Integrazione????

Come ho sempre dichiarato senza alcun problema non ho mai avuto simpatia verso la religione islamica, e mi riferisco a quella così detta “moderata” perchè quelli che usano la religione per i propri fini terroristici mi fanno solamente schifo oltre che molta pena per la propria infinita ignoranza.
Ma si parlava dei così detti “moderati” quelli che sono venuti a vivere in mezzo a noi e si muovono affinchè tutto il mondo cancelli i propri simboli religiosi tranne i loro.
Come mai non mi piacciono? Semplice: io non avrò mai rispetto per chi non ne ha verso le donne! E questa religione non ne ha.
Inutile che le convertite italiane si sgolino nei programmi televisivi a dire che loro sono donne libere per poi venire sempre prontamente smentite dal leghista di turno.
La donna per il musulmano è inferiore all’uomo.
E questo sermone di un imam tedesco ne è la prova lampante:
riporto da Il Giornale del 5/012/2015:

Il sermone choc di un imam: “Obbligate le donne a fare sesso”

“Questo succede: un uomo cammina per la strada e vede una donna che lo provoca. Il profeta Maometto ha detto: ‘Dovrebbe fare sesso con sua moglie. Dovrebbe andare di corsa a casa e fare sesso con sua moglie. E Allah rimuoverà subito dal suo cuore questa urgenza’. Ma ahimè quando torna a casa incontra quel demone della moglie. Cosa dovrebbe fare un uomo? Se lui le dice di andare a letto, lei risponde che è indaffarata. Una donna non dovrebbe far entrare in casa nessun uomo senza il permesso del marito. Non dovrebbe uscire di casa senza il suo permesso e per nessun motivo le è permesso dormire fuori casa del marito. Neppure a casa del padre. E poi non dovrebbe lavorare senza il permesso del marito”.
Ed è a questo punto che l’imam si scatena contro le donne: “Questo è un grave problema nella società in cui viviamo, in Germania. Una donna non dovrebbe lavorare senza il permesso del marito. Se lui le dà il permesso di lavorare è perché è indulgente con lei. Lei dovrebbe stare confinata in casa del marito. La donna deve prendersi cura di suo marito e dei suoi bambini. Dovrebbe cucinare, spazzare il pavimento e riordinare la casa. Inoltre a una donna non è permesso di rifiutarsi di dormire assieme al marito. Non le è permesso di avanzare scuse e pretesti. Come ha narrato Abu Hureira e altri, il profeta ha detto che se un uomo chiama a letto sua moglie e lei si rifiuta e va a dormire, gli angeli la tormenteranno fino a quando non si sveglierà. Una donna non può dire no al sesso e usare un pretesto. Anche quando una donna è nel suo periodo è permesso, ma la moglie dice no: ‘Ho le mie cose’. No! Dove dovrebbe andare altrimenti l’uomo?”

Già, dove dovrebbe andare? A farsi curare da un bravo psichiatra? A farsi una cultura in fatto di rispetto per le donne che danno la vita? Andare affanculo????
Io un’idea ce l’avrei….
Ma come si può tollerare un simile personaggio nella nostra civiltà???? Come si crede di integrarlo????
Perchè è ancora libero di parlare ad una folla di credenti che gli danno retta????
Mistero….
Ma non finisce qui.
Riporto questa intervista sempre da Il Giornale, uno dei pochissimi quotidiani a dire davvero le cose come stanno, senza finti buonismi del cappero e senza mai calare le braghe davanti a nessuno, in cui una donna musulmana egiziana, Mona Eltahawy, oggi giornalista, scrittrice e soprattutto femminista, che ha vissuto l’adolescenza in Arabia Saudita, racconta la misoginia del mondo islamico tra botte, molestie sessuali, diritti negati. Una vita vissuta tra la difesa dai perpetrati abusi e violenze, diritti negati, diffuse mutilazioni genitali, test di verginità……Tutte cose che il bieco buonismo cattocomunista radical chic cerca di negare e di ignorare parlando di integrazione, risorse…..Vero Boldrini, Boschi, Renzi ecc.????
Eccovelo qua il vostro multiculturalismo:

«C’era stato un incendio, e avrebbe potuto verificarsi dovunque. Quindici ragazze fra i tredici e i diciassette anni erano morte calpestate, e cinquantadue erano rimaste ferite, quando il fuoco aveva divorato la loro scuola.
I pompieri dissero alla stampa saudita che la polizia della moralità aveva costretto le ragazze a rimanere dentro l’edificio in fiamme perché non indossavano velo e abaya».
«Tu sei il tuo velo. Il tuo velo ha più valore di te».
«È impossibile indorare la pillola. Noi donne arabe viviamo in una cultura che ci è fondamentalmente ostile, imposta dal disprezzo maschile. Gli uomini ci odiano perché siamo libere, come recita lo stanco cliché americano post 11 settembre? No. Noi non siamo libere perché gli uomini ci odiano»
E sulla presunta libertà di indossare il velo:
Eltahawy, che ha indossato l’hijab a 16 anni e l’ha tolto a 25, fra sensi di colpa e lunghe riflessioni, spiega come non sia affatto una scelta. Perché l’hijab riduce le donne a una cosa sola: l’hijab stesso. E confonderlo nel «magma delle differenze culturali» significa annacquare in esso anche l’odio per le donne. Nelle sue parole: «Il relativismo culturale mi è nemico tanto quanto l’oppressione che combatto all’interno della mia cultura e della mia fede». Perciò, dice Eltahawy, nei paesi islamici non ci sarà alcuna rivoluzione, fino a che le donne non saranno libere, «finché non avremo abbattuto i Mubarak nelle nostre menti, nelle camere da letto e agli angoli delle vie».

Eltahawy ha scritto un libro che consiglio a tutti di leggere:
si intitola Perchè ci odiano ed è pubblicato da Einaudi.

Ragazzi, questa è la realtà.
Allora vi chiedo: come è possibile integrarsi con gente che odia le donne e odia la cultura occidentale? Perchè si cancellano le nostre tradizioni per non infastidire costoro che mandano le donne in giro col velo? Non è un’offesa questa a noi donne che abbiamo combattuto millenni per avere la nostra libertà?
Dove sono le femministe? Perchè non scendono in piazza in difesa di queste sorelle schiave?
Questo mi e vi chiedo.
Intanto ringrazio pubblicamente il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti per la sua battaglia per i diritti delle donne e degli italiani e la difesa per la nostra cultura e tradizioni.
Grazie Alessandro! Sei una di quelle rarissime persone che ha ancora le palle e un cervello!

 

Annunci
Categorie: Senza categoria | 14 commenti

Navigazione articolo

14 pensieri su “Integrazione????

  1. Guarda che per la religione cattolica la donna è sempre stata, non solo inferiore, ma la causa principale del peccato del povero maschio, sempre traviato da femmine peccatrici. Tant’è vero che il sacerdozio femminile non è ancora contemplato. Certo, se invece di leggere i libri si leggono quotidiani che fomentano l’odio (è indifferente che siano di destra o di sinistra, lo fanno entrambi per tener buoni e fedeli i loro polli), è difficile che si riesca a capire qualcosa della nostra storia.
    Credo che tu dovresti avere abbastanza anni da ricordare quante puttanate ci raccontavano sui russi – e a loro su di noi, of course – prima che il nuovo nemico da combattere a tutti i costi fosse l’islam.
    Ma non affliggerti: Jonathan Swift perculava gli inglesi che abboccavano all’odio verso i francesi – ancora una volta Il Male – così come faceva Dickens qualche secolo dopo. Secondo Tito Livio i barbari erano feroci, incolti e infidi. I galli, per esempio. Ops … 😉

    Liked by 1 persona

    • Guarda che io non sono cristiana:ho sempre ricordato i miei antenati bruciati sui roghi durante l’inquisizione e non perdo occasione per ricordare le feste della mia religione soppiantate da quelle cristiane,cone anche il Natale.Basta che ti leggi i miei post.Ma la chiesa,adesso,non impone niente a nessuno.Nessuno é più obbligato ad essere cristiano mentre nei paesi musulmani la libertà di culto te la scordi.Per tua informazione io di libri ne leggo parecchi e la storia la conosco molto bene visto che la insegno in una scuola superiore. Il sig.Sallusti non si è inventato le parole dell’imam tedesco né quelle della ragazza egiziana:ha solo riportato una verità scomoda per qualcuno.Non é certo lui che fomenta odio.D’altronde basta che ti leggi il Corano:é tutto scritto lí.E che magari ti ripassi tu la storia perché questi sono rimasti nel medio evo!

      Liked by 3 people

    • Perdi tempo quando cerchi di negare le evidenze:non siamo tutti ciechi e ignoranti in questo mondo! Specialmente chi come me appartiene a una religione femminile e discende da donne perseguitate di cui troppe arse vive sui roghi.Diciamo che chi è come me da distinguere bene chi odia le donne da chi le rispetta. Se per te l’islam rispetta le donne forse dovresti frequentare qualche moschea o,meglio ancora,leggere libri di storie e teologia

      Liked by 1 persona

      • Me ne guardo bene: tieniti pure i libri di teologia, le moschee, le chiese e i druidi!
        A me bastano gli esseri umani, con le loro grandezze, le loro miserie e i loro fondamentalismi, a qualunque religione o credo politico o calcistico appartengano.

        Mi piace

  2. Rispetto le varie culture,ma sono in disaccordo con questa credenza della donna come inferiore. Se permettete un commento gratuito,per loro penso valga più un gatto che una donna..

    Liked by 1 persona

  3. Ogni essere vivente deve essere rispettato. Non mi credo superiore né inferiore a nessuno. Vorrei che finalmente si comprendesse che siamo sulla terra di passaggio e invece di demolirci a vicenda dovremmo innalzarci e sostenerci… potrebbe essere tutto così meraviglioso 😔

    Liked by 1 persona

    • Temo sia impossibile farlo capire a qualcuno! Purtroppo noi donne sono millenni che lottiamo per la nostra dignità e libertà:da quando l’uomo si è inventato le religioni maschiliste. Non mi va di buttare al vento tutte queste battaglie in cui milioni di donne hanno sofferto,subito soprusi,umiliazioni,fino al venire uccise,calpestate come oggetti inanimati.L’islam impone la sharia,e con la sharia non si contano le donne lapidate.Non si può e non si deve tollerare chi predica la sottomissione della donna,anche se a qualcuno fa troppo comodo!

      Liked by 1 persona

      • Rosario

        questi non vogliono mollare la presa, vogliono mantenere il controllo sulle Donne e vogliono fare in modo che anche nei nostri paesi venga imposta la loro “legge”. Quanto più semplice e facile sarebbe mandare via a calci in culo tutti coloro che predicano queste idiozie o che le praticano. Basta fare una leggina ad hoc (senza farla passare attraverso i giudici) con un testo di questi tipo:
        “qualunque cittadino straniero, proponga o metta in atto atteggiamenti discriminatori e lesivi nei confronti di Donne, bambini e credenti di altre religioni, se non riconducibili a più gravi reati, verrà immediatamente espulso dalla comunità europea a sue spese e i suoi bene confiscati per rifondere le persone danneggiate”
        Credo che con una leggina del genere (scritta da un vero legislatore nei modi dovuti) verrebbero spazzati via tanti idioti e renderebbero più prudenti coloro che resteranno.
        Buona settimana Mrs. Lakota, bacio*
        Rosario

        Liked by 1 persona

    • Ti voglio presidente Ross 😊

      Liked by 1 persona

  4. Finché i figli verranno allevati nell’odio per le donne temo non ci sarà molta speranza.

    Mi piace

  5. premettendo che le religioni (tutte) hanno sempre causato scontri e mai aperture verso gli altrui credo,e tanto meno considerato la donna pari all’uomo,penso che quando si parla di diritti civili sia necessario lasciar da parte qualsiasi credo,altrimenti non se ne verrà mai fuori…L’uguaglianza tra uomo e donna,tra le varie etnie,i diritti e i doveri di ogni essere umano (ci aggiungerei anche animale…) dovrebbero essere assolutamente rispettati ovunque,in qualsiasi angolo di Terra con leggi universali…Utopia? forse,ma la storia ci dovrebbe aver insegnato qualcosa…

    Liked by 1 persona

    • Per fortuna la mia religione no:abbiamo dovuto combattere per difenderci,con l’esito che tutti vediamo.I diritti delle persone,infatti,vanno rispettati e garantiti dallo stato indipendentemente dai credi religiosi.Il problema con l’islam é che per loro non c’è distinzione tra stato e religione e per loro l’unica legge é quella coranica la cui ultima interpretazione fu quella di Maometto! Finché non impareranno a rispettare le nostre leggi e le altre persone,donne in primis,non potrà mai esserci integrazione e comprensione.Anche perché loro dimostrano proprio di non volere nessuna delle due!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: