio norreno Odino. La loro conclusione si basa su altri ritrovamenti di bratteati simili che includono un’iscrizione runica che recita “L’Alto” (o “L’eccelso”), uno degli epiteti di Odino.

Inciso sul medaglione vi è anche una svastica.

View original post 244 altre parole

Categorie: Senza categoria | 21 commenti

Un genio!

Alessandra Moretti(Pd)

assente in aula per “malattia” in India per vacanza!

Quelli del pd non hanno davvero pudore! Questa qui è addirittura più scema degli altri ed ha imparato bene dal suo re Frottolo.
Sto parlando della consigliera regionale del Veneto, targata pd, Alessandra Moretti, detta Frottola,ex candidata del pd alla presidenza della regione Veneto .
Codesta furbona avrebbe comunicato di essere malata e quindi di non poter presenziare alla discussione sulla legge di stabilità.
Poi il genio pubblica su Instagram una sua foto mentre è a Jaipur, nientemeno che in India, ad una festa di matrimonio!!!!Con tanto di discalia sotto la foto: “un viaggio che apre gli occhi sul mondo“. Si, sul mondo della falsità e dello schifo che fanno i nostri politici fannulloni, bugiardi, ladri e strapagati! Tutti quei soldi per non non essere in grado nemeno di fare il proprio dovere!
La scema si è perfino permessa di prendere per il culo gli italiani che la pagano dichiarando, una volta beccata, a chi le chiedeva notizie:”Sono fuori città e… ammalata da viaggio“.
Ci rendiamo conto????
Poi a Radio Capital definisce “surreale” tutto questo scalpore:
“Ho avuto la febbre, sono partita dopo per l’India per un viaggio programmato da tempo e poi mi sono riammalata lì per alcuni giorni e adesso sto tornando. Mi sembra una cosa surreale che mi debba giustificare. Non siamo in un’aula di tribunale. Trovo davvero surreale questo interesse per il mio stato di salute e per la mia vita privata”.
Già, se non fosse che sei una politica con doveri verso i cittadini che ti pagano, e anche troppo…..
Non solo, la Moretti sul Fatto Quotidiano aggiunge anche: “Vale più una settimana in India che un anno a Palazzo”.  E allora stai lì, no, brutta zecca parassita! E fatti pagare dagli indiani!
Il matrimonio in questione a cui ha partecipato la scema  è quello di Jorge Sharma, un noto e ricco imprenditore del settore orafo che opera a Vicenza. Il quale ha organizzato 4 giorni di festa in India, invitando sia la consigliera che l’assessore alla sicurezza di Vicenza, Dario Rotondi.
Quattro giorni di feste, balli e gozzoviglie varie in cui costei si è divertita imbrogliando gli italiani, i Veneti in primis.
Ora, se un lavoratore qualsiasi fa una cosa del genere viene licenziato all’istante.
Cosa sarà di questa povera cretina? Sicuramente resterà con il culo attaccato allo scranno, come tutti quelli del pd anche se nessuno li vuole, ma visto che siamo noi a pagarla dovremmo essere noi a licenziarla. Via, se ne resti a ballare in India!
L’Italia è in crisi perchè abbiamo un governo abusivo fatto da un partito di bugiardi e imbroglioni. E’ ora di dire basta!

Risultati immagini per politici andate a casa

Immagine correlata

Categorie: Senza categoria | 10 commenti

Il teatrino degli orrori

Benvenuti nel più patetico e triste dei teatrini: quello della politica italiana!
Ovvero dove dopo 3 governi abusivi di fila, saliti al potere senza elezioni, si arriva a un referendum dove il popolo sovrano vota soprattutto contro il governo di un Frottolo abusivo e dittatore. Il Frottolo perde, fa finta di dimettersi ma resta dietro il tendone a dirigere e, invece di andare democraticamente a votare ci rifilano il quarto governo abusivo di fila con un Gentilfrottolo, o Gentilrenzi, al potere e un’imposta miss Etruria come vice sculettante! Per non parlare dell’Alf ano messo come ministro degli esteri, lui che manco sa parlare italiano….
Finita qui? Ma certo che no!
Il teatrino offre anche una finta laureata,tale Fedeli, che ha spacciato un diploma per una laurea e così è diventata ministra dell’Istruzione! Ma possibile che questi del pd non riescano a fare niente di corretto e pulito??? E credete che si sia dimessa o che sia stata licenziata per aver dichiarato falsi titoli? NOOOOOOO! Al teatrino si aspetta che la signora con i capelli color melanzana  spieghi tutto di persona, ma solo “quando avrà modo di spiegare cosa vuole fare come ministra, una volta ricevuti tutti i dossier dal suo predecessore.”- dice il suo portavoce, perchè da soli sti burattini non sanno nemmeno parlare. Con i soldi che prendono!
E intanto la Serracchiani piange durante il consiglio regionale….perchè i cattivoni dell’opposizione le hanno chiesto conto del bilancio regionale non proprio precisino:
al microfono la piangente ha detto di voler fare una “considerazione amara”, affermando che “Non so se è stato perché sono donna o perché non sono nata in Friuli Venezia Giulia, ma ho sopportato più di chiunque altro attacchi esclusivamente personali”.
Poi, asciugandosi le lacrime ha aggiunto: “Ci sono momenti in cui faccio fatica anche io ma non dite che non ho dedicato a questa Regione tutta me stessa perché per questa regione ho rinunciato a tutte le cose più care che avevo”.
Poverina….a momenti piango anch’io, si, perchè non posso prenderli tutti a calci nel culo e mandarli a casa!
Intanto la Boldrinova si sta chiedendo quale sia il femminile di papa….
E la mummia Mattarella si strofina le polverose mani all’ombra dell’immortale Napolitano.
Speriamo che una tribù di tarli si divori questo orrendo teatrino! Più tetro che teatro.

Risultati immagini per vignette contro il pd

Risultati immagini per vignette contro il pd

Risultati immagini per renzi perde referendum

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per vignette contro il pd

Risultati immagini per vignette sulla boschi

Risultati immagini per vignette sulla boschi

Risultati immagini per vignette sulla boschi

Risultati immagini per vignette sulla boschi

Risultati immagini per vignette su alfano

Risultati immagini per vignette su alfano

Immagine correlata

Risultati immagini per vignette contro la boldrini

Risultati immagini per vignette contro la boldrini

Risultati immagini per vignette contro la boldrini

Risultati immagini per vignette su gentiloni

Risultati immagini per vignette su gentiloniRisultati immagini per vignette su gentiloni

Risultati immagini per vignette su mattarella

Risultati immagini per vignette su mattarella

Risultati immagini per renzi perde referendum

Categorie: Senza categoria | 28 commenti

Si avvicina…

Solstizio d’Inverno

Quando a dicembre arriva il Solstizio
che dell’Inverno scandisce l’inizio
il Sole pare diventare più mite ed umano
non fa più l’altezzoso nel cielo lontano
insieme a noi si leva tardi al mattino
si tira pigramente sul tetto vicino
rimanendo incantato tutto il giorno
a guardare curioso le case intorno
non c’è chi non lo veda affacciare
che non lo faccia subito entrare
accogliendolo con cordialità e calore
come si trattasse d’un ospite d’onore
in realtà sembra che al Solstizio
sia la festa del Sole ad avere inizio.

( Dal web)

Non so voi ma io quando arriva l’Inverno vado un po’ in letargo come tanti nostri fratelli animali. Adoro il freddo e soprattutto stare seduta vicino al camino con tutto il mio branco intorno a bere cioccolata calda ( tranne i figli pelosi: loro devono stare alla larga dalla cioccolata!) a leggere e raccontare storie.
Me lo merito dopo aver pulito la stalla e tagliato la legna con il gelo!
Il lavoro nei campi è a riposo e quindi ho più tempo per giocare col branco nella neve.
Amo sentire il freddo addosso, vedere le mani che si arrossano, il respiro che si congela appena lo esalo, il naso che diventa insensibile. Poi entrare in casa e iniziare a scaldarmi tutta dalle punte dei piedi in su e riposare.
E voi, cosa fate d’Inverno? Piace anche a voi il freddo o preferite il caldo?

solstizio d'inverno

Solstizio d'Inverno

Immagine correlata

038

La mia Kikky in giardino: adora le neve come me!

foto0007

Le mie cavalle che giocano

 

 

Categorie: Senza categoria | 18 commenti

Il Popolo che corre

Tra i tanti Popoli quasi dimenticati della Terra perchè soffocati dalle invasioni europee nelle Americhe, ce n’è uno fatto di gente nata per correre. E siccome io amo da sempre correre vi parlerò di loro.
In Messico, nel territorio del Chihuahua, vive un Popolo di Nativi Americani chiamato Tarahumara che vive ancora in modo tradizionale.
Per loro, la Terra è la vita stessa.
Il loro nome definisce sia la popolazione che la lingua parlata, appartenente al gruppo linguistico uto- atzeco con contaminazioni spagnole moderne dovute alle invasioni che non risparmiarono nemmeno queste zone.
Conducono una vita lontana dalle schifezze moderne e dalle corruzioni della così detta civiltà: vivono in piccoli gruppi in piccole capanne fatte di legno o pietre, oppure nelle grotte. Coltivano la terra, in particolare fagioli, zucche e grano, e allevano animali come galline e capre.
Possiedono un grande spirito democratico: la guida del Popolo è affidata ad un Siriame, o capo gruppo, il più anziano e saggio della popolazione,che svolge funzioni di giudice civile, con attorno diversi altri uomini che rendono effettive le sue disposizioni.
Ogni domenica si riuniscono in assemblee in cui il Siriame ascolta gli eventuali problemi della comunità e cerca di risolverli, oltre a condurre le cerimonie religiose, giudicare i crimini commessi e a organizzare eventi.
Il Siriame  viene eletto con votazione pubblica e rimane in carica circa 5 o 10 anni.
Poi passerà il disora, il bastone che rappresenta il suo ruolo civile e religioso, al suo successore.
I Tahaumara sono gente umile e senza fronzoli: vestono in maniera semplice e comoda,
con vestiti di lino colorati, coperte, come i vicini Apache, e mantelli, con nastri colorati a decorare i lunghi capelli neri.
Ma soprattutto a contraddistinguerli sono le calzature: sandali chiamati huaraches fatti a mano da loro con gomme di vecchi copertoni.
Con questi sandali i Tarahumara fanno la cosa che gli piace di più: correre!
Infatti tra di loro  amano chiamarsi Raràmuri: piedi leggeri.
La corsa sulle lunghe distanze, parecchei e parecchie miglia su terreni accidentati e impervi, è una delle pietre miliari della identità culturale dei Tarahumara.
Per mezzo della corsa da sempre ricoprono lunghissime distanze per comunicare e cacciare, data la durezza del territorio della Sierra Madre, troppo aspra anche per gli zoccoli di asini e cavalli.
Da oltre cent’anni i Raràmuri si divertono con un  gioco chiamato rarajipari.
Questo consiste nel prendere a calci una palla di legno intagliato lungo distanze che arrivano fino a 50 a 100 miglia, in una competizione che può durare anche due giorni. Durante la gara, si corre con ai piedi le classiche huaraches e si mangiano mais, fagioli e tortillas.
Nel 199r un Nativo Raràmuri, Victoriano Churro, agricoltore di 55 anni, vinse la Leadville Trail 100 miles, una gara massacrante che si svolge  in Colorado, con ai piedi i suoi sandali huaraches fabbricati poco tempo prima della corsa.
Al secondo posto un altro Raràmuri: Cerrildo Chacarito.
E non fecero nessuna fatica!
I Raràmuri sono anche un Popolo molto spirituale: le loro guide spirituali vengono chiamate Owirùame e si occupano della magia bianca. Molti giurano di vederli spostarsi sotto forma di uccello e recuperare forma umana una volta arrivati a destinazione.
Forse corrno così veloci che sembrano volare.
Poi ci sono i Sokoruame, quelli che praticano la magia nera.
Il male viene spesso identificato con l’uomo bianco, invasore, ladro e assassino, o il meticcio, che  rappresentano la volontà di ingannare, il furto, l’invasione delle terre, la morte. L’uomo bianco, per Raràmuri, è colui che si approfitta della gente, che non rispetta la Terra, che distrugge i boschi, che desidera accumulare ricchezze personali anziché condividerle con il resto della comunità. Come dargli torto?
Secondo una loro tradizione il Grande Spirito creò i Raràmuri,  mentre lo Spirito Malvagio creò i Chabochi. Una leggenda narra che il Grande Spirito si arrabbiò con i Rràmuri perchè persero una sfida contro gli Chabochi e quindi condannò i primi a vivere in povertà e i secondi in ricchezza.
Come in tutte le popolazioni Native è presente uno Sciamano, maschio o femmina, che aiuta la comunità a rimanere in equilibrio tra corpo, mente e universo intero.
Questo fiero Popolo ha lottato e lotta ancora con tenacia per preservare intatte le proprie tradizioni, spesso soffocate dall’invasione e dalla contaminazione dei cristiani che in tutti i modi hanno sempre cercato di schiacciarli e piegarli al loro culto.
Anche per questo sono dei valorosi che hanno tutto il mio massimo rispetto e ammirazione.

Preghiera Raràmuri

Oh, giglio bellissimo,
in fiore questa mattina,
proteggimi.
Allontana da me ogni sortilegio.
Fa’ che possa invecchiare.
Lasciami raggiungere l’età
nella quale possa prendere un bastone da passeggio.
Ti ringrazio perché mi permetti di respirare la tua fragranza,
lì, dove tu stai in piedi.

 

 

Risultati immagini per tarahumara

Risultati immagini per tarahumara

Immagine correlata

Risultati immagini per tarahumara popolo che corre
Risultati immagini per tarahumara popolo che corre

 

Risultati immagini per tarahumara popolo che corre

Risultati immagini per tarahumara

 

 

 

 

 

Categorie: Senza categoria | 10 commenti

Fianco a fianco

 

Amico mio,
qualunque sia il pericolo

che ti minacci,
se tu mi chiamerai
sarò al tuo fianco.
Senza paura,
invincibile,
io sarò lì.

Lakota Sioux

Dedicato ai miei fratelli Lakota e alla loro battaglia contro
il Dakota Access
Pipeline, soprattutto a quelli finiti in
carcere dopo la
rivolta in Ottobre: so che mi seguite sempre
e che mi portate nel vostro cuore come io nel mio.
Io sono con voi!

Risultati immagini per guerrieri lakota

Immagine correlata

Risultati immagini per guerrieri lakota

Risultati immagini per guerrieri lakota

Risultati immagini per amicizia

Categorie: Senza categoria | 7 commenti

Riflessione

In questi giorni in cui si avvicina il Natale si vedono in giro luci, alberi, presepi…..
La gente, anche i miei colleghi a scuola, non fa che parlare di cosa mangerà, di dove andrà, se andrà a sciare e dove, e che due palle è dover correre a fare regali.
In televisione, nelle pubblicità, è tutto un brulicare di Babbo Natale,  panettoni, pandori, torroni e regali, regali, regali.
E Gesù?
Io, come sapete, non sono cristiana ma Druida, non festeggio il Natale ma Yule, non celebro il compleanno di Gesù ma la rinascita del Sole Bambino.
Per noi non è una festa consumistica ma di comunione con la Natura, i fratelli animali, e l’Universo intero.
Quindi mi rivolgo a voi cristiani, a quelli che credono e che andranno a messa a mezzanotte del 24: e Gesù? Dov’è in tutto questo circo di luci, pacchetti, palline  e mangiare?
Dov’è il bambino che voi considerate il vostro Salvatore? Colui che vi ha insegnato l’amore e che poi, da grande, è morto per voi inchiodato su una croce?
Sotto l’albero? In un pacchetto?
No, perchè a me ogni anno il Natale sembra diventare sempre più qualcosa di esclusivamente materialistico e consumistico, frenetico e godereccio.
I bambini aspettano la mezzanotte per correre ad aprire i regali, non per fare gli auguri e mandare un bacino a Gesù, che è il suo compleanno.
C’è chi pensa a come pettinarsi, come vestirsi, come presentare la casa….
Si parla di cosa si è mangiato, delle vacanze, di che cosa si è ricevuto, con conseguenti critiche.
Poi ci sono quelli che diventano improvvisamente buoni e vanno d’accordo con tutti, perchè è Natale!
E della spiritualità di quel giorno? Del sentimento religioso?
Ne parlano poco ormai anche i preti, sempre più impegnati a fare propagande politiche che a curar gli spiriti dei fedeli!
Gesù, secondo la storia, era nato in una semplice stalla, nel fieno, riscaldato da due magnifici e dolci animali: un bue e un asinello.
Niente luci, niente Babbo Natale, niente renne con slitta, niente pacchettini, niente sci.
Solo mamma, papà e due fratelli pelosi che l’hanno aiutato e senza i quali sarebbe morto subito di freddo.
I doni glieli hanno portati dopo, è vero, ma quanti di voi pensano a fare un regalo a Gesù?
Quanti si raccolgono a pensare che ogni anno da 2016 anni si celebra il compleanno del proprio amato Salvatore?
Lo amate ancora Gesù? E quanto lo amate? Come dimostrate il vostro amore per lui?
Spero mi risponderete perchè a me tutto questo consumismo che ruota intorno al Natale mi dà un fastidio tremendo!!!  E mi fa schifo. Anche se sono Druida.
Non lo sopporterei collegato alla mia Religione! Mi opporrei con tutte le mie forze!
Qualcuno mi ha detto di essere ateo ma di festeggiare comunque. Se sei ateo non credi in niente e quindi cosa festeggi? Per seguire il gregge? Perchè lo fanno gli altri? Perchè è tradizione? E’ tradizione dei cristiani, non degli atei. E se siete tra quelli che protestano per i presepi nelle scuole, che cavolo festeggiate poi? Mi aspetto come minimo che per voi il Natale sia un giorno come un altro, senza regali, cenoni e robe varie.
Quindi tutto questo materialismo smodato per chi è? A voi la parola. Credenti e non.
Spiegatemi che cos’è per voi il Natale, se lo volete.

Ps.: se qualcuno si sente offeso per le immagini della Natività….non me ne frega un cazzo!

Risultati immagini per presepe

Risultati immagini per gesù bambino

Risultati immagini per natività

Risultati immagini per natività

Risultati immagini per gesù bambino con animali

 

Categorie: Senza categoria | 21 commenti

Si domanda ai maschi….

Secondo il mensile Focus ci sarebbero quattro domande che principalmente noi donne rivolgiamo di più ai nostri uomini:


La prima:

A COSA PENSI?

L’uomo sincero risponderebbe, secondo me:

  • A un bel niente;
  • Ti strapperei i vestiti di dosso e ti prenderei qui, ovunque mi trovo;
  • Al mio videogioco preferito;
  • Ehhhh?
  • Cosa ci sarà per cena?
  • Boh……
  • Ma quand’è che Renzi si leva dalle palle?
  • Perchè mi fai sempre queste domande?
  • All’intimo che indossi
  • Non ho capito la domanda…..

Ma magari poi risponde:

  • A quanto ti amo;
  • A quanto sei bella;
  • Vorrei far l’amore con te;
  • Che bel tramonto che c’è stasera;
  • Guardiamo il tuo programma preferito in tv?
  • A quanto sono stato fortunato a conoscerti
  • Ti porto a cena fuori nel tuo ristorante preferito

La seconda:

MI AMI?

Il suo cervello, ammesso che ne abbiano uno funzionante:

  • Ehhhh???
  • Che domanda del cazz….
  • Boooooh!
  • Dipende da quello che intendi con “amore”..
  • Perché mi fai questa domanda?
  • … dici a me?
  • Altrimenti come farei a sopportarti tutti i santi giorni?
  • Credo di si….
  • Mammaaaaaaaaaaa
  • Sarà uan domanda trabocchetto?

Poi risponde:

  • Ma certo cara!
  • Come potrei non amare una donna come te?
  • Che domande mi fai? Certo che ti amo!
  • Non potrei vivere senza di te!
  • Sei l’unica donna che abbia mai amato in vita mia!

    La terza:

    TI SEMBRO GRASSA?

    Qursta di solito arriva prima dell’estate, prima di una festa, o così, in una giornata pre ciclo.

    Lui pensa:

  • Boooooh!
  • E chi se ne frega? A me piaci così
  • No, non si può certo dire che tu sia grassa, certo, neanche magrissima
  • In confronto a chi?
  • Sinceramente non ci faccio caso
  • Quanto ci siamo conosciuti eri moooolto più magra!
  • Beh, qualche chilotto l’hai messo su….

    Poi dice:

  • Ma cosa dici? Sei pazza?????
  • Grasse sono le altre
  • Ma se ti si vedono le costole!
  • Sei la donna più bella del mondo!
  • Adoro le tue curve sexy

    La quarta:

È PIÙ CARINA DI ME?

Lui pensa:

  • Ma chi?
  • E chi l’ha vista?
  • Altrochè! Hai visto che tette?
  • E’ un altro tipo di bellezza….
  • Una botta gliela darei
  • Beh, è molto più giovane di te
  • Boooooh!

Ma risponde:

  • Io le altre non le guardo!
  • L’aspetto fisico non conta e non mi interessa
  • L’ho già dimenticata!
  • Confronto a te è una cessa
  • Nessuna è più bella di te
  • Tu sei bella fuori e ancora di più dentro…..
  • Tu sei la donna più bella e desiderabile del mondo!

Adesso, se siete donna ditemi se davvero fate queste domande, e se siete uomini se quello che pensate davvero corrisponde a quello che dite. Cioè: avete il cervello collegato alla bocca? Sapete quello che dite? Siete sinceri? Avete paura della vostra donna e delle sue reazioni?  Vogliamo parlare delle domande che fate voi uomini?
Personalmente io non faccio di queste domande perchè: so esattamente cosa e quando pensa mio marito ( si, leggo nella mente….sono pur sempre una Druida!); che mi ama lo so già e lui sa che mi piace sentirmelo dire; non sono grassa; non mi interessa se qualcuna è più o meno carina di me perchè a me interessa piacere solo a lui e mi ha sempre dimostrato che è così ( anche con i fatti), e a me stessa.
Di solito gli chiedo: cosa c’è da mangiare ( cucina praticamente sempre lui)? Com’è andata la giornata? Sei stanco? Hai fame ( a volte, purtroppo per lui e i figli, cucino io…)?
Sei felice?
Lo so, sono rimasta con la mente sincera di una bambina, ma io sono così!
E ora rispondete voi e mi raccomado: siate sinceri!

Risultati immagini per maschi e femmine

Risultati immagini per maschi e femmine

Risultati immagini per via col vento

Risultati immagini per mi ami?

Risultati immagini per sono grassa?

Risultati immagini per uomini contro donne

 

Categorie: Senza categoria | 38 commenti

Un messaggio misterioso

Uno studente dell’ Università di Oslo, K Jonas Nordby, è riuscito a decifrare un messaggio segreto vichingo composto da rune risalente a 800 anni fa.
Il giovane ricercatore ha decrittato il codice Jötunvillur, nato dal rimescolamento delle rune standard  rinvenuto soltanto in nove iscrizioni in tutta la Scandinavia, che veniva usato su tavolette di legno le quali venivano scambiate da persona a persona per raccontarsi cose quotidiane, un po’ come oggi ci si scambia gli sms.
Nordby ha scoperto che su una di queste tavolette era inciso il nome di due uomini leggibile con il solito alfabeto runico: Sigurd e Lavrans.
Dall’analisi della posizione delle rune il ricercatore ha ricavato la complesa chiave di lettura che ha rivelato le parole misteriose rimaste segrete per tutti questi secoli.
Ma cos’hanno rivelato queste intricate parole? Formule magiche, alchemiche, complotti?
No, semplicemente c’era scritto: baciami.
Una storia clandestina da tenere nascosta? Due amanti separati da chissà cosa?
Secondo Nordby la cosa più provabile è che il rimescolamento delle rune fosse un semplice gioco, enigmistico o di istruzione.
Ma, chissà perchè, è comparsa proprio la parola baciami….
A me piace pensare che sia stato si un gioco enigmistico, ma destinato alla persona amata.
Che 1.200 anni fa una coppia di biondi vichinghi si scambiasse messaggi d’amore di nascosto, magari durante le ore di insegnamento, o magari per la strada.
E che alla fine se lo siano scambiato quel bacio.
E secondo voi?

jotunvillurforside_none

Risultati immagini per bacio nell'arte

Risultati immagini per bacio nell'arte

Risultati immagini per bacio nell'arte

Immagine correlata

Categorie: Senza categoria | 49 commenti

La leggenda della Stella di Natale

Chi di voi non conosce la bellissima Euphorbia Pulcherrima, la Stella di Natale, chiamata anche Poinsetta dal nome dell’ambasciatore Joel Robert Poinsett che nel 1825 la portò per la prima volta in America dal Messico?
La si trova nei negozi in Inverno perchè è in questo periodo che fiorisce, e la sua presenza immerge immediatamente nel clima natalizio voi e di Yule me.
E’ una pianta delicata , non adatta a stare a contatto con animali perchè tossica
per loro, specie per i gatti che la vanno a mordicchiare, e  va tenuta in un luogo umido lontana da fonti di calore e con molta luce.
Preferisce bere venendo irrorata con uno spruzzino piuttosto che innaffiata.
In Febbraio/Marzo spunteranno nuove foglie, andranno potate quelle colorate,
e la pianta andrà tenuta con poca luce.
A Giugno/Luglio va concimata e vanno potati i rami a circa 10 cm dal terriccio.
In questo periodo va tenuta all’ombra e con poca acqua.
In Ottobre va tenuta alla luce crepuscolare e del primo mattino.
Ne esistono ben 1770 specie in tutto il mondo!
Ma le sue origini sono messicane, come narra la leggenda:

In Messico il Natale è una grande occasione di festa per tutti: chi può sfoggia abiti nuovi, fa grandi scorpacciate con ottimo cibo su tovaglie candide e posate di lusso, e si scambia regali, un po’ come in tutti i paesi cristiani.
Ma, come nel resto del mondo, anche in Messico c’è chi rimane povero anche a Natale.
Come la piccola Inés, un’orfanella indiana dai grandi occhioni scuri e lunghe trecce nere.
Vagava da sola, scalza, per i mercatini natalizi, ammirando e fantasticando sulle belle cose esposte sulle bancarelle e sulla gente che le comprava : tutte cose che lei non si sarebbe mai potuta permettere. Chissà che gioia grande per chi le avesse ricevute! E il piacere di chi le aveva donate nel vedere la felicità negli occhi di chi ama!
Inés non aveva nessuno, solo il buon Dio, e avrebbe tanto voluto fare un bel regalo a Gesù Bambino per il suo compleanno: un bel fiore, magari.
Ma dove trovarlo? Di soldi non ne aveva e non lo poteva certo rubare dai giardini dei ricchi!
Disperata si sedette in un angolo e si mise a piangere, mentre la gente passava
per recarsi alla messa.
In quel momento le apparve un angelo bellissimo in un fascio di luce:
<< Perché sei così triste? >> le  chiese con voce gentile.
<< Perché non ho nulla da portare a Gesù per dimostrargli che lo amo!>>
rispose piangendo la bambina.
E l’angelo:
<<Tu hai la cosa più importante da donare a Gesù: il tuo amore. Raccogli l’erba che cresce  ai bordi della strada e portala in chiesa, davanti all’altare: vedrai, il tuo dono sarà il più bello di tutti. >>
Inés obbedì e andò a raccogliere l’erba. Ma così sciolta non stava bene e la legò con i consunti nastri rossi che le chiudevano le trecce.
Poi andò in chiesa con i suoi piedini scalzi a deporre il suo mazzo d’erba sull’altare, davanti al presepe allestito. E allora, miracolo: l’erba si trasformò in una magnifica pianta a forma di stella cometa, quella che aveva guidato i Re Magi, di un bellissimo colore rosso acceso, il colore dell’amore e del calore.
Allora la bambina capì che Gesù l’amava anche lui e che il suo amore aveva trasformato della semplice erba in un fiore di stelle!
Da quella notte non si sentì più sola, un’affettuosa famiglia la vide proprio davanti alla Natività e l’adottò, e la Stella di Natale divenne per tutti i messicani il Flores del la Noche Buena.

Immagine correlata

Risultati immagini per stella di natale

Risultati immagini per stella di natale

 

Immagine correlata

 

 

Categorie: Senza categoria | 15 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.