L’orribile uccisione di cani

Come dico sempre gli animali sono i nostri angeli e per questo io non li mangio e vivo benissimo, anzi meglio, degli altri senza mangiare il loro cadavere.
In particolare ricorderei i cani perchè ci sono sempre vicini e ci amano incodizionatamente. Chiunque abbia un cane per amico può ritenersi fortunato! E io infatti mi ci ritengo: i mei cani sono una delle cose più belle della mia vita e della mia famiglia! Li considero al pari dei miei figli che infatti chimano fratelli loro e anche tutto il resto del branco.
Non la pensano così in diversi paesi dell’Asia dove i cani, i nostri inseparabili e fedelissimi amici che darebbero la propria vita per noi, vengono mangiati non prima di essere torturati.
Questa “gente” schifosa, che non oso definere umana perchè di umano non ha niente,
vive perlopiù in Cina, Vietnam, Corea del sud, Tahilandia.
In Cina il 21 Giugno si celebra il Festival della Carne di Cane e Litchi di Yulin: milioni di cani vengono trasportati e detenuti in condizioni disumane, rinchiusi in minuscole gabbie e lasciati senza bere per lunghi periodi al sole.
In video e foto riprese in allevamenti e macelli a Jiangmen e Zhanjiang, nella provincia meridionale cinese del Guangdong, da volontari di Animal Equality, associazione per la  difesa degli animali, che potrete vedere, ma ve lo sconsiglio se amate gli animali, sul sito  Senzavoce.org , si vede un cane malmenato, tenuto stretto al guinzaglio: si agita, piange, cerca di scappare disperato.
Il bastardo che lo tiene per il guinzzaglio, potessi averlo tra le mani, lo picchia sevaggiamente con un bastone sul naso e sulla testa fino a tramortirlo. Poi, come i peggiori vigliacchi dell’isis, lo trascina, prende un coltellaccio e gli taglia la gola.
Il sangue schizza fuori e il cane, ancora vivo, si riprende e tenta un’inutile disperata fuga. Ma viene scuioato e messo in un pentolone d’acqua bollente. A bollire mentre è ancora cosciente.
La sua pelle verrà usata come pelliccia o per qualche cosa di macabro che certi cinesi mettono sulle loro orribili cose tossiche che sanno di morte.
E questo capita ad ogni povero cane che proviene da quegli inferni.Non esistono normative riguardo la macellazione e la difesa dei diritti degli animali. Niente di niente.
Nessun operatore ha mai dimostrato la minima pietà, anzi: in molti alle bastonate aggiungono calci e pugni ai poveri cani immobilizzati e schiacciati da tenaglie.
Io non avrei pietà per loro, per queste merde sub umane immonde che insozzano il pianeta con la loro presenza.
Non solo: in Cina certi esseri si vantano di mangiare tutto quello che possiede quattro zampe e respira.
Bel vanto, complimenti!
Ogni giorno in Cina vengono massacrati 30/50 mila cani, circa 18 milioni all’anno per uso alimentare e per la pelliccia. Il che frutta agli schifosi cinesi circa 10 milioni di euro all’anno. Soldi sporchi del sangue dei nostri angeli, dei nostri migliori amici, coloro che ci sono vicini nei momenti brutti come in quelli belli, che ci salvano dalle valanghe, dall’acqua, dalle frane e dai terremoti. Per non parlare della pet therapy.
Per fortuna ci sono parecchi cinesi che si oppongono a questa crudeltà e aiutano le persone a cui i bastardi hanno rubato il cane dal giardino. Si, oltre agli allevamenti queste merde rubano anche i cani alle person per bene!
E vengono rinchiusi in gabbie anguste dove non riescono nemmeno a muoversi in cui soffriranno fino all’agonia finale.
Non solo Cina:nella Corea del sud ogni anno vengono uccisi 2,5 milioni di cani per uso alimentare, in Vietnam circa 5 milioni.
Ditemi voi se è tollerabile una mostruosità del gnere! E badate bene: io sono vegetariana e non la tollero verso nessun essere vivente.
Per me i macelli andrebbero chiusi e il consumo di carne vietato perchè si vive benissimo, anzi meglio, anche senza.
Chi vuole può firmare la petizione contro il festival di Yulin sul sito dell’Enpa, della Lav o della sempre più meravigliosa Michela Vittoria Brambilla, da sempre impegnata in prima persona in difesa dei nostri fratelli in tutto il mondo.
Non pubblicherò video e foto dei cani massacrati nei mattatoi per non offendere la sensibilità di chi li ama come me, e so che siete in tanti per fortuna.
Preferisco sperli così:

 

 

 

 

 

E ora le mie nuove arrivate:

Modificate in Lumia Selfie

Io e Lisa a nanna

 

wp_ss_20160307_0008

Io e Nina ( io avevo l’influenza, si vede dalla faccia stravolta)

 

Annunci
Categorie: Senza categoria | 11 commenti

Navigazione articolo

11 pensieri su “L’orribile uccisione di cani

  1. non ho parole…
    non posso neanche lasciare un “mi piace” perchè no, non mi piace affatto ciò che accade nel mondo….
    Sono consapevole del fatto che le mie idee non possono essere più giuste di quelle di altri e non ho intenzione di imporre ciò in cui credo a nessuno, ma questo non prescinde assolutamente dall’umanità che ogni essere umano (spesso solo di nome e non di fatto) dovrebbe avere, non è davvero concepibile e accettabile che nella nostra epoca esista ancora chi si fa “beffe” dei deboli e degli indifesi, imponendo la propria supremazia con violenza, torture e brutalità.
    Anche perchè il passo è breve e spesso la distanza tra la violenza sugli animali a quella sugli umani, è davvero molto poca….

    Liked by 1 persona

  2. Purtroppo la crudeltà dell’uomo non finirà mai 😦

    Liked by 1 persona

  3. però c’è una razza di cani che proprio non tollero: i chiwuawua… rumorosi, aggressivi anche se di danno ne fanno poco, testardi… io amo i cani da compagnia 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: