Non si può andare avanti così

Brescia, 22enne violentata nel parco: arrestati tre richiedenti asilo

 

E’ successo ancora una volta nel giro di pochi giorni. Ancora criminali stranieri, per l’ennesima volta: gente che non ha nessun diritto di restare qui.
Lunedi sera nel parco pubblico delle Rogge, a Brescia, tre pakistani richiedenti asilo che vivevano a spese nostre in case del comune, con sussidio e tutto, hanno aggredito, picchiato e violentato una ragazza di 22 anni.
Un’altra vittima innocente di questa scellerata invasione senza filtri.
La gente è stufa e finalmente comincia a incazzarsi con tutta queste invasioni di finti profughi che poi si rivelano aggressori di persone e disprezzanti delle altre religioni fino a distruggerne i simboli: ultimo caso un pazzoide dell’India che a Caserta ha preso a sprangate un crocefisso gridando insulti e minacce ( tempo prima, a Luglio, sempre in Campania, era stata letteralmente decapitata una statua ritraente papa Wojtyla a Villa Literno. Prima ancora, in Gennaio, era stata decapitata una statua di Padre Pio a Napoli, e qualche anno prima la statua dello stesso santo venne deturpata, con scritte blasfeme e disegni ingiuriosi. Indovinate un po’ i colpevoli….).
L’assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Simona Bordonali, è tornata a invocare per i tre richiedenti asilo “la castrazione chimica” e che scontino “il carcere in Pakistan”.

“Chi ci sta facendo invadere ha la coscienza sporca – ha dichiarato – questi tre clandestini non scappavano da alcuna guerra ed è ora che il governo si assuma le proprie responsabilità per il fatto di mantenere in hotel, in centri accoglienza e in appartamento decine di migliaia di irregolari. È tempo che il premier Matteo Renzi inizi a far rispettare la legge  e rispedisca a casa tutti coloro che non hanno diritto a rimanere”.

Ma credete che il nostro Frottolo molli i soldi che gli fruttano tutti questi immigrati? Macchè! Lui e la sua banda di scellerati ne hanno sempre una in mente.
L’ultima:dopo che il suo fido Alf ano ha dichiarato, dopo aver bevuto chissà cosa, che il turismo è aumentato a Lampedusa grazie agli immigrati ( io ho amici siciliani che sono disperati), salta fuori una circolare, emanata del 17 agosto, in cui sempre l’Alf ano, sinistrino intrufolato nel centro destra,ha indicato ai Comuni di concedere la residenza “in caso di documentata ospitalità per più di tre mesi”.
In poche parole: il governo Renzi apre le porte per  la richiesta di iscrizione anagrafica degli immigrati che sono qui da solo tre mesi!. E tale richiesta, per la quale basta una semplice ricevuta, spesso neanche viene avanzata dagli immigrati ma, in maniera anomala, dai responsabili delle cooperative, rosse,stesse. Che non ci guadagneranno niente, no no.
Questo significa che gli immigrati appena arrivati qui saranno al pari degli italiani e in poco tempo avranmno accesso  all’assistenza sociale, alla concessione di sussidi, alle case popolari e all’iscrizione nel servizio sanitario nazionale.
Con la differenza che loro non pagheranno le tasse ma saranno mantenuti da noi!
Se poi pensiamo anche quanto il Renzi spinga per fare avere la cittadinanza in sempre breve tempo per garantirsi un serbatoio di voti…..
Direi che è ora di darci un bel taglio! Per la sicurezza di tutti noi e anche dei nostri soldi!
Io la fine dei miei fratelli Lakota, e di tutti i Nativi Americani, vittime di un’immigrazione -invasione che li ha privati delle loro vite, della libertà e quasi della religione, non ho nessuna intenzione di farla. Che sia chiaro a Frottolo e kompagni vari, papa imam compreso. Ho voglia di rivedere la mia città sicura e pulita come una volta, sapere che le mie sorelle, le mie amiche e le mie studentesse che abitano in città possono girare tranquille sempre, ovunque e a qualsiasi ora come una volta. Ogni mattina delle mie studentesse mi chiedono di accompagnarle alle fermate dell’autobus perchè hanno paura degli stranieri che le fissano e si permettono pure di molestarle verbalmente. In pieno giorno e tra un sacco di gente che esce da scuola! Ci siamo organizzati tra professori, come se poi servissimo a qualcosa, e con i ragazzi delle quinte che sono più grandi. Ma è possibile??? Per non parlare di cos’è diventata Parma alla sera da quando l’hanno riempita di stranieri! Sembra il Bronx, altro che la Piccola Parigi! Ridateci le nostre città, sgombre e sicure! La violenza non deve diventare un’abitudine da leggere sui giornali

Risultati immagini per basta stupri di immigrati

Risultati immagini per italia agli italiani

Risultati immagini per basta stupri di immigrati

Risultati immagini per italia agli italiani

Risultati immagini per basta stupri di immigrati

Risultati immagini per prima gli italiani

Risultati immagini per prima gli italiani

Annunci
Categorie: Senza categoria | 17 commenti

Navigazione articolo

17 pensieri su “Non si può andare avanti così

  1. ROSARIO

    In Pakistan bisogna rimandarli senza coglioni e con le ossa frantumate, ma d’altra parte cosa vuoi pretendere da indiani musulmani… il peggior connubio sulla faccia della terra…

    Liked by 1 persona

  2. Vittorio Tatti

    Il bello è che dicono che pure certi italiani sono violenti.
    Ci sta: quindi c’è bisogno d’importare quella degli altri?

    Liked by 1 persona

  3. Ho sentito stamattina in TV che vogliono isituire una Guardia Costiera Europea, per bloccare i flussi via mare.
    Secondo me non ce la fanno comunque a fermare gli esodi, l’unica via è il rimpatrio coattivo, ed un controllo ferreo ai confini terreni, è lì che arriva il 90% dei migranti.

    Liked by 1 persona

  4. quando si ha alla presidenza della Camera una beota che con 5.000 sbarchi al giorno dichiara: “non esiste una emergenza immigrazione”… c’è da spettarsi di tutto

    hai scritto cose giuste e, purtroppo, veritiere, la questione dei tre mesi la dice lunga, siamo alla immigrazione 2.0, dopo aver ingrassato le coop rosse il governo punta a fare nuovi cittadini da tartassare

    mi fanno incazzare quelli che dicono: “questi sono quelli che eravamo noi una volta”… CAZZATA colossale, i nostri padri e i nostri nonni sono andati a spaccarsi la schiena nelle miniere di tutta europa e nelle americhe, con tanto di documenti e vaccinazioni preventive, le nostre mamme e le nostre nonne non sono andate in giro per il mondo a fare le puttane e nemmeno a derubare vecchietti rincoglioniti.

    molti sociologi pensano, a mio avviso giustamente, che questa gestione porterà al vero razzismo, quello da KKK, l’esasperazione e l’alienazione dei diritti esistenziali e delle libertà producono sacche di ribellione violenta. Qui a Torino molti anni fa un piccolo esercito di nordafricani spacciatori si era di fatto impadronito di una strada. I cittadini, quando hanno capito che non li avrebbero mai mandati via, si sono organizzati in massa e ogni sera scendevano in strada con mazze da baseball e spranghe. Il casino è durato meno di una settimana, in quella via non si vede spacciatore da anni. Lo stesso credo sia successo a Genova.

    Liked by 1 persona

    • Concordo in tutto. Anche a Parma ci sono zone ad esclusivo controllo di stranieri che si permettono pure di cacciarti se ci vai. Le forze dell’ordine possono fare ben poco perché gli stranieri sono protetti dalle zecche rosse che comandano e ci lucrano sopra. Ne fanno entrare troppi per prendere i soldi della Ue per poi lasciarli a delinquere tra di noi. Per non parlare dei terroristi che arrivano tranquillamente sui barconi,vengono aiutati e assistiti in tutto,mantenuti e lasciati liberi di progettare come meglio ucciderci.Quindi tocca armarsi alla gente onesta che vuole ritornare a sentirsi a casa nelle proprie città

      Mi piace

      • uno degli aspetti più allucinanti è che questo Stato, nel 2016, NON è assolutamente in grado di dire quanti clandestini circolino per nostre strade, non si sa nemmeno quanti siano i cinesi. Gli albanesi e tutti quelli che arrivano via terra dall’est, ultimamente gli scafisti hanno adottato il sistema più facile, lanciare il sos nelle acque internazionali ma fino a ieri ce li portavano a riva. Ciò significa che questo governo “buonista” non conosce il problema nella sua essenza.

        Liked by 1 persona

    • Soprattutto,oltre a non conoscere,se ne frega altamente! A loro basta intascare soldi e spremere il più possibile chi è onesto. Non si può più andare avanti così

      Mi piace

    • Lo spero proprio!

      Mi piace

  5. Non ho letto neppure il post.mi basta il titolo.chi difende i stranieri dicendo: “poverini bisogna aiutarli”,ecco i risultati,gli direi.chi viene in Italia è perché nei propri paesi verrebbero messi alla forca.tutti i stranieri sono dei delinquenti e non mi dite di no.dove abito i ladri hanno saccheggiato due ville,uccidendo un pappagallo,preso a bastonate un cagnolino e ancora non contenti ,urinato e cagato su letti e tavoli.non trovando quello che cercavano,hanno rubato tutti gli abiti dagli armadi e devastando le porte.se poi u n o si azzardasse ad ucciderli,va in prigione.la legge tutela lo straniero.vedi il caso di Vicenza che deve risarcire lo zingaro paraplegico.vedere queste nefandezze,Hitler,Stalin,mussolini si staranno girando nelle bare.ma perché non vanno a uccidere politici e ricchi,al posto di prendete di mira i poveri?
    Dovremmo ribellarci adesso contro le forze dell’ordine che li difendono.

    Liked by 1 persona

  6. Pingback: Non si può andare avanti così – pachine

  7. felixiratus

    i pezzi di merda hanno la scorta….. non sano nemmeno cosa succede alla sera nelle città….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: