Ditemi che non è vero!

Sempre sull’argomento burkini.
Io mi sono già espressa: per me chiunque può girare come vuole, in luoghi pubblici, purchè mostri il volto come prevedono le nostre leggi, e che sia una  libera scelta e non un’imposizione di qualcun altro.
Poi leggo questa intervista su Il Giornale e subito mi vengono i brividi!
L’autore dell’intervista ha vissuto per un certo periodo tra i  musulmani radicali Tabligh Eddawa per cercare di capire meglio l’islam, e tra le tante cose è venuta fuori questa ( riporto da Il Giornale):

“Capire i motivi che spingono i musulmani a rivendicare a gran voce il diritto di far indossare alle loro donne il burkini in spiaggia, invece di un più attraente bikini, non è cosa facile.Come peraltro accade spesso quando si tratta di leggi islamiche. Ebbene: per alcuni è un dettame ormai superato; per altri è un obbligo morale delle ragazze, richiesto da Allah; un’altra fetta di musulmani, invece, crede che il velo sia una sorta di protezione. Spesso le ultime due risposte si sovrappongono e sono state utilizzate in questi giorni da diversi imam italiani per sostenere il “diritto al burkini”.
Perché il velo è obbligatorio per le donne
A spiegarmi dettagliatamente tali ingarbugiate posizioni sono stati i Tabligh Eddawa, il movimento radicale islamico che professa “l’unico vero islam” in Italia. Quando presentai la domanda a Jaouad Benali, un ragazzo 20enne che abita vicino Modena, fu più chiaro di tanti saggi imam nell’enunciare le sue motivazioni.
“All’inizio, quando ero lontano dalla strada di Allah – mi raccontò – ho avuto anche diverse ‘morose’. Ne cambiavo tante. Ma ora ho capito perché Dio chiede alla donna di coprirsi. La donna è come una banana: se gli togli la buccia, dopo due giorni diventa marcia”. Impura, insomma.

L’immagine sembrerà banale, ma non lo è. E spiega perfettamente l’islamico pensiero: le femmine che si mettono in mostra si sviliscono, perdono la loro verginità visiva. Una moglie, infatti, deve farsi bella solo per suo marito. In casa e mai in pubblico.
“Voi pensate che la vera libertà sia quella della mingonna. Ma vi sbagliate: questa è la libertà degli animali”, mi ammonì l’imam della comunità Tabligh quando provai a eccepire che in fondo ognuno è libero di indossare ciò che gli pare.

Allora viene da chiedersi: si può definire autonomia di scelta quella di una ragazza il cui un uomo (marito, padre o figlio che sia) la mette nelle condizioni di sentirti impura se non indossa un hijab?
Nella famiglia islamica la sfera intima deve rimanere tale, è essenziale che la donna non non crei scandalo e non diventi soggetto (troppo) pubblico. Perciò coprirsi il capo, anche se non è una legge scritta, diventa un ordine morale.
Volete una dimostrazione? L’imam del gruppo Tabligh ha una figlia. Non la obbliga a mettere il burqa finché è giovane, ma le vieta di vestire all’occidentale. Niente minigonne perché “mettono in imbarazzo il padre” e l’eventuale marito. Possiamo chiamarla emancipazione ed uguaglianza, questa?

Qualcuno mi dica che non è vero! Che questi qui considerano le donne come le banane e che devono farsi belle solo per il marito ( e mai per sè stesse)!
E poi avete mai visto un animale in minigonna? Deliria questo ragazzo intervistato o dice sul serio?
Io ho sempre detto apertamente che a me i musulmani non piacciono per la considerazione che hanno delle donne e dei cani e per come si pongono con chi non è come loro.
Io sono una donna che vive in libera, sono una Druida, quindi la mia Religione è femminile ( praticamente l’opposto di islam, cristianesimo ed ebraismo), non prendo ordini da nessuno, mio marito mi ama per come sono ed ho tanti cani che amo quanto i miei figli: come posso tollerare l’islam o chiunque non rispetti la libertà delle donne e la vita dei cani?
Accetto solo quelle donne che decidono di propria volontà di diventare musulmane perchè è una loro libera decisione.
Voi come la pensate? C’è qualche musulmano che, per favore, mi smentisca la storia della banana???

Annunci
Categorie: Senza categoria | 8 commenti

Navigazione articolo

8 pensieri su “Ditemi che non è vero!

  1. Eh, è difficile, è “impopolare” dirlo. Ci sono tradizioni e usanze popolari che diventano sacre ed inviolabili. La loro mentalità è quella, c’è poco da fare. Se vengono ad impedire la nostra usanza di fare il presepe ci piace? Ho visto che non ci piace. E se loro considerano sacra questa disposizione come noi consideriamo sacro e irrinunciabile il presepe?
    Poi, per carità, il presepe non limita la libertà a nessuno, questa storia che la donna deve farsi vedere in faccia solo da suo marito mi sa di limitazione della libertà. Ma se per loro questa disposizione è sacra per evitare il “peccato di adulterio”? Vai a spiegarglielo che si tratta di mancanza di libertà.
    E’ come se a me cristiano mi invitassero a sposarmi con più donne. Lo so che così avrò più “libertà”, ma per me la fedeltà (almeno fino a quando non finisce il matrimonio) è una cosa sacra e inviolabile, che mi impegnerò a mantenere dedicando tutte le mie energie sentimentali a mia moglie solamente.

    Liked by 1 persona

    • Però non siamo più nel medioevo e certe usanze dovrebbero rivedersele anche loro,specie se vogliono vivere nei nostri paesi. Altrimenti che se ne stiano nei loro! Noi donne qui le nostre battaglie le abbiamo vinte e altre ne stiamo ancora combattendo:non abbiamo certo bisogno di ritornare indietro!

      Liked by 2 people

    • Mi permetto di intromettermi, ma solo per una puntualizzazione. Qui non si tratta di negare le usanze altrui, come se non avessimo altro da fare. Si tratta di far osservare le usanze del luogo che li ospita, e ricordo che contrariamente a quanto dovrebbe avvenire, hanno già fatto caciara per i crocifissi, riuscendo quasi nel loro intento. Loro hanno deciso di fuggire da un territorio che ritengono inadatto, vuoi per le guerre, vuoi per le leggi, vuoi per l’opportunità di una vita migliore, ma se arrivi qui e pretendi di mantenere le tue usanze (palesemente contrarie in tutto), allora meglio se rimanevi dalle tue parti. Chi è che deve integrarsi? Noi o loro?

      Liked by 3 people

  2. non parlo piu’….. troppo dissi….. comunque la donnabanana è forte !

    Liked by 2 people

  3. e’ orribile ed incomprensibile come queste donne non siano capaci di ribellarsi. O forse lo fanno ma a noi non arriva nessuna notizia in merito 😮

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: