Archivi del mese: settembre 2015

LA MUSICA DELLA TUA VITA , TAG

Ringrazio The Master Peach per aver lanciato il tag e l’amica Bruciami Dentro, https://bruciamidentro.wordpress.com, per avermi nominata.

Le regole sono le solite:

  1. Citare il il blog di partenza
  2. Rispondere a 10 domande
  3. Taggare 5 blog e avvisarli

Cominciamo con le domande

 1 –  La sigla preferita del vostro cartone animato? Sicuramente Goldrake!
  2- Canzone preferita della vostra band? Hell Awaits degli Slayer
3 – Colonna sonora dell’estate preferita?Tutte quelle dei Sacred Spirit e Di Robbie      Robertson
  4 –  Una canzone che vi fa divertire? Here i am di Bryan Adams, facente perte della cononna sonora del cartone animato Spirit cavallo selvaggio: mi ricorda troppo le mie cavalle quando erano puledrine!
5 –  Una canzone che vi fa riflettere? Ghost Dance di Robbie Robertson
6 –  Colonna sonora preferita di un film? Phenomena e Spirit
7 –  La canzone della vostra infanzia? Sonata al chiaro di luna di Beethoven
8 –  Canzone con cui scaricate l’ansia? Aces High degli Iron Maiden
9 –  Canzone da Musical o film musicale preferita?Touch-a, Touch-a, Touch Me del mitico The Rocky Horror Picture Show
10 –  La vostra attuale colonna sonora? Sempre la stessa: Slayer, Iron Maiden e Metallica e musica Nativa Americana  a cui si sono aggiunti i Theatres des Vampires

E…..ora che avete letto siete tutti taggati:)))

Categorie: Senza categoria | 1 commento

Benvenuto Autunno!

Ieri sera io e la mia famiglia, con tanti amici, abbiamo festeggiato la notte dell’Equinozio d’Autunno, l’ultima notte in cui ci sarà equilibrio tra luce e buio per poi lasciare spazio al buio, al riposo, alla quiete del freddo.
Per la mia Religione l’Equinozio d’Autunno segna la fine della raccolta dei doni di Madre Terra, e per questo la ringraziamo condividendo questi frutti con i nostri amici e con i fratelli animali.
Facciamo una cena con un assaggio dei prodotti dei raccolti ( siamo praticamente tutti contadini): abbiamo il pane e le focacce fatti con diverse farine, la verdura, le conserve, i formaggi e i dolci preparati con il latte e il burro dei nostri animali, la frutta dei nostri alberi e dei nostri boschi, la farina delle nostre spighe e castagne, il vino e la birra delle nostre uve e luppoli, l’olio delle nostre olive, il miele delle nostre api.
Poi andiamo nelle nostre stalle per dare un ulteriore razione di cibo e premio ai nostri fratelli animali che condividono la vita, e spesso il lavoro, con noi ( e vengono parecchio viziati).
Dopo tutti nel bosco, tra gli ultimi canti di grilli e cicale,  con cestini ricolmi di grano, orzo, avena, noci, zucchine, carote, mele, nocciole, castagne, patate e tantissime altre leccornie che abbiamo raccolto durante i mesi di sole, più tante bricioline per i pesci del lago e del fiume, e li lasciamo accanto agli alberi e vicino alle tane, affinchè tutti i fratelli possano mangiarne.
Forse non tutti sanno che anche i lupi e le volpi non disdegnano di manigare la frutta selvatica!
Subito sono arrivati i cinghiali, con i loro piccoli, i caprioli, i daini, i tassi e i ricci.
Poi, molto timidamente, un paio di volpi e abbiamo avvistato anche un lupo che però ha preferito studiare la situazione a distanza.
Agli scoiattoli abbiamo appeso un cestino ai rami perchè loro di notte dormono.
Stamattina, all’alba, abbiamo salutato i fratelli alati che si stanno preparando alla migrazione stagionale: ho promesso alle rondini di fare la guardia ai loro nidi fino alla primavera prossima, mandato baci agli aironi , e alle anatre selvatiche, di cui una si è unita alle mie  e quindi rimarrà qui. Abbiamo anche detto una preghiera perchè i loro corpi diventino immuni alle pallottole dei bastardi cacciatori umani!
Gli scoiattoli hanno immediatamente svuotato i loro cestini e messo tutto nelle tane dentro gli alberi: uno spettacolo! Stessa cosa i ghiri.
Stamattina, un po’ stanchi e molto assonnati, abbiamo appeso ai rami degli alberi vicino a casa sulle porte di casa e stalle le bamboline fatte con le spighe di grano, le Fanciulle e le Vecchie del Grano, che porteranno fortuna per tutto l’anno.
I miei alunni, che mi conoscono bene, hanno avuto comprensione per le mie occhiaie e si sono comportati ancora meglio del solito.
Qualcuno di loro mi ha anche aiutata a portare qualche cestino agli anziani indigenti italiani, aggiungendoci anche qualcosa di suo. I miei ragazzi sono davvero straordinari!
Adesso la Natura comincia il suo periodo di riposo e tutto si prepara per l’inverno: gli animali cambiano il pelo, chi va in letargo ha già preparato la tana e sta finendo di riempirla di provviste, gli alberi ci donano i meravigliosi colori delle loro foglie in un ultimo fulgore prima di cadere secche al suolo. Posso sentire la loro voce dire che ci hanno donato i loro frutti ed ora si riposano fino alla primavera prossima. Ci sarà più silenzio adesso nel bosco e nei frutteti, un silenzio rispettoso per chi ha tanto dato e ora riposa.
La Terra dorme, ma sotto la sua pelle si possono già senire i nuovi semi attecchire e crescere nel suo ventre. Se ascoltate bene, nei mesi invernali che verranno, potrete sentire il respiro degli alberi che dormono, alleggeriti del peso delle foglie e dei frutti, e il leggero scricchiolare dei semi che lentamente crescono nel ventre di nostra Madre.
Immaginate cosa prova una come me quando esce dai suoi boschi e campi e vede la pelle di Madre Terra soffocata dal cemento! Nessun seme crescerà mai lì sotto. Nessuna vita nascerà dal cemento.
L’uomo è ingrato con Madre Terra! Lei ci ha dato tutto: un luogo in cui vivere, cibo, acqua, aria, fuoco. Ci ha creati ognuno con le caratteristiche giuste per il luogo in cui deve vivere: gli orsi bianchi sul ghiaccio, i bruni nelle foreste, la volpe bianca nella neve, la rossa nei boschi, gli uomini con la pelle chiara dove c’è meno sole, quelli con la pelle scura dove il sole scotta, gli uccelli in cielo, i pesci in mare o in acqua dolce, i mammiferi e i rettili sulla terra, sotto la terra o sugli alberi, gli insetti dove vogliono.
Ognuno ha il suo posto, ognuno ha la sua casa.
Ci ha dato le stagioni per scandire i ritmi e il tempo della vita: una stagione per nascere e crescere, una per lavorare, una per raccogliere e una per riposare.
Nel ventre della Terra si sviluppa la vita, il nutrimento per tutti.
Gli animali restituiscono alla Natura ciò che ella gli dà. L’uomo la sfrutta e la distrugge.
Madre Terra ci ha protetti creando uno schermo tra noi e le nocive radiazioni del Sole, per avere solo il buono da lui, e un’atmosfera capace di distruggere i pericolosi asteroidi che cadono dal Cielo.
L’uomo sta distruggendo anche questo, la sua stessa protezione!
Cosa c’è di sbagliato negli uomini? Perchè sono gli unici a distruggere il mondo, a farsi la guerra, a cercare di predominare sugli altri prorpi simili e su tutte le altre forme di vita, che esso considera oltretutto inferiori e messe lì a sua disposizione?
Un tempo c’era la Dea, la Creatrice, la Madre di tutto e di tutti.
E gli uomini vivevano in pace tra loro e con gli altri animali, riconoscendo la Madre, ascoltandola e rispettandola.
Poi qualcuno si è inventato un dio…….
Ma, mentre la Madre è sempre certa e può essere solo una, non si può dire la stessa cosa per il Padre.E così gli uomini con più padri si uccidono tra loro per dimostrare che il loro padre è l’unico e il vero e per instaurare il suo dominio fatto di potere sugli altri a costo della vita e della distruzione.
E si dimenticano la Madre! La Madre ama tutti i suoi figli in egual maniera, dà a tutti la possibilità di vivere nei diversi ambienti, non permette guerre perchè Lei è una sola e ha distruibuito il mondo ai suoi figli dando a tutti le stesse possibilità.
Sta a noi saperle usare al meglio! Gli animali lo sanno fare, gli uomini lo hanno dimenticato.
Buon inizio Autunno

Categorie: Senza categoria | 11 commenti

LA VOCE DELLA GHIANDAIA AZZURRA

Guarda verso Oriente!

I fagioli bianchi

e le alte piante del mais,

si uniscono alla bianca figura dei lampi.

Ascolta! La pioggia viene più vicina, la pioggia!

La voce della Ghiandaia Azzurra risuona.

Guarda solo verso Oriente!

I bianchi fagioli

e le belle piante di zucca

si annodano all’arcobaleno,

Ascolta! La pioggia viene più vicina, la pioggia!

Il canto della Ghiandaia Azzurra risuona!

Dalle sommità delle alte piante di granturco

scorre giù a torrenti, io posso udirla;

intorno alle radici delle piante scroscia l’acqua, io posso udirla;

dalle loro sommità cade l’acqua, io posso udirla.

Il mais cresce.

Dalle nubi scure goccio l’acqua, l’acqua.

La pioggia cade.

Dalle foglie delle piante di mais gocciola l’acqua, l’acqua.

Cade la pioggia.

Dalle foglie di tutte le piante gocciola l’acqua, l’acqua.

Il mais cresce.

Dal fitto tessuto di nebbia gocciola la pioggia, la pioggia.

                                                Canto Cerimoniale Navajo

La ghiandaia azzurra è da sempre simbolo di gioia
per il popolo Navajo, che vive nei deserti e in zone semideserte
dell’Arizona e del Nuovo Messico,
ora in riserve anche loro, perchè il suo canto
risuona ogni volta si avvicina la pioggia.
Inoltre è un animale intelligentissimo capace di
soppesare e ascoltare le ghiande, le noci e le arachidi
con il  becco per verificarne il contenuto.

Categorie: Senza categoria | 9 commenti

Bronzo – Argento – Oro – TAG “Figuraccia”

La carissima amica Laura, Dama con il  cappello https://raccontidalpassato.wordpress.com, mi ha nominata per questo tag che….mi rovinerà per sempre la reputazione!
Ma gli amici, reali o virtuali che siano, si amano anche per le loro figuracce pietose, giusto?
Lei che è una vera signora l’ha chiamato il tag delle figuracce, io che sono una selvaggia preferisco chiamarlo così e  metterci pure questa foto che rende bene l’idea:

Regole:

– Menzionare chi lo ha creato: Carla, https://ladimoradelpensiero.wordpress.com
e chi lo ha “passato” : Dama con il  cappello

 – Assegnare il Bronzo, l’Argento e l’Oro alle “figuracce” fatte.

– Nominare 10 “vittime” ed avvisarle.

E’ stato difficile scegliere perchè io con le figure di merda ci vivo, ma direi che queste sono quelle che  hanno vergognare di più me e ridere gli altri.

Medaglia di bronzo:

Quando ancora lavoravo nei maneggi come addestratrice mi venne affidato un cavallo davvero simpatico: un giovane stallone, mezzo tedesco e mezzo olandese, tutto nero, con un occhio birichino che la diceva lunga su come fosse il suo carattere!
Infatti nessuno lo voleva mai montare e sarebbe finito dritto al macello se avesse continuato a disarcionare tutti.
Ma lui se ne fregava di queste minacce, e continuava a sbirciare da sotto quel suo lungo ciuffo ondulato e a meditare scherzi nei momenti meno opportuni.
I precedenti proprietari lo avevano chiamato Lucifero per via del colore e del carattere, e se ne erano liberati il prima possibile. Per me era solo Luci.
Riesco in qualche modo ad addestrarlo e lo porto alla sua prima gara di salto ostacoli ( se si fosse piazzato sarebbe stato venduto più in fretta e avrebbe schivato il macello).
I giuici raccomandano al pubblico il massimo silenzio perchè stava per entrare un cavallo giovane, nervoso e intero alla sua prima gara.
Purtroppo le regole dei concorsi non le faccio io, e siccome al pomeriggio avremmo svolto la gara di dressage ero stata costretta ad acconciare la sua lunga criniera con quelle odiose treccine che poi si raccolgono sul collo in tante crocchiette. Ciuffo compreso!
Ovviamente lui non aveva gradito molto la cosa, che in effetti feriva la sua dignità di stallone, e lo vedevo guardarmi con occhio vendicativo nonostante mi scusassi con lui per le stupide regole umane e mi fossi intrecciata i capelli anch’io per solidarietà! Senza contare che cercavo solo di salvargli la vita.
Entriamo in campo gara: lui, tutto baldanzoso nella sua enorme mole, si guarda intorno e comincia a nitrire a tutte le cavalle che vede nel campo prove ( anche se era stato con loro fino a poco prima senza fiatare). Poi s’impenna un paio di volte davanti ai giudici e, mentre io faccio il saluto, lui apre le gambe, tira fuori il suo lungo attrezzo e fa una pisciata lunghissima, infinita,  con tanto di mugugni di soddisfazione, nel silenzio totale. Poi si guarda intorno tutto soddisfatto, china la testa  e ammira il buco che ha fatto nel campo.
Un giudice chiede gentilmente se siamo pronti a partire…..
Partiamo e alla fine di ogni salto lui ci mette una sgroppata.
Miracolosamente arriviamo primi!
Arriva la premiazione e un giudice, una signora di mezza età, piuttosto piccola di statura, cerca di mettergli la coccardina: niente da fare! Lui, altissimo, alza la testa e il piccolo giudice nemmeno saltellando ci arriva. Allora prova a venire a mettere la medaglia d’oro al mio collo, ma Luci prima le dà una testata e poi, non soddisfatto, le pesta un piede!
Mentre mi scuso un altro giudice mi dà la coppa e allunga la mano per stringermela: Luci si volta di scatto e gliela morde! Il poveretto urla dal male e a me cade di mano la coppa, con tanto di manici, e finisce proprio sulla sua testa! E Luci, non contento, gli assesta anche un mezzo calcio facendolo cadere con la faccia per terra!
Io ammutolisco. Anche perchè, non so come, mi scappava da ridere da morire!
Almeno quel matto di cavallo si è salvato perchè è stato comprato da un ragazzo che se ne è innamorato a prima vista proprio a quella gara!

Medaglia d’argento: 

Durante il periodo universitario ho svolto tantissimi lavori per poter pagarmi le rette e i libri: uno di questi era la hostess di sala e guida nei musei .
Mi capita la mostra del grandissimo scultore e pittore, purtroppo scomparso, Pietro Cascella.
Ogni mattina arrivavano i soliti studenti, spesso con aria annoiata,che se ne fregavano di quello che spiegavo, felici solo di essere fuori dalle aule.
Come fare per attirare la loro attenzione e curiosità sulle sculture e sui quadri esposti?
Un giorno, quando uno di questi, con tanto di cicca in bocca masticata a bocca aperta, si permette di dire che le sculture fanno schifo, mi parte l’embolo creativo e comincio a ricamarci intorno: << Ma come! Non vedete? Non capite il significato? Queste sculture si ispirano alle civiltà precolombiane, ma anche agli alieni! >>
E via di questo passo con l’interesse sempre più crescente degli studenti.
Alla fine della guida, dopo che gli studenti se sono andati, mi si avvicina un signore dall’aria simpatica.<< Interessante – mi dice- complimenti per la guida: non avevo mai visto i ragazzi così interessati. Alieni eh? >>.
Io, pensando che fosse uno degli insegnanti rimasto indietro, lo ringrazio e confermo che si, lo scultore pensava anche a quello, era evidente, no?
<< Davvero? – mi fa lui – Beh, in verità non ci avevo mai pensato, perchè sa, lo scultore sono io…… Ma ora che me lo fa notare….>>
Se avessi avuto una vanga mi sarei scavata la fossa proprio lì, nel museo!
Dovevo  essere diventata tra il rosso fuoco, pomodoro, verde acido, blu oltremare, viola fino ad arrivare al bianco cadavere.
Per fortuna lui l’ha buttata sul ridere e mi ha anche offerto il pranzo.
Quando un artista è un artista davvero!

Medaglia d’oro:

Qui davvero mi vergogno a dirla, ma vabbè.
Dovete sapere che quando si amano i cavalli come me fin da bambini molto piccoli, ma non si hanno i soldi per mantenerne uno e quindi devi andare in maneggio, quando finalmente, dopo tanti sacrifici,  realizzi il tuo sogno di potertene permettere uno rincretinisci completamente. Un po’ come quando si ha il primo desideratissimo figlio.
Non parli d’altro, non vedi altro, non esiste altro.
La mia prima cavalla, quella che porta il mio nome Lakota, mi è nata tra le braccia, ha visto prima me di sua madre e le ho anche tagliato personalmente il cordone ombelicale.
Avevo il mio sogno tra le mani e per me non esisteva altro che lei!
Così un pomeriggio, mentre la facevo galoppare alla corda per abituarla ai comandi vocali, si presenta a casa mia mio zio a braccetto con un signore che teneva al guinzaglio uno splendido cane lupo.
Lo zio mi dice che il suo amico è un appassionato di cavalli e allora io comincio a dirgli: < Visto com’è bella la mia cavallina? E’ la più bella del mondo! E’ talmente intelligente che capisce le parole: guardi. >>
E la facevo esibire in diversi esercizi.
<< Visto? Si vede che è mezza spagnola e mezza araba, vero? Guardi com’è veloce, come tiene alta la coda e si muove con grazia! E visto come luccica il suo manto? E’ tutto un riflesso, una sfumatura. >>
Il signore annuiva tutto sorridente, mentre mio zio continuava a farmi delle smorfie al che gli dico: << E’ inutile che mi fai le boccacce, zio: lei è la più meravigliosa di tutte! >>
Poi vedo che le fa anche mio marito, che in quel periodo era ancora il convivente, al che gli dico: << Tu sei solo geloso delle mie attenzioni per lei! >>
Alla fine degli esercizi mi avvicino al signore e a mio zio per presentarmi e accarezzare il cane: << Com’è bello! Sembra un lupo vero! E che begli occhi marroni>>
< Davvero? – mi dice il sgnore – Nessuno me lo ha mai detto, perchè, sai, io non l’ho
mai visto >>
Al che mi accorgo che il cane porta una pettorina speciale e che gli occhiali scuri del signore non sono per schermarsi gli occhi dal sole.
Provo una vergogna tale che mi sotterrerei lì nella tampa, provo a spiegargli il mio rincoglionimento mentale da quando ho la puledra, ma il signore, ridendo come un matto, mi dice che gli avevo descritto così bene la mia cavalla che lui l’aveva vista per davvero!
Il che non cancella la mia enorme figura di merda!
Mio marito mi prende ancora in giro….

E adesso che avete letto e avete riso per bene delle mie figuracce siete TUTTI nominati!

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Io amo

Io amo

osservare i muli dalle lunghe orecchie,

quando si stagliano su di un’alta

cresta montuosa contro il cielo.

Tutti gli esseri viventi sono miei simili,

persino un minuscolo coleottero.

Tahca Ushte, Tahca Ushte, Cervo Zoppo Cervo Zoppo
Lakota Santee Sioux

Categorie: Senza categoria | 1 commento

Un sorriso per augurarvi la buona notte

Vabbè……ma cosa saremmo le une senza gli altri? Ci hanno fatti per incastrarci alla perfezione. Ma potevano aggiungere qualche neurone in più ai maschi!

Categorie: Senza categoria | 12 commenti

Bambini come cose

Brasile, lotteria dei pedofili:
“5 euro per vincere una bimba”

Questa orribile notizia arriva dall’organizzazione umanitaria Meninadanca:
nel nord est del  Brasile, nella città di Encruzilhada,esiste una specie
di schifosa lotteria dove per 5 euro un merdoso pedofilo vincere una bambina
o un bambino da violentare a piacimento!
Ovviamente il biglietto costa di più se i bambini, o ragazzi, di 10 o 11 anni,
sono vergini.
Pare che a questa disgustosa lotteria, in cui i bambini sono trattati come cose,
come merce sessuale, partecipino “persone”, cioè rivoltanti pedofli, da tutta le regione!
E sotto gli occhi che non vedono della polizia e del governo.
Ma quanta merda c’è nel mondo? Quanti esseri schifosi che non meritano di respirare?
Come si fa a considerare dei bambini degli oggetti sessuali????
Io sono vermanete basita ogni volta che leggo di quanti esseri disumani
esistano nel mondo: esseri che invece di vedere i bambini come dei cuccioli
da proteggere e in cui riporre le speranza del futuro e di un mondo migliore,
li vedono ccome bambolotti di cui abusare.
Nessuna pietà per queste merde umane! Per me meritano solo la morte!
Vanno estinti, estirpati dalla Terra con tutto il loro marcuime.
E la notizia non sta facendo nemmeno il clamore che dovrebbe tra i media!!!!
Il mondo pare tacere e rendersi complice della distruzione della vita di migliaia di
bambini non solo del Brasile ma di tutto il mondo.
Spero che qualche potente s’indigni nel modo giusto a vada a fare giustizia con
le forche.
Se strappi o rovini un germoglio non avrai mai un fiore!
Giù le mani dai bambini!

Categorie: Senza categoria | 28 commenti

Tag – 50 e un…Quiz!

La mitica e carissima amica Alessia, https://lacortedibelial.wordpress.com, mi ha taggata per questo divertente gioco!

Ecco le regole:
1-Usa l’immagine del tag
2-Ringrazia e tagga il creatore del tag: Shioren ^_^
3-Rispondi alle domande
4-Tagga blog amici
1-Nome? Annika
2-Nickname?Indiana
3-Perché hai scelto proprio questo nick? E’ il mio soprannome da quando ero piccola, indovinate perchè.
4-Colore preferito? Rosso scarlatto
5-Bevanda preferita? Acqua di fonte bella fresca o birra, succhi e vino  fatti in casa
6-Ti piacciono i dolci? Parecchio, specie con il cioccolato, le meringhe o le fragole
7-Vai pazzo/a per…la cioccolata!
8-Ti sei mai fatto uno spinello? No!
9-Vorresti? Neanche per idea!
10-Cosa ti piace di te? La mia interiorità
11-Cosa non ti piace? A volte sono troppo impulsiva…a volte eh!
12-C’è una parte del corpo che cambieresti? Assolutamente no
13-Fumi? No
14-Un odore che ti fa impazzire…Quello delle mie cavalle: lo amo!
15-Un profumo che ti fa pensare: sono a casa!! Sempre quello delle mie cavalle e del cibo che cucina mio marito
16-Ami fare sport? Vivo facendo sport
17-Leggere? Anche
18-L’ultimo libro che hai letto: Una ragazza come me della carissima amica Sara Tricoli e La porta delle tenebre di Glenn Cooper 
19-Un libro che non consiglieresti mai: Anche quelli più orridi vanno letti, per capire la differenza
20-Un film che non consiglieresti mai: quelli pornografici perchè danno un’idea distorta del sesso
21-L’ultimo film che ti ha fatto piangere: piango sempre quando mi riguardo Balla coi lupi o l’Ultimo dei Mohicani e The Brave di Jhonny Deep
22-Hai mai pianto per un manga? No
23-Per un anime? Mi sa di si
24-Per un libro? Si, parecchio!
25-Ti vergogni di guardare ancora gli anime? Assolutamente no
26-Ti sei mai vergognato/a in generale delle tue passioni? Mai, ne vado sempre fiera
27-Hai mai letto uno yaoi/yuri? No
28-Un Hentai? No
29-Il giudizio degli altri quanto conta per te? Meno di niente! Solo quello della mia famiglia
30-Ti reputi un buon amico/a? Si, molto
31-Credi nell’amicizia? Si, molto,come nell’amore
32-Sei mai stato/a deluso/a da un amico/a? Altrochè!
33-Hai mai deluso un amico/a? Che io sappia no
34-Se tu fossi un’altra persona pensi che potresti essere amica di te stessa? Si
35-Se fossi un’albero, che albero saresti? Quercia o abete rosso
36-E se fossi un fiore? Rosa rossa o margherita
37-Se fossi un colore? Rosso ovviamente
38-Se fossi un film? Il film su Cavallo Pazzo, ma alla fine vinciamo noi
39-Se fossi un manga/anime? Lamù o Actarus di Goldrake
40-Se fossi un personaggio famoso dello sport, chi vorresti essere? Kevin Staut: ammetto che ha uno stile e un assetto migliore del mio!
41-Se fossi un personaggio famoso della letteratura, chi vorresti essere? La dea Dana della mitologia celtica o la strega Morgana 
42-E se fossi un personaggio storico? beh,Tashunka Witko, naturalmente
43-Se fossi un personaggio politico? Non potrei mai fare il politico perchè ho l’enorme difetto di non saper contare le balle!
44-Tre pregi: sono ottimista, allegra e sincera
45-Tre difetti: sono testarda, impulsiva e non riesco a dire le bugie
46-Estate o Inverno? Inverno: odio il caldo!
47-Se fossi un personaggio fantasy, chi saresti? Una centaura, o comunque una donna con parti animali, con poteri magici
48-Pensi che questo tag sia noioso?No, lo trovo divertente
49-Cosa pensi della persona che ha creato questo tag? E’ una curiosa
50-Complimenti, hai finito il tag! Per cui fai una dichiarazione spontanea e dicci qualcosa che ancora non ti è stato chiesto, ma che vorresti far sapere a tutti 🙂
Odio tutti quelli che non amano gli animali!!!!
E chi ha letto è automaticamente taggato!
Categorie: Senza categoria | 9 commenti

Amore di mamma

L’amore fa miracoli davvero! Soprattutto quello delle mamme, che di più grande al mondo non ce n’è.
Ne è la prova Shelly Cawley, una cittadina di Charlotte in North Carolina, entrata in coma durante il parto cesareo per il sorgere di complicazioni.
La situazione sembrava davvero disperata e tutti temevano il peggio.
il coma durava ormai da una settimana senza che la povera Shelly desse un debole segnale di vita.
Un giorno il marito le ha portato la piccolina e gliel’ha mesa accanto: la piccola ha subito pianto e la mamma si è miracolosamente risvegliata dal coma! Ed è lentamente migliorata fino alla completa guarigione.
Ora sta bene e può finalmente godersi la sua piccola con suo marito.

Categorie: Senza categoria | 7 commenti

Ingiustizie

Gli immigrati/profughi in Italia non pagano l’università!
Avete letto bene!!!
Nella sempre più islamizzata Napoli, in cui ancora nel 2015 esiste la piaga dell’analfabetismo ( un bambino su quattro non sa leggere), l’Università Orientale offre SOLO ed esclusivamente agli immigrati la possibilità di laurearsi GRATIS! Non pagheranno nè, l’iscrizione,nè le tasse universitarie nè i libri, gentilmente offerti da una onlus, e i più meritevoli avranno anche alloggi garantiti e convenzionati vicini all’università.
Mentre  i campani devono sborsare dai 470, per chi è in difficoltà ma paga sempre, agli oltre 900 euro di tasse annuali, e da oltre due anni non ricevono più nemmeno le borse di studio regionali!
Non so voi, ma io gli studi universitari me li sono sudati parecchio, lavorando duramente per poter pagarmi tasse, rette annuali e libri. E  per fortuna mi sono guadagnata una borsa di studio premio per una delle mie lauree, quella in Scienze Naturali.
Ora mi chiedo: perchè questi stranieri, che non c’entrano un bel niente con l’Italia, devono avere diritto a studiare gratis  nel NOSTRO paese mentre gli italiani no?
Lo studio, anche universitario, deve essere un diritto per tutti, specialmente per i Nativi di un paese, non per gli stranieri!
Pare che in Italia si stia facendo di tutto per sostituire gli italiani con gli stranieri, aiutando in tutti i modi possibili i primi ai danni dei secondi che devono solo pagare e subire.
Non so voi ma io mi sono rotta i coglioni!
La fine dei miei fretelli Lakota io non la faccio!

No, noi non siamo forti come gli Indiani: loro amano la loro Nazione, la loro cultura e tradizioni, hanno lottato fino alla morte per difenderli e ancora non hanno rinunciato a lottare.
Noi abbiamo permesso che una sinistra distruttiva e finta buonista svendesse il nostro paese agli stranieri, sradicandi la nostra cultura e le nostre tradizioni. Complice il nuovo papa impostore.
E nessuno, tranne la Lega e pochi altri, muove un dito per fermare l’inevitabile distruzione degli italiani.

Categorie: Senza categoria | 4 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.