Archivi del mese: luglio 2015

Tag La staffetta del cinema

La Staffetta del Cinema

Ringrazio l’amica Dora Buonfino, https://almenotu.wordpress.com/ per avermi nominata.
Mi diverto sempre tantissimo a partecipare a questi tag!
I miei ringraziamenti vanno anche a Le Infinite vite di un’autrice creatrice di  questo tag.

Le regole per partecipare sono:

– Menzionare chi l’ha ideata e ringraziare chi l’ha consegnata
– Scrivere una citazione di un film che portiamo nel cuore
– Invitare altri 5 blogger a fare lo stesso

Come sempre io invito tutti gli amici a partecipare così da condividere gusti, idee e pensieri e conoscerci meglio.
Sono tantissimi i film che porto nel cuore!
Spero non abbiate niente in contrario se ne seleziono almeno tre tra quelli che amo di più:

Tredici anni dopo, le loro case distrutte, i loro bisonti scomparsi, gli ultimi Sioux ancora liberi
si sottomisero all’autorità dei bianchi a Fort Robinson, in Nebraska.
La grande cultura del cavallo e della prateria era finita per sempre e la frontiera americana stava
per passare alla storia.”

Da Balla coi lupi di Kevin Kostner ( l’unica cosa intelligente che ha fatto nella sua vita).

“Fucili a ripetizione contro archi e frecce: non ho mai capito come i bianchi potessero essere
fieri di vincere in quelle condizioni”.
Piccolo Grande Uomo di Arthur Penn.
 Quello che vi voglio raccontare non si legge sui libri. Dicono che la storia del West
sia stata scritta in sella a un cavallo, ma non è mai stata raccontata da uno di noi…
almeno finora. Io sono nato qui, in quello che avrebbero chiamato il vecchio West, ma per
quelli come me questa terra è senza età, senza inizio e senza fine, senza limite fra terra e cielo.
Come il vento nell’erba della prateria, noi eravamo parte di questo posto, e ne saremmo
sempre stati parte. Dicono che i Mustang siano lo spirito del West; che quel West sia stato
vinto o perso alla fine dovrete deciderlo voi. Ma la storia che vi voglio raccontare è vera.
Io ero là… e me lo ricordo. Mi ricordo il sole, e il cielo e il vento che mi chiamava per nome,
al tempo in cui i cavalli selvaggi correvano liberi.
 
Spirit Cavallo selvaggio diretto da Kelly Asbury e Lorna Cook ( solo due donne potevano creare il più bel cartone animato del mondo!)-  Dreamworks
“La sera prima del giorno Gioiglorioso Alice e il Cappellaio Matto sono sul balcone.
– Cappellaio Matto: Credi ancora che sia un sogno non è vero?
– Alice: Temo di si, ma non mi sorprende che io sogni un mezzo matto!
– Cappellaio Matto: Ma dovresti essere mezza Matta anche tu per sognare uno come me
– Alice: Evidentemente lo sono… Mi mancherai quando mi sveglierò.”
Alice in Wonderland di Tim Burton

“La gente di mio padre dice che alla nascita del sole e di sua sorella la luna, la loro madre, morì, così il cielo diede alla terra il suo corpo dal quale sbocciò tutta la vita e dal petto di lei tirò fuori le stelle e le lanciò nel cielo notturno per ricordarsi della sua anima”

L’ultimo dei Mohicani di Michael Mann in cui ha recitato il mio compianto amico Russel Means che in quel film
interpretava il mitico Chingachgook.
Sua la magnifica preghiera:

“Grande Spirito, e creatore della vita, un guerriero va a te, veloce e dritto come una freccia lanciata nel sole. Da lui benvenuto, e lascia lui prendere posto in Gran Consiglio di mio popolo. È Uncas, mio figlio. Dì lui di essere paziente, e dà a me una rapida morte, perché loro sono tutti là, meno uno, io, Chingachgook, l’Ultimo dei Mohicani.”
Sono un po’ monotematica, lo so, ma cosa ci devo fare se amo i Nativi Americani?
I miei fratelli Lakota sono la mia seconda famiglia!
Rodney A. Grant in Balla coi lupi
Da lui prende il nome il mio blog….
Lui è quello da cui prende il nome il mio blog....
Russel Means in L’ultimo dei Mohicani
     Chief Dan George ( mitico!) in Piccolo Grande Uomo
Il Cappellaio Matto
Spirit Cavallo selvaggio
Categorie: Senza categoria | 6 commenti

Tag Una vacanza da sogno!

L’amico I Pensieri del  Viandante,
https://ipensieridelviandante.wordpress.com/,  nome bellissimo, mi ha taggata per un simpatico gioco:
una vacanza da sogno, ideato da Kate.
Io non faccio più vacanze da anni! D’inverno lavoro, d’estate….anche! Il mio lavoro da insegnante si alterna sempre con quello della mia azieda agricola, e l’estate è il periodo in cui si lavora di più: fienagione, taglio legna, raccolta frutta, animali in pensione ( perchè i loro amici a due gambe vanno in ferie)…..Oltre a tutti i miei animali da accudire ogni giorno.
Inoltre è proprio con la bella stagione che i bambini speciali vengono a farci visita.
Per fortuna abito sui monti, in un luogo considerato da villeggiatura e il mio lavoro mi piace così tanto che non sento la fatica.

In ogni modo se dovessi scegliere luoghi in cui non sono stata, o che non ho visto del tutto
( prima di sposarmi ho viaggiato parecchio) e che vorrei vedere direi:

Patagonia: la trovo fantastica! Tanto che ci vivrei.

Australia: ovviamente nella sua parte più selvaggia e disabitata per giocare con i koala e i canguri e conoscere i veri australiani: gli Aborigeni

Nepal: ha un fascino indiscusso sia come paesaggi che come spiritualità. Starei in un monastero buddista tra le rocce!

Nuova Zelanda: terra da sogno! E adoro il popolo Maori.

Giappone: dove è nato il Karate! Ovviamente non nelle città, ma nei posti più isolati.

Amazzonia: per gli Indios e per la Natura incontaminata.

Per chi vuole partecipare ecco le regole:
1) Fare riferimento al blog madre da cui è partito il tutto-fatto-
2) Elencare 5 o più luoghi da sogno che si vorrebbero visitare (i luoghi già visti in cui si vorrebbe
ritornare non valgono!!)
3) Taggare 5, più o meno
, amici bloggers
4) Godervi le ferie quando le farete!!  …. meglio ricordarlo sempre!!!

Io però sogno di ritornare qui….

Parco Yellowstone

Parco Yosemite

E rimanerci!

Nomino tutti quelli che mi seguono e che seguo perché per me siete tutti amici
speciali e non mi va di scegliere tra i miei amici.

Mi raccomando partecipate numerosi!😊😊😊

Categorie: Senza categoria | 10 commenti

Il Lager di Green Hill e i metodi alternativi alla vivsezione

All’inizio di quest’anno c’ è stata una sentenza storica: la condanna degli aguzzini di Green Hill a dieci anni di
reclusione per maltrattamento animali.
Dieci anni non sono niente per quello che hanno fatto,ma siamo in Italia ed è già qualcosa.
E il lager Green Hill è stato chiuso per sempre!
Per chi non lo sapesse riassuno brevemente che cos’era questo terriificante luogo:
Green Hill era un inferno situato a Montechiari ( Brescia) in cui si allevavano cani di razza beagle appositamente
per la vivisezione.
Migliaia e migliaia di cuccioli e cani adulti allevati con il solo scopo di essere torturati e uccisi in nome della
“ricerca scientifica”, quella che, secondo menti ignoranti e prive di anima, dovrebbe in teoria salvare vite umane.
L’unica cosa certa è il terrore che ancora si legge negli occhi dei cani salvati da quell’inferno in cui sono stati trovati
cani morti tenuti in freezer, altri a cui sono state tagliate le corde vocali per non sentire le loro urla di dolore
durante gli esperimenti, altri uccisi perchè considerati di seconda scelta.
Io consiedero chi legalizza questi orrori e soprattutto chi li pratica non persone ma carne avariata.
Queste “persone” sono marce dentro e non hanno anima.
Come la co gestrice del lager, tale Ghislaine Rondot, secondo la quale era tutto in regola!
Lo diceva anche un certo dott. Mengele……
Non vedo nessuna differenza tra questi mostri.
Io a Green Hill c’ero e ho visto.
Vedo ogni giorno gli occhi di Lilly, la cagnolina della mia amica Vanessa, salvata da quel posto:
vi si legge ancora la paura ed il dolore provati.
Tutti dovrebbero guardare gli occhi di un animale uscito da quei posti e chiedersi chi è l’uomo per
credersi superiore agli altri animali.
Non smetterò mai di ringraziare e ammirare la grandissima Michela Vittoria Brambilla per il suo costante
impegno in prima persona per gli animali!
La voglio presidentessa della repubblica!!!!
Adoro quella Donna!
E grazie anche a Casa Pound, da sempre impegnati nella lotta contro la vivisezione.
Riporto la cronaca di quel memorabile giorno:
Dal sito della LAV:
La prossima settimana la sentenza del Processo Green Hill
Siamo tornati a sederci tra
i banchi del Tribunale di Brescia per l’udienza del Processo Green Hill.
Per i 4 imputati sono
stati chiesti in totale 10 anni e 6 mesi per maltrattamenti e uccisione di animali ed è stato inoltre
contestata la falsa testimonianza a 5 dipendenti Green Hill. Il nostro avvocato ha dichiarato durante
a sua arringa che “a Green Hill essere uccisi era un lusso perché i cani in molti casi venivano semplicemente
lasciati morire” Dopo aver ascoltato entrambe le parti il Giudice ha rinviato la sentenza a
venerdì 23 gennaio.
Torneremo quindi tra una settimana a Brescia e continuare a gridare
#bastagreenhill

Ecco: speriamo che ci sia finalmente giustizia per questi poveri martiri con la coda torturati e
uccisi dalla bieca ignoranza umana! Dieci anni sono troppo pochi, tanto non li faranno mai, ma almeno
c’è una condanna per un reato che il solito odianimali Renzi voleva addirittura eliminare!!!!
Solo lotte e proteste di chi ama e difende gli animali lo hanno impedito! Se penso a quei poveri menetecatti che
vanno in giro a dire che sono stati gli animalisti a ferire i cani  prigionieri di Green Hill e che  i cani nel lager erano trattati benissimo mi viene voglia di rinchiuderceli dentro al posto loro e fargli subire tutte le terribili torture che hanno subito cni, gatti, conigli e scimmie! Chissà  che bello deve essere venire imprigionati e subire torture di ogni sorta!
Ma tanto solo solo animali, vero? Quelli che nascono per essere uccisi per Pasqua o per il ramadan o per diventare carne da esperimenti ( inutili).
E non lo dico solo io.
Leggete qui, alla faccia delle case farmaceutiche che pensano solo a riempirsi le tasche di soldi con il sangue
degli altri. Perchè costa meno:

 Esistono centinaia di metodi alternativi alla sperimentazione animale:i modelli
informaticile analisi chimiche, le indagini statistiche (come l’epidemiologia e la metanalisi),
gli organi bioartificialii microchip al DNA, i microcircuiti con cellule umane. Numerosi test che prima prevedevano l’uso di animali, oggi sono svolti in vitro. Per essere impiegati come metodi ufficiali
i nuovi test devono superare un iter di validazione che dura anche fino a 10 anni e prevede
di verificare l’efficacia del test in diversi laboratori per assicurarne l’attendibilità scientifica.
Il REACH avrebbe potuto rappresentare un’importante occasione per sviluppare e stimolare
il percorso di validazione e promuovere così la diffusione di test senza uso di animali.
IL DOTT. CAGNO SPIEGA I METODI SOSTITUTIVI ALLA VIVISEZIONE:
Esistono dei sistemi alternativi alla sperimentazione animale?
Esistono moltissimi metodi alternativi che preferisco chiamare sostitutivi. Alcuni utilizzano materiale biologico
d’origine umana, ad esempio colture cellulari, tessutali, d’organo o la clonazione cellulare; altri ausili
tecnologici, come la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) o la Stimolazione Magnetica
Transcranica (TMS); altri una combinazione di materiale biologico e di tecnologia, come la Farmacogenomica
o i Simulatori Metabolici.

Questi sistemi alternativi hanno contribuito a dare dei risultati realmente soddisfacenti in ambito scientifico?
Un metodo di ricerca affidabile è in grado di fornire risultati utili nella misura in cui c’è la volontà di applicarlo.
Purtroppo allo stato attuale le leggi che regolamentano la commercializzazione dei farmaci,
rendono obbligatoria la sperimentazione animale.
Nonostante i passaggi che portano alla commercializzazione di un farmaco siano diversi, per i vivisettori solo i loro test sono determinanti.
Ad esempio,i farmaci che superano la sperimentazione animale, prima di essere commercializzati,
sono sottoposti alla sperimentazione umana e solo l’8% supera anche questa.
I vivisettori dicono che tutti i farmaci sono stati scoperti grazie alle loro ricerche, io dico che sono stati scoperti, nonostante le loro ricerche.

Se sì, mi può indicare dei casi di particolare rilevanza?
Anche i metodi sostitutivi che sono stati validati, di solito non diventano obbligatori, così chi è
abituato a sperimentare sugli animali continua a farlo. Nonostante ciò, ad esempio il Test di Ames è da
tempo utilizzato per valutare la potenzialità mutagena delle sostanze, con una affidabilità del 90%,
ossia ben superiore rispetto ai test sugli animali. Gli anticorpi monoclonali si possono ottenere
anche senza gli animali, ma per pigrizia mentale si continuano ad utilizzare i conigli, con enorme
sofferenza per questi ultimi.

Nel caso venga dimostrato che le alternative – anche limitatamente ad alcuni casi specifici – non sono
soddisfacenti rispetto ai metodi di sperimentazione sugli animali, quale sarebbe la sua posizione in merito?
Nella fattispecie, sarebbe accettabile ricorrere alla sperimentazione animale solo in particolari casi?
Prima bisognerebbe sottoporre i modelli animali ad un processo di validazione, poi ci si potrebbe porre questa domanda. Nessun modello animale è, però, stato mai sottoposto a validazione e tanto meno
i vivisettori vogliono farlo, dimostrando che sanno benissimo che i loro test non supererebbero
i rigori della Scienza, quella vera, del 2013.

In caso di risposta negativa, la ricerca scientifica si dovrebbe fermare?
Senza la sperimentazione animale la ricerca procederebbe più spedita anche perché le
risorse economiche sarebbero investite per sviluppare altri metodi al passo con i tempi.

In quale campo scientifico si usa un metodo di ricerca vecchio di secoli? Qual è la posizione della comunità
scientifica nei confronti di quei medici che si raccolgono attorno al fronte contro la sperimentazione animale?
La comunità scientifica che non è direttamente coinvolta nella sperimentazione animale vede sempre più favorevolmente i contrari. Chi vive grazie agli esperimenti sugli animali, e sa fare solo questo,
ha tutto l’interesse a considerare una minaccia il movimento antivivisezionista, soprattutto
quello scientifico, perché, lungi dal fermare la ricerca, li renderebbe disoccupati e incapaci
di procurarsi un altro lavoro.

L’antispecismo di alcune frange animaliste si scontra con una contraddizione di fondo: rinunciare
alla presunta superiorità dell’uomo, equivale a riportare lo stesso a livello degli animali, che certo non
si pongono il problema di sacrificare o meno un altro animale se è in gioco la propria vita.
D’altro canto è proprio la superiorità dell’uomo che rende possibile il senso di responsabilità verso
gli animali. Come spiega questa posizione che parrebbe inconciliabile?
Mi occupo di aspetti scientifici e non di filosofia. Tuttavia potrei dire che l’unico aspetto che ci differenzia
in maniera sostanziale da tutte le altre specie è il senso etico. E’ assurdo chiedere al leone di non
mangiare la gazzella, tutt’altra cosa chiedere ai vivisettori di smettere di utilizzare un metodo obsoleto e
per di più, spesso, anche crudele.

Quali sono i maggiori ostacoli che incontra in ambito scientifico alla diffusione di un pensiero anti sperimentazione animale?
Con l’abolizione della sperimentazione animale i ricercatori universitari perderebbero la possibilità di pubblicare molte ricerche indispensabili per le loro carriere, le industrie chimico-farmaceutiche la possibilità, cambiando la specie utilizzata, di ottenere il risultato che vogliono, salvo poi essere smentiti quasi sempre durante la sperimentazione umana o dopo la commercializzazione (100.000 statunitensi muoiono ogni anno per avere assunto farmaci sicuri per gli animali). La sperimentazione animale fa bene solo a chi la pratica.

In conclusione, ha altre considerazioni da fare?
Fino a quando i modelli animali non saranno sottoposti ad un processo di validazione, si potranno
ritenere validi solo come atto di fede. Fino a quando quasi tutte le risorse sono stanziate per la
sperimentazione animale è ipocrita dire che non esistono metodi sostitutivi. Fino a quando i metodi sostitutivi
validati non diventeranno gli unici che si possono utilizzare, nessun privato investirà nello sviluppo dei
metodi sostitutivi perché sa a priori che è un investimento a perdere anche quando il metodo sarà
dimostrato valido. Credo sia venuto il momento di non chiedere più ai contrari di dimostrare la validità
dei metodi sostitutivi, ma ai vivisettori di dimostrare la validità dei modelli animali.

Dott. Stefano Cagno
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano.
Dirigente Medico di I livello, disciplina Psichiatria, presso l’Azienda Ospedaliera “Ospedale Civile”
di Vimercate (MI).
Lavora presso il Centro Psico-Sociale di Vimercate. Vegetariano, membro del CSA.


images(17)
135158472-25e78c64-865d-4793-a40b-bbd44389753e
image
tiz

Mitico Tiziano Ferro!

Categorie: Senza categoria | 5 commenti

Vivisezione

Oggi voglio parlare di un tema a me molto caro: la vivisezione.
Un tema che divide e di cui si parla pochissimo.
Questo grazie anche ad una sempre più radicata ignoranza di “persone” che continuano a considerarsi
superiori agli animali, con tanto di diritto sulla loro vita e morte. Troppo spesso sento “persone” affermare
che il cane deve capire chi comanda, chi è il padrone e qual’è il suo posto in casa… Idem con i cavalli.
Questo retrogado modo di pensare, dovuto ad una sottocultura di fondo e a una stupidità nel non
voler vedere la verità, è molto pericoloso sia per i nostri fratelli animali che per gli uomini.
In questo modo si giustificano i macelli, la  vivisezione, i circhi, le pellicce…. Tutto questo continua a
creare sottocultura, morte, sofferenza e assassini ignoranti. Per fare una volta per tutte chiarezza su
certi argomenti ho scelto questo semplice testo che tutti possono capire e che invito a leggere con attenzione:
“L’analisi effettuata dalla LAV su centinaia di protocolli sperimentali, provenienti da tutta Italia,
inviati dai ricercatori Ministero della Salute prima di apprestarsi a svolgere esperimenti su animali, dimostra un grave inadempimento da parte degli utilizzatori. Infatti, non uno dei protocolli riporta una giustificazione dettagliata e circostanziata sul ricorso all’animale a causa dell’impossibilità di impiegare tecniche sostitutive. Queste, sembra, vengono semplicemente ignorate; forse perché, come molti utilizzatori di animali ritengono, le colture cellulari (uno dei metodi più diffusi che non fanno uso di animali), non sono efficaci quanto l’animale stesso. Eppure un importante dato emerso a questo riguardo nella stesura del Rapporto LAV 2004 La vivisezione in Italia regione per regione è che quasi il 40% degli animali viene ucciso con il solo scopo di allestire colture cellulari; se al posto di questi venissero impiegati tessuti umani provenienti da biopsie, interventi chirurgici di vario tipo o da cadavere, si risparmierebbe la vita a circa 400.000 animali ogni anno. Dal 2003 anche l’Italia è dotata di un organo per la diffusione dei metodi alternativi, l’IPAM (Italian Platform on Alternative Methods), costituita, come tutte le piattaforme degli altri paesi europei, da rappresentanti di quattro aree di interesse: istituzioni governative, industria, mondo scientifico(università/enti di ricerca), organizzazioni animaliste e per il benessere animale, e che conta fra i suoi soci fondatori e sostenitori la stessa LAV. Il compito principale dell’IPAM è quello di promuovere e favorire l’implementazione dei metodi alternativi favorendo lo scambio di informazioni scientifiche e di competenze tra le quattro aeree, dando impulso all’ulteriore sviluppo e perfezionamento dei metodi alternativi alla sperimentazione animale in Italia, sensibilizzando l’opinione pubblica, il governo e gli stabilimenti utilizzatori, affinché, nella pratica della sperimentazione, vengano più facilmente accettati i metodi alternativi disponibili. Nel febbraio 2004 la LAV ha rilanciato la campagna sul tema dell’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale per la diffusione della legge 413/93 che riconosce a studenti e ricercatori il diritto a dichiararsi obiettori alla sperimentazione animale.Circa la metà delle quasi 50 università italiane con facoltà di tipo biomedico hanno risposto alle nostre istanze relative alle modalità di pubblicizzazione della legge in materia positiva, spesso richiedendo esse stesse il materiale divulgativo per garantire a tutti gli studenti l’accesso a questo importante diritto, storica vittoria della LAV. È tuttavia preoccupante rilevare quanto ancora questa legge – ormai in vigore da undici anni – venga ancora troppo spesso ignorata, e che in alcuni casi sia servito l’intervento di un’associazione e del suo legale per ottenere la semplice comunicazione di un diritto. In alcuni casi risulta poco chiaro il fatto che l’obiezione di coscienza sia applicabile per tutti i casi connessi alla sperimentazione animale, e non solo all’ambito didattico, sebbene sia questo quello nel quale l’esercizio della legge abbia più senso di esistere. In realtà già oltre il 70% delle esercitazioni didattiche in Italia non ricorre all’impiego di animali, e questo testimonia la loro inutilità in questo settore…. Sono circa 45.000, invece,  gli animali che ogni anno muoiono sfigurati da rossetti, intossicati da profumi, bruciati da creme e saponi. Eppure, sono più di 8.000 gli ingredienti già disponibili per le aziende e centinaia i metodi alternativi di ricerca. Diversi sondaggi in tutta Europa hanno dimostrato che la maggioranza delle persone non crede che sviluppare nuovi cosmetici sia una valida giustificazione per far soffrire e uccidere animali.Prosegue il lavoro della LAV per la sensibilizzazione dei consumatori verso cosmetici non testati su animali, grazie all’adesione allo Humane Cosmetic Standard, l’unico standard riconosciuto a livello internazionale che fissa i criteri per l’approvazione di una ditta cosmetica che produce senza il ricorsoai test su animali. Dopo l’edizione del 1998, la LAV è alla stesura della sua seconda Guida ai prodotti cosmetici non sperimentati su animali, che prevede l’ingresso di una nuova figura come garante degli impegni presi dalle aziende: ICEA, l’Istituto di Certificazione Etica e Ambientale, ente che si occuperà di eseguire i controlli nelle aziende approvate in base allo standard internazionale per verificarne la loro conformità.Dalla fine di quest’anno sarà possibile riconoscere i cosmetici non testati su animali grazie alla dicitura:Stop ai Test su AnimaliApprovato da LAV (Lega Anti Vivisezione) (www.infolav.org)Controllato da I.C.E.A. (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale)(www.icea.info) n. 000Dal 2005 sarà presente anche il logo della European Coalition to End Animal Experiments (ECEAE), che gestisce lo standard e di cui la LAV è membro. Man mano che nuove aziende decideranno di aderire allo Standard verrà aggiornata la lista sul sito web della LAV; rispetto alla precedente edizione è stato registrato un incremento nelle aziende aderenti, sebbene non così importante come la LAV si era aspettata. A questo proposito Unipro, l’associazione italiana dei produttori di cosmetici, ha contribuito a non far decollare lo standard invitando i propri soci a non aderirvi, evidentemente per evitare una discrezione del consumatore tra aziende impegnate eticamente nel rispetto per gli animali e le altre. Questo testo è tratto dal volume:Animali non bestie Difendere i diritti, denunciare i maltrattamenti, a cura di Gianluca Felicetti, pubblicato da Edizioni Ambiente nel 2004 di cui consiglio vivamente la lettura.

Gli animali non sono cose dell’uomo, nè sono minimamente inferiori ad esso: sono esseri viventi con un cuore
che pulsa, un’anima che prova sentimenti profondi, gioia e dolore, amore e tristezza, un corpo che soffre come il
nostro.
Il torturarli, qualsiasi ne sia il motivo, non ha senso: è pura cattiveria!
E qui mi rivolgo anche a quell’ignorante schifoso del Renzi, grande sostenitore della vivisezione: ma te l’hanno messo
il cervello nel cranio quando sei nato? Io ci metterei lui al posto degli animali a vedere se gli piace!
Dove sta scritto che l’uomo possa sacrificare la vita degli altri per credere di salvare la propria?
Non esiste una razza superiore ad un’altra. NON ESISTE UNA SPECIE SUPERIORE ALLE ALTRE!
Ogni essere vivente ha diritto di vivere nel suo ambiente, libero, a fare quello per cui la Natura lo ha creato.
Nessuno deve permettersi di togliere la vita ad un altro essere, imprigionarlo o recargli sofferenze di alcun tipo.
L’uomo ha già distrutto più di mezzo pianeta. si è preso tutto lo spazio avvelenandolo con le sue schifezze riducendo ogni anno di più lo spazio per animali e piante.
Tantissime specie di animali e piante si estinguono.
L’uomo ne è la causa.
E’ ora di mettere fine a questo scempio ingiusto!
Personalmente io sono vegetariana dall’età di 4 anni e sono cresciuta benissimo, sana e forte.
Non uso niente, nemmeno farmaci, che siano testati su animali ( c’è scritto sopra o sul sito della LAV), e non indosso mai niente fatto con la pelle o il pelo degli altri.
Un tempo si credeva che noi donne fossimo esseri inferiori ( qualche incivile sottocultrata popolazione lo crede ancora). Poi è toccato alle razze varie.
Adesso è ora che tutti capiscono che nemmno gli animali sono inferiori a nessuno.
Anzi: da loro c’è solo da imparare!

 

Categorie: Senza categoria | 12 commenti

Droghe

Come insegnante mi batto sempre contro l’uso di dorghe e alcol tra i giovani ( ma vale per tutti).
Sarà che io l’unica dipendenza che ho sempre avuto è quella per gli animali e per la famiglia, ma chi fuma,
beve e si droga non l’ho mai capito! Perchè ci si vuole così male? Ormai lo sanno tutti cosa comporta
l’uso di certe sostanze.
Ma per farlo capire a chi magari non lo sapesse già, o magari ha qualche dubbio, ogni anno, più volte all’anno,
a costo di risultare rompicoglioni, faccio lezioni sulle droghe, sull’alcol, sul fumo e sui terribili effetti nocivi che provocano.
Quando la scuola permette mi faccio supportare da medici che hanno curato patologie derivanti dall’uso e abuso
di queste sostanze, e spesso anche da persone che ci si sono rovinate la vita e la salute.
Vedendo di persona fumatori e fotografie di fumatori senza denti e con la pelle gialla parecchi dei miei studenti
hanno di colpo smesso di fumare! E il loro corpo, ma anche i bagni della scuola, ringraziano!
Immagino cos’abbia suscitato in loro la vista di ex drogati ridotti a pelle e ossa, senza capelli, parecchi in foto
all’ospedale con il cervello andato per sempre! E sappiate tutti che basta una canna a provocare danni
cerebrali!
Ma il mercato della droga non si ferma certo perchè una povera insegnante che vede nei propri studenti
persone da tutelare, il nostro futuro e non delle larve da rincoglionire per meglio controllarli e guadagnarci soldi, e
saltano sempre fuori delle droghe nuove da cui mettere in guardia i ragazzi.
L’ultima arriva dalla Russia e pare sia una droga che, orrore degli orrori, si può fare anche in casa e provoca dipendenza dopo solo due iniezioni!
Ha tre volte più effetto dell’eroina con l’aggiunta che questa squarcia letteralmente la pelle! E la rende subito di un
bel colore verdastro dopo il primo utilizzo. Per questo è stata chiamata kokodil, perchè la pelle si squama e diventa verde come quella dei rettili.
Ma questo ” è il meno”: codesta sostanza è talmente acida ( contiene benzina, iodio e detersivo)da arrivare a dissolvere il tessuto osseo, tanto da arrivare al dover amputare gli arti. Sul cervello e sugli altri organi interni ha effetti devastanti!
Le prospettive di vita per chi ne diventa dipendente sono bassissime e il disontossicarsi è quasi impossibile,
vista la dipendenza che dà.
Nonostante questo solamente in Russia la usano già circa 5 milioni di “geni” in costante aumento!

Altra pericolosissima droga è il mefedrone, sostanza stimolante del sistema nervoso centrale,che viene venduta perfino su internet senza che nessuno muova un dito.
Gente paga per avere: ansia, tahicardia, panico, ipertensione, allucinazioni, crisi di memoria, convulsioni, psicosi varie, aggressività, anoressia, autolesionismo, fino ad arrivare a casi di morte immediata.
Ma la cosa che colpisce di più è che chi la assume arriva a diventare cannibale!
Per questo viene chiamata “droga degli zombie”.

Ma come cavolo si fa, mi chiedo????????? Perchè la gente, i giovani, si odia così tanto da volersi annientare
in questo modo? Questa merda in Russia la usano già i ragazzini di 11/12 anni! Ci rendiamo conto?
Perchè non c’è la pena di morte per chi s’inventa stè schifezze e per chi le spaccia?

Ragazzi la vita è bella! Godetevi le cose belle che ci sono nel mondo e lasciate stare le schifezze!
Drogatevi perdendovi in un tramonto, negli occhi di chi amate, nell’accarezzare il vostro cane.
Fate sport, fate l’amore, leggete, scrivete, dormite……Ma
NON DROGATEVI MAI!

Personalmente le mie uniche dipendenze sono sempre state queste…….

bambini-a-cavallo

64256_591611967519507_473174944_n-CopiaBambini-e-Animali-Domestici

Categorie: Senza categoria | 25 commenti

I sei Avi

I sei Avi hanno
messo in questo mondo
molte creature
e tutte devono essere felici.
Ogni essere, ogni piccola cosa
assolve un compito preciso:
essere felice
e avere l’energia per rendere felici.
Come i fili d’erba in un prato
si protendono l’uno verso l’altro,
così dobbiamo fare noi.
Poichè così hanno voluto gli Avi del mondo.

Hehaka Sapa ( Alce Nero) – Oglala Lakota

images_q_tbn_ANd9_Gc_RPKl_PPHv_Rll_Git5_Gmw_P3_j2uoj0_U

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Neve nera

Non c’è limite al peggio!
Pare che l’uomo goda nell’autodistruggersi e ogni giorno s’inventa qualcosa di nuovo per annientare
sè stesso ed il proprio pianeta. Dalle guerre, al consumo sconsiderato delle risorse di cielo, terra e mare,
l’inquinamento in costante aumento e sempre più nocivo,che hanno portato al’estinzione di tantissime specie animali e
vegetali e messo a rischio altre.
Come cellule cancerogene avanza e distrugge fino alla distruzione totale. Come in qui libri di fantascienza,
dove gli alieni invadono i pianeti e ne succhiano le risorse fino alla fine per poi spostarsi a distruggere un altro pianet ancora. Solo qui l’alieno è l’uomo.
L’ultima schifezza scoperta risale allo scorso Settembre ed è veramente inquietante.
Un team di scienziati guidati da Jason Box ( Geological Survey of Denmark
and Greenland ) ha trascorso la scorsa estae nel Circolo Polare Artico per documentare l’allargamento dei ghiacci
in Groenlandia.
E invece hanno scoperto che l’area da studiare e documentare, a 67 gradi latitudine nord, a 1.010 m sul livello del mare, aveva buche profonde da mezzo metro fino ad un metro con polvere e detriti scuri, chiamati crioconite, detriti trasportati dal vento, provenienti da deserti, incendi, centrali a carbone e motori diesel.
La neve  da bianca splendente era diventata nera, sporca! Idem il ghiaccio, ormai da tempo diventato meno trasparente
ed un po’ più scuro, era decisamente più nero.
“Mai visto una cosa simile – ha affermato scioccato Box – Ero davvero sorpreso e sono molto preoccupato
per questa situazione. ” Box sta ricercado la fonte di questa fuliggine che ha chiamato Neve nera.
Questa terribile novità dello spesso strato di fuliggine rappresenta una nuova minaccia per l’Artico e per tutti
i suoi abitanti: infatti riduce la riflettività del ghiaccio e lo fa sciogliere molto più rapidamente accellerando la scomparsa dei ghiacciai.
Questo significa morte certa per gli orsi bianchi, le volpi e i lupi artici, le foche, le pernici artiche, i caribù, gli ermellini, i buoi muschiati, le lepri artiche, i trichechi, i beluga, le balene, i calmari giganti e i narvali, le sterne artiche, le fregate, gli squali artici e il già raro capelin.
Senza contare quei popoli che hanno il coraggio di vivere nel Circolo Polare Artico senza mai chiedere niente a nessuno: gli Inuit e gli Yupik, Indiani che vivono prevalentemente nelle zone dell’Alaska.
Oltre ai terribili danni che lo scioglimento dei ghiacci comporterebbe a tutto il resto del mondo!
Una fine orribile per tutti!
Non voglio essere catastrofista, ma la situazione è già gravissima, ma nessuno ne parla mai perchè tutti
vivono nel presente e siamo trattati come degli stupidi manovrati da chi si arricchisce alle spalle del mondo
intero senza giardare in faccia a nessuno.

Ma possibile che l’uomo sia l’unico animale sulla Terra che distrugge
sè stesso ed il suo stesso mondo senza nemmeno rendersene conto????
Eppure continua a perseverare perchè è egoista, stupido e non
pensa agli altri animali e agli uomini di domani!!!
Ogni giorno di più mi convinco che non siamo altro che il  frutto di un errore genetico o di qualche esperimento
mal riuscito di alieni.
Comunque sia era molto meglio se restavamo scimmie!!!
Invece ci siamo involuti….E ci autodistruggremo con le
nostre stesse mani.
Mi dispiace solo per gli animali che non hanno nessuna colpa per la stupidità umana!
La scienza e l’intelligenza, per i pochi che ne sono provvisti, dovrebbero essere usate per aiutare e fare
del bene, non per distruggere!

4-4

418__880pupseal01

Categorie: Senza categoria | 13 commenti

Il carnevale della parità

Un’assurdità infatti. Innanzitutto non si dovrebbero dividere le persone tra etero gay,bisex,perché una persona va valutata per con si comporta e non per i gusti sessuali.E poi: come fai a pretendere dei diritti se ti conci così e la butti tutta sul sesso? Ovvio che poi nessuno ti prende sul serio e ti giudica un pervertito! E poi il bambino!!! I bambini non si toccano e vanno assolutamente lasciati fuori da queste pagliacciate.Trovo orribili quei genitori che hanno conciato un figlio così! E poi si chiedono perché in tanti sono contro le adizioni gay……Un conto è manifestare contro le discriminazioni sessuali,un altro é vestirsi da carnevale e rendersi ridicoli.E soprattutto metterci di mezzo i bambini!

maxima notizie magazine

gay pride

di Marilena Rodi

Un tempo le donne che indossavano abiti succinti e provocanti, nudità imbarazzanti e oggetti (sado-maso) di seduzione, mi pare fossero etichettate in certo modo.

View original post 580 altre parole

Categorie: Senza categoria | 2 commenti

Cerchio Sacro

Tutto ciò che il Potere del Mondo fa,
lo fa in circolo.

Il Cielo è rotondo, e ho sentito dire
che la Terra

è rotonda come una palla, e che così sono le Stelle.

Il Vento, quando è più potente, gira in turbini.

Gli uccelli fanno i loro nidi circolari,

perché la loro religione è la stessa nostra.

Il Sole sorge e tramonta sempre in circolo.

La Luna fa lo stesso, e tutt’e due sono rotondi.

Perfino le stagioni formano un grande circolo,

nel loro mutamento, e sempre ritornano

al punto di prima.

La vita dell’uomo è un circolo,

dall’infanzia all’infanzia,

e lo stesso accade con ogni cosa

dove un potere si muove.

Le nostre tende erano rotonde,

come i nidi degli uccelli,

e inoltre erano sempre disposte in circolo,

il cerchio della nazione, un nido di molti nidi,

dove il Grande Spirito voleva

che noi covassimo i nostri piccoli.

Alce Nero (Heaka Sapa)   (1863 – 1950)
Sioux Oglala

Pubblicato da Indiana

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Mood Music Tag

La mia carissima amica virtuale Alice Jane Raynor,alicejaneraynor.wordpress.com, che oltre
ad essere simpaticissima è anche un’eccellente scrittrice, mi ha taggata per questo nuovo gioco musicale.

Mood Music Tag, è dedicato alla musica, alle canzoni che sentiamo nostre, che ci regalano momenti di positività, creato da GHB Memories. Le regole di questo tag sono le seguenti:

  •  Scegli almeno 5 tracce musicali (o più) che rispecchino alcune emozioni o stati d’animo al positivo.
  • Tagga almeno 5 blogger (o anche di più ) e avvisali di averli taggati.
  •  Cita il blog creatore dell’iniziativa.
  •  Se vuoi spiega anche brevemente perché hai scelto alcune tracce piuttosto che altre.Che dire? Io ascolto quasi solamente heavy metal, o musica dei Nativi Americani che sono stati anche la colonna
    sonora del mio matrimonio e delle mie gare di dressage!
    Quando le mie compagne di scuola impazzivano per i tizi dei Duran Duran io ero innamoratissima
    di Tom Araya, il cantante/bassista del mio gruppo preferito in assoluto: gli Slayer!
    Che ho anche avuto la fortuna di conoscere a uno dei loro meravigliosi concerti.
    Quindi per me valgono tutti i loro album e citerò, tra questi, le canzoni che hanno fatto da colonna sonora
    ad alcuni dei miei ricordi più belli:
  •  Hell Awaits;
  • Angel of Death;
  • Reign in blood;
  • Show no mercy;
  • Haunting the chapel;
  • Dead skin mask;
  • War ensemble;
  • Spirit in black;
  • Live undead;
    Mi fermo sennò le scrivo tutte.Dopo gli Slayer vengono gli Iron Maiden:
  • Purgatory;
  • Prowler;
  • Aces High;
  • Flight of Icarus;
  • The trooper;
  • Hallowed be thy name

Poi ci sono i Metallica:

  • One;
  • Nothing else matters;
  • Master of Puppets;
  • The Four Horsemen:
  • Metal Militia;
  • Seek e Destroy;
  • Welcome home Sanitarium.Poi adoro i Sacred Spirit, in particolare le canzoni:
  • Prayer for the Four Directions;
  • Tor-Cheney-Nahana (Winter ceremony);
  •  Yo-Hey-O-Hee (Brandishing the tomahawk);
  • Ly-O-Lay Ale Loya (The counterclock wise circle dance);E Robbie Robertson, in particolare:
  • Ghost Dance;
  • Coyote Dance;
  • Akua Tuta;
  • Mahk ichi.Taggo tutti coloro che vogliono condividere la propria passione per certe canzoni.
    E vi lascio con le foto del mio gruppo preferito e del mio Tom Araya ( solo due perchè mio marito è ancora
    gelosissimo……). Donne ammirate:

3f897026c19d65cdb668dd07b4a95145images(14)slayer-south-of-heaven

Categorie: Senza categoria | 4 commenti

Blog su WordPress.com.