Dignità umana

Muore di cancro al pronto soccorso tra la gente che lo guarda.

Siamo a Roma, capitale della sempre più disastrata Italia.
Il signor Marcello, malato di cancro, è morto al Pronto Soccorso dell’ospedale San Camillo di Roma, in una corsia, tra la folla di gente con vari codici, parenti in visita, drogati che passano la notte lì.
E c’è rimasto ben 56 ore! Da malato terminale, bisognoso di assistenza continua. E di privacy assoluta.Fino a quando è morto tra gli sguardi dei curiosi, urla varie, e l’indifferenza generale. E con lui se n’è andato l’ultimo scampolo della dignità umana: poter morire in pace, circondati dai propri cari, senza sentire dolore.
Il figlio Patrizio, che ha vissuto in questo modo gli ultimi momenti del padre senza poter far nulla, ha scritto una lettera alla ministra Lorenzin, sempre impegnata per gli stranieri anche lei ma per gli italiani mai, per portare alla luce situazioni indegne come questa:

“Signora ministra, sono passati circa tre mesi dal giorno in cui mio padre ha scoperto di avere un cancro a quello della sua morte; metà del tempo lo ha trascorso ad aspettare l’inizio della radioterapia, l’altro ad attendere miglioramenti che non sono mai arrivati. Nonostante la malattia, ci avevano prospettato anni di vita da trascorrere in modo dignitoso. È stato sottoposto a radioterapia palliativa, ma di palliativo non aveva che il nome: mio padre aveva sempre più dolori alle ossa; alla fine, non riusciva più a camminare e anche le azioni più semplici, come alzarsi dal letto o scendere dalla macchina, erano diventate un calvario, nella totale indifferenza di medici che, oltre ad alzare le spalle e a chiedere di avere pazienza, non sapevano dire o fare altro, se non aumentare la dose di tachipirina. Ci avevano detto che, dopo qualche giorno, avremmo visto i benefici della terapia; poi, di fronte ai dolori sempre più forti avvertiti da mio padre, era diventato necessario aspettare ‘anche 3-4-5 mesi’. Nessuno ci ha aiutati a comprendere, nessuno ci ha detto quello che avremmo dovuto fare: rivolgerci a una struttura per malati terminali e garantire, con la terapia del dolore, una morte dignitosa a mio padre. Quando l’ho fatto, era ormai troppo tardi: il giorno dopo mio padre è finito in ospedale, al pronto soccorso del San Camillo (che non è l’ospedale dove era seguito), dove finalmente gli è stata somministrata la morfina. Qui, la situazione si è aggravata velocemente. Mio padre è morto dopo 56 ore, passate interamente in pronto soccorso. Lo ripeto: cinquantasei ore in pronto soccorso, da malato terminale, nella sala dei codici bianchi e verdi, ovvero i casi meno gravi. Accanto aveva anziani abbandonati, persone con problemi irrilevanti che parlavano e ridevano, vagabondi e tossicodipendenti che, di notte, cercavano solo un posto dove stare. Il peggio, poi, si verificava nell’orario delle visite: sala sovraffollata di parenti che portavano pizza e panini ai malati e che non perdevano l’occasione per gettare lo sguardo su mio padre. Abbiamo protestato, chiesto una stanza in reparto o in terapia intensiva, un posto più riparato. Ma non abbiamo ottenuto nulla. Allora sarebbe bastata una tenda, tra un letto e l’altro. Invece abbiamo dovuto insistere per ottenere un paravento, non di più, perché gli altri “servono per garantire la privacy durante le visite”; una persona che sta morendo, invece, non ne ha diritto: ci hanno detto che eravamo persino fortunati. Così, ci siamo dovuti ingegnare: abbiamo preso un maglioncino e, con lo scotch, lo abbiamo tenuto sospeso tra il muro e il paravento; il resto della visuale lo abbiamo coperto con i nostri corpi, formando una barriera. Sarebbe dovuto morire a casa, soffrendo il meno possibile. È deceduto in un pronto soccorso, dove a dare dignità alla sua morte c’erano la sua famiglia, un maglioncino e lo scotch. È successo a Roma, capitale d’Italia”.

Questa lettera è di una drammaticità terribile!Addirittura avrebbe dovuto vedere miglioramenti in pochi giorni, poi sono diventati mesi, poi….spallucce! E la tachipirina per un tumore! Ma in che razza di mani siamo? Ecco che la mia fobia per gli ospedali ha un senso. Morire in questo modo è inconcepibile e intollerabile!!!! Siamo esseri viventi, non cose da accatastare. VERGOGNA!!!
Tutte le mie più sentite condoglianze e comprensione alla famiglia di questo povero signor Marcello: che una morte come la sua non sia vana e non si ripeta mai più.

Risultati immagini per malasanità

Risultati immagini per malasanità

 

Categorie: Senza categoria | 24 commenti

Navigazione articolo

24 pensieri su “Dignità umana

  1. Devo dire di essere fortunato, perché l’ospedale di Padova è una vera eccellenza, specialmente per malattie cardio vascolari. Certo, qualche caso anomalo capita anche qua, ma nessuna eco di malasanità (a mia memoria).
    Sono stato spesso all’ospedale, sia per me che per mia madre, ed ho sempre trovato massima efficienza, bravura e umanità.

    Piace a 1 persona

  2. Vergognoso è dire poco.
    Hanno riservato lo stesso trattamento a mio padre con un ictus in corso, pronto soccorso dell’ospedale più grande di Genova.

    Piace a 1 persona

  3. CriticaComunista

    Firenze funziona ancora abbastanza bene, non posso dire lo stesso della Sicilia però…

    Piace a 1 persona

  4. Cerco anch’io di evitare gli ospedali.al posto di guarirti,ti fanno morire.non so se i medici e paramedici siano qualificati per la loro professione.sapessi cosa e’capitato a me.roba da denunciare l’usl.
    Mio papà è morto per diabete e curato arteriosclerosi.mia mamma gli hanno fatto tre trasfusioni di sangue e me l’hanno dimessa infettata da tre virus.
    Per fortuna un dermatologo e’ riuscito a guarirla.questa e’ la nostra sanità.
    Incompetenti e dobbiamo pagare pure il ticket.uguale come in America.

    Piace a 1 persona

    • I casi di malasanità sono tantissimi, e i medici fanno spallucce. Tu stai male, ti mandano a fare un sacco di visite a pagamento, cure a pagamento e poi non risolvono nulla! Molti sembra che lavorino per far guadagnare altri, come una catena. Per fortuna che non sono tutti così: ci sono anche medici bravissimi che si preoccupano del paziente. Ma l’eccezione dovrebbe essere quello balordo! E non dovremmo mai accettarlo con rassegnazione generale perchè tanto è così: un medico è un incompetente? A casa ! Non è un impiegato o un operaio: ha in mano la vita degli altri!Sono gli unici, con i veterinari, che non possono mai sbagliare. Sono troppo tutelati secondo me.

      "Mi piace"

  5. però secondo il pentolaro la sanità “va forte”; questo l’ha dichiarato insieme a “niente più tagli”…e infatti gli ultimi di tagli ci fanno sperare in un morte rapida e indolore.

    Piace a 1 persona

  6. ROSARIO

    Gli esseri viventi, non valgono niente se non portano profitto.
    Questa ahimè è la filosofia della nostra società.
    Solo così si può spiegare la cattiveria o l’indifferenza verso i più deboli
    (vecchi, bambini, poveri, animali, piante)
    si pensa solo a riempirsi la panza, a sfruttare,uccidere, inquinare, distruggere…
    non c’è dignità in tutto questo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: