La nostra festa

Stasera a casa mia ci sarà la festa per il Solstizio d’Estate!
Solstizio è la sosta del Sole, cioè il Sole per alcuni giorni ( dal 21 al 24 Giugno) sembra fermarsi in un punto preciso: infatti sorge e tramonta sempre nello stesso punto.
Si dice che sia il giorno più lungo dell’anno.
Io, la mia famiglia, Vanessa con la sua e qualche vicino, ci ritroveremo a mezzanotte precisa sotto il grande noce che si trova al centro di uno dei miei prati.
Intorno al noce abbiamo già creato il Sacro Cerchio con sassi di fiume, perchè tutto il mondo è circolare come la vita stessa. Ma prima di tracciare il Cerchio abbiamo simbolicamente spazzato il prato con una scopa di saggina arrotondata  in senso antiorario per puruficare l’ambiente e tolgliere le malignità.
Nei matrimoni Wiccan si usa “saltare la scopa” per consolidare l’unione.
Nel Cerchio abbiamo tracciato il Pentacolo che per noi simboleggia  quattro elementi essenziali metafisici: Fuoco, Terra, Aria, Acqua più lo Spirito Divino Femminile.
Quindi il Cosmo, l’ordine dell’intero universo.
La punta del Pentacolo, che rappresenta lo Spirito Divino insito in ogni animale e in ogni cosa,  è sempre rivolta verso l’alto; da essa la linea si porta in basso a destra del Pentacolo in un punto
che simboleggia l’Acqua senza la quale non esisterebbe la vita.Dall’acqua si risale verso l’Aria, poi la Terra, nostra Grande Madre, sui cui ha origine la vita e il Fuoco, la scintilla sacra.
Inoltre le tre punte superiori sono la rappresentazione della Triplice Dea e della sua triplice manifestazione, mentre le due inferiori rappresentano il Dio.
Sarà acceso un grande Fuoco, ci sarà l’Acqua del laghetto delle anatre, l’Aria che a casa mia non manca mai, e saremo a piedi nudi sulla Terra.
Noi donne avremo i capelli intrecciati con i fiori che si trovano adesso, quindi rose, selvatiche e non,  margherite, iris, girasoli….
Vanessa è quella che dovrà intrecciare i miei lunghissimi capelli e mentre scrivo sta già cominciando….
Non la invidio per niente.
Mangeremo tante cose buone provenienti dai nostri campi, orti e frutteti in questa stagione, abilmente cucinate dai nostri cuochi/ e di cui io non faccio parte se non per i dolci ( chi cucina in casa è mio marito): ci saranno le ciliegie, le fragoline di bosco per cui io ho una vera passione, le verdure come melanzane, zucchine, rucola, cicoria, carote, pesche, pere e albicocchecucinate nei più svariati modi nell’antico Calderone.
Tutto accompagnato dal nostro pane,  focaccia, vino e birra fatti in casa.
Gli animali presenti saranno tutti vivi perchè nessuno della mia religione mangia la carne degli altri.
E siccome quando noi festeggiamo e siamo contenti lo devono essere anche gli altri, porteremo doppia razione di pappa sia agli animali “domestici” che a quelli dei boschi che circondano casa mia.
Attenderemo il sorgere del Sole con danze e canti e raccoglieremo le erbe bagnate dalla rugiada.
Se non farà troppo freddo faremo il bagno nel laghetto con le mie anatre e oche, altrimenti immergeremo solo i piedi.
E quest’anno abbiamo anche la fortuna che la notte del Solstizio avviene di sabato: Sabato era il nome di un fiume sacro ai Longobardi nella cui valle sorgeva il noce utilizzato per i riti pagani, dentro il quale si nasconderebbe il Serpente della Conoscenza.

E per celebrare la sacralità del Cerchio Sacro a voi un magnifico pensiero di Hehaka Sapa:

Tutto ciò che il Potere del Mondo fa,
lo fa in circolo.

 Il Cielo è rotondo, e ho sentito dire
che la Terra

è rotonda come una palla, e che così sono le Stelle.

Il Vento, quando è più potente, gira in turbini.

Gli uccelli fanno i loro nidi circolari,

perché la loro religione è la stessa nostra.

Il Sole sorge e tramonta sempre in circolo.

La Luna fa lo stesso, e tutt’e due sono rotondi.

Perfino le stagioni formano un grande circolo,

nel loro mutamento, e sempre ritornano

al punto di prima.

La vita dell’uomo è un circolo,

dall’infanzia all’infanzia,

e lo stesso accade con ogni cosa

dove un potere si muove.

Le nostre tende erano rotonde,

come i nidi degli uccelli,

e inoltre erano sempre disposte in circolo,

il cerchio della nazione, un nido di molti nidi,

dove il Grande Spirito voleva

che noi covassimo i nostri piccoli.

 

Alce Nero (Heaka Sapa)   (1863 – 1950)
Sioux Oglala

Annunci
Categorie: Senza categoria | 10 commenti

Navigazione articolo

10 pensieri su “La nostra festa

  1. gian2014

    c’è un posto anche per me? ci sarò virtualmente…ripasso più tardi

    Liked by 1 persona

  2. Certo :)))

    Mi piace

  3. io sarò con pier, marco e fabienne sulla mia torre…

    Liked by 1 persona

  4. gian2014

    la nazione, un nido di molti nidi…basterebbe immedesimarsi nel significato profondo di questa frase per rendere il mondo – gli uomini- molto migliore…
    Non mi piacciono le feste religiose, lo sottolineo (qualunque sia la religione) perché fanno sentire esclusi gli altri che religiosi non sono, o forse perché ci sono sempre e comunque gli “intermediari”, la casta sacerdotale comune a tutte le religioni, che pretendono di conoscere, di sapere, di essere speciali di fronte al dio di turno…ciò non toglie che sia affascinato da certi “riti” (non so bene come definirli), dal considerare gli animali e le cose della terra pervasi da uno spirito divino, dalla consapevolezza che ci è stata regalata una natura che dovremmo proteggere e amare…e allora un sincero augurio di “buona festa”, a te e a tutti i partecipanti..e buon bagnetto tra anatre e oche (se da te c’è la stessa temperatura che c’è oggi dalle mie parti, l’acqua del laghetto sarà vicina al punto di ebollizione)

    Liked by 1 persona

  5. Nessun sacerdote da noi!Abbiamo solo guide spirituali,sciamane. Nella nostra religione,che é una filosofia e una scelta di vita,tutti sono uguali:persone,animali,vegetali.Nessuno sta più in alto o più in basso e niente viene imposto,ma scelto solo se si vuole.Ognuno é libero di fare tutto quello che vuole purché non faccia del male o disturbi gli altri o la Natura con i suoi figli.Pensa che c’è ancora chi ha paura di noi….E ti dirò che chi non rispetta le donne,gli anziani,i bambini,gli animali e la Natura va bene!Non siamo di quelli che porgono l’altra guancia!Siamo praticamente uguali ai Nativi Americani delle Pianure o ai samurai che dicevano:” Nella vita puoi fare tutto quello che vuoi,ma lascia in pace chi amo altrimenti pagherai con la vita.”
    P.s: Il nostro laghetto era freddissimo!Qui passiamo gli 800 mt e alla sera dormiamo ancora col trapuntino 😄

    Mi piace

  6. gian2014

    come è andata la festa? a parte il laghetto gelido

    Liked by 1 persona

  7. … che bella serenità mi ha regalato questo post! Grazie

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: