Canto dei giorni tristi

 

I sogni che dentro mi cantavano
si sono persi,
ma nessuno sa
su che sentiero.
Tornate, o sogni miei,
cantate ancora all’ora del tramonto
presso il torrente e il mandorlo
e il campo contornato di lupini.
Il mio rifugio adesso
è solo tra spalle amiche,
da quando il canto in me è cessato
e Terra e Cielo mi respingono.
Ora che malevole mi guardano le Stelle
tengo lo sguardo fisso agli occhi dell’amico,
dolcissimo nido di fiducia.
Tornate in me a cantare, o sogni miei,
sui campi rudagiosi e palpitanti,
finchè la gioia dei risvegli
e la forza dei monti mi sostengono.

Canto Popolo Paiute

Il Popolo Paiute occupava una vasta zona inospitale chiamata Grande Bacino, comprendente l’Utah e porzioni di Oregon, Wyoming, Idaho e Nevada, nella Valle della Morte.
Grazie alla durezza di questi territori che non interessavano agli invasori europei i Paiute scamparono all’estinzione e alla prigionia delle Riserve.

Da oggi ogni volta che pubblicherò una poesia o un canto dei Nativi Americani darò qualche brevissima descrizione del Popolo che l’ha creata. Per far capire al mondo intero che patrimonio immenso si sta perdendo con l’estinzione dei Nativi Americani, un tempo unici e incontrastati signori delle Americhe. Spero vi faccia piacere conoscerli tutti!

Annunci
Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: