La leggenda della Stella di Natale

Chi di voi non conosce la bellissima Euphorbia Pulcherrima, la Stella di Natale, chiamata anche Poinsetta dal nome dell’ambasciatore Joel Robert Poinsett che nel 1825 la portò per la prima volta in America dal Messico?
La si trova nei negozi in Inverno perchè è in questo periodo che fiorisce, e la sua presenza immerge immediatamente nel clima natalizio voi e di Yule me.
E’ una pianta delicata , non adatta a stare a contatto con animali perchè tossica
per loro, specie per i gatti che la vanno a mordicchiare, e  va tenuta in un luogo umido lontana da fonti di calore e con molta luce.
Preferisce bere venendo irrorata con uno spruzzino piuttosto che innaffiata.
In Febbraio/Marzo spunteranno nuove foglie, andranno potate quelle colorate,
e la pianta andrà tenuta con poca luce.
A Giugno/Luglio va concimata e vanno potati i rami a circa 10 cm dal terriccio.
In questo periodo va tenuta all’ombra e con poca acqua.
In Ottobre va tenuta alla luce crepuscolare e del primo mattino.
Ne esistono ben 1770 specie in tutto il mondo!
Ma le sue origini sono messicane, come narra la leggenda:

In Messico il Natale è una grande occasione di festa per tutti: chi può sfoggia abiti nuovi, fa grandi scorpacciate con ottimo cibo su tovaglie candide e posate di lusso, e si scambia regali, un po’ come in tutti i paesi cristiani.
Ma, come nel resto del mondo, anche in Messico c’è chi rimane povero anche a Natale.
Come la piccola Inés, un’orfanella indiana dai grandi occhioni scuri e lunghe trecce nere.
Vagava da sola, scalza, per i mercatini natalizi, ammirando e fantasticando sulle belle cose esposte sulle bancarelle e sulla gente che le comprava : tutte cose che lei non si sarebbe mai potuta permettere. Chissà che gioia grande per chi le avesse ricevute! E il piacere di chi le aveva donate nel vedere la felicità negli occhi di chi ama!
Inés non aveva nessuno, solo il buon Dio, e avrebbe tanto voluto fare un bel regalo a Gesù Bambino per il suo compleanno: un bel fiore, magari.
Ma dove trovarlo? Di soldi non ne aveva e non lo poteva certo rubare dai giardini dei ricchi!
Disperata si sedette in un angolo e si mise a piangere, mentre la gente passava
per recarsi alla messa.
In quel momento le apparve un angelo bellissimo in un fascio di luce:
<< Perché sei così triste? >> le  chiese con voce gentile.
<< Perché non ho nulla da portare a Gesù per dimostrargli che lo amo!>>
rispose piangendo la bambina.
E l’angelo:
<<Tu hai la cosa più importante da donare a Gesù: il tuo amore. Raccogli l’erba che cresce  ai bordi della strada e portala in chiesa, davanti all’altare: vedrai, il tuo dono sarà il più bello di tutti. >>
Inés obbedì e andò a raccogliere l’erba. Ma così sciolta non stava bene e la legò con i consunti nastri rossi che le chiudevano le trecce.
Poi andò in chiesa con i suoi piedini scalzi a deporre il suo mazzo d’erba sull’altare, davanti al presepe allestito. E allora, miracolo: l’erba si trasformò in una magnifica pianta a forma di stella cometa, quella che aveva guidato i Re Magi, di un bellissimo colore rosso acceso, il colore dell’amore e del calore.
Allora la bambina capì che Gesù l’amava anche lui e che il suo amore aveva trasformato della semplice erba in un fiore di stelle!
Da quella notte non si sentì più sola, un’affettuosa famiglia la vide proprio davanti alla Natività e l’adottò, e la Stella di Natale divenne per tutti i messicani il Flores del la Noche Buena.

Immagine correlata

Risultati immagini per stella di natale

Risultati immagini per stella di natale

 

Immagine correlata

 

 

Categorie: Senza categoria | 15 commenti

Navigazione articolo

15 pensieri su “La leggenda della Stella di Natale

  1. è una pianta molto bella…ma le stragi che se ne fanno a natale non mi van giù. la maggior parte delle stelle regalate in questi giorni muoiono in brevissimo tempo perché sistemate in vasi ” di facciata” spesso senza radici o con le stesse rovinate. Per questo ho informato amici e conoscenti di non omaggiarmi di stelle… la leggenda è comunque assai bella.

    Piace a 1 persona

  2. Strappa lacrime.purtroppo e’ vero quello che dici.doremmo essere felici per natale,ma non è così.troppa disuguaglianza in questo mondo.non sento più lo spirito del Natale,come quando ero piccolo.avevo poco ma ero felice e c’era qualcosa dentro me che mi faceva essere felice.ora con i soldi sono infelice e ho perso quello spirito lo cerco ma non lo trovo.

    Piace a 1 persona

  3. CriticaComunista

    Ho fatto un tag, se vuoi fai un salto da me 😀

    Piace a 1 persona

  4. Ciao Indy. Un racconto molto bello che non conoscevo, al pari di molti altri che pubblichi di tanto in tanto.
    Grazie e buona giornata.

    Piace a 1 persona

  5. ROSARIO ZAPPALA'

    Non conoscevo la leggenda
    ma conosco bene la Stella di Natale o Poinsettia.
    sono piante esigenti anche dal punto di vista nutrizionale, bisogna essere molto attenti alla purezza dei concimi altrimenti è semplice farla morire e poi bisogna ricordare che la colorazione rossa è indotta da un’alta concentrazione di potassio durante il mese di dicembre.
    Un’ultima cosa: attenzione alle mosche bianche, quelle che a fine autunno entrano nelle serre calde per nutrirsi della foglia della Poinsettia.
    Kiss, buon Natale Indy

    Piace a 1 persona

  6. Forse non ci crederete ma ho una stella di natale molto, molto grande e che ha ben otto anni! Mi era stata regalata in un vasetto piccolissimo (classico regalino di natale – una stellina rossa solamente). Nel corso degli anni ho sempre cambiato vaso sino a quest’anno. Non l’ho mai curata particolarmente, solo acqua quando serve, ma…l’ho sempre amata. (Ogni tanto ci parlo pure).

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: